Viareggio Cup 2018: le date, le squadre, i talenti da seguire

Tutto quello che c'è da sapere sulla 70esima edizione di uno dei tornei giovanili più importanti al mondo, la Viareggio Cup.

Logo della Viareggio Cup

1 condivisione 0 commenti

di

Share

Avrà inizio lunedì 12 marzo l'edizione numero 70 della Viareggio Cup, manifestazione anche conosciuta come “Torneo di Viareggio” o “Coppa Carnevale” che nasce nel lontano 1948.

È in quell'anno che il Centro Giovani Calciatori di Viareggio, sorto appena l'anno precedente sull'onda della voglia di rinascita che si respira in tutto il Paese dopo gli orrori della seconda guerra mondiale da poco alle spalle, organizza la prima edizione di un torneo rionale che nello spirito degli ideatori avrà un duplice scopo: vedere nuovamente dei giovani correre spensierati su un campo di calcio alla caccia di un pallone e, contemporaneamente, segnalare i migliori alla squadra cittadina, che proprio in quella stagione assapora per l'ultima volta nella sua storia la Serie B.

Nonostante nell'aria si respiri un certo ottimismo, il Viareggio scomparirà dai radar delle massime divisioni calcistiche. Non accadrà così invece per la Viareggio Cup, che già dall'anno successivo inviterà le migliori squadre italiane e straniere ad un torneo giovanile che con il passare del tempo diventerà uno dei più prestigiosi e seguiti al mondo. Ancora oggi, nonostante una naturale flessione causata dalla nascita di numerose manifestazioni internazionali patrocinate dalla UEFA – come ad esempio la Youth League – la Viareggio Cup rimane un appuntamento importantissimo e molto seguito, spesso vero e proprio “battesimo del fuoco” per tanti giovani che diventeranno stelle di domani.

Il Sassuolo vincitore della Viareggio Cup 2017
Il Sassuolo trionfatore dell'ultima edizione della Viareggio Cup

Viareggio Cup, quando e dove si svolgerà

La Viareggio Cup 2018 avrà inizio lunedì 12 marzo con il giuramento che tradizionalmente viene letto ogni anno prima che il torneo cominci allo Stadio dei Pini “Torquato Bresciani”: quest'anno l'onore spetterà a Federico Chiesa, uno dei giovani più interessanti del nostro calcio e già prossimo a entrare nel giro della Nazionale maggiore.

Subito dopo il giuramento il torneo avrà inizio, andando avanti fino al 28 marzo, giorno in cui come da tradizione si giocherà, sempre allo Stadio dei Pini di Viareggio dove tutto ebbe inizio, la finalissima che lo scorso anno ha visto trionfare il Sassuolo.

La Viareggio Cup sarà giocata in diverse sedi: i campi principali saranno lo storico “Torquato Bresci” di Viareggio e il “Ferdeghini” di La Spezia, mentre saranno coinvolte anche le province di Firenze, Pistoia, Ferrara, Livorno e Lucca. Televisivamente sarà coperta da Rai Sport, che manderà in onda un totale di 17 gare.

Stadio dei Pini, Viareggio
Lo Stadio dei Pini "Torquato Bresci", tradizionale sede della Viareggio Cup

Le squadre partecipanti

Sono quaranta le squadre partecipanti, otto in più rispetto all'ultima edizione: saranno divise in dieci gironi che ne qualificheranno agli ottavi di finale 16. Tra queste non manca ovviamente il Sassuolo campione in carica, così come non saranno presenti le tre tradizionali “big” del calcio italiano Inter, Juventus e Milan. Presenza pressoché fissa del torneo è la Fiorentina, 68 presenze su 69: per ben 34 volte i Viola sono arrivati in semifinale, per 16 in finale e hanno alzato il trofeo al cielo in 8 occasioni. Curiosità per la Rappresentativa Serie D, che tenterà di dare luce ai tanti talenti sparsi nei campionati dilettantistici.

Oltre a 27 squadre italiane, presenti anche 13 rappresentative straniere: dovevano essere 15, ma proprio all'ultimo i ghanesi del Nania e i paraguaiani del Nacional 1950 si sono trovati impossibilitati a partecipare, venendo sostituiti rispettivamente da Salernitana e Virtus Entella. Saranno rappresentati comunque tutti e 5 i Continenti: l'Africa avrà i nigeriani dell'Abuja, l'Oceania l'APIA Leichhardt Tigers Football Club, l'Asia addirittura la rappresentativa della Cina Under-19.

Due squadre sudamericane, i colombiani del Deportes Quindio e gli argentini della Patagonia del C.A.I., e due squadre per il Nord America: lo United Youth Soccer Star New York e l'Euro New York. Folta, infine, anche la rappresentativa europea: AZ Alkmaar, Club Bruges, Partizan Belgrado, PAS Giannina, Riga e Rijeka.

Facundo Colidio, centravanti dell'Inter Primavera
Pagato ben 7 milioni, Facundo Colidio dell'Inter è uno dei protagonisti più attesi di questa Viareggio Cup

I talenti da tenere sott'occhio

Ogni formazione può registrare fino a 28 giocatori, tutti nati dal 1° gennaio 1999 tranne quattro fuori quota che comunque devono essere nati nell'anno precedente. Trattandosi di calciatori molto giovani è possibile che le rose varino anche all'ultimo momento e che i protagonisti possano persino non palesarsi, così come che qualche nome sfuggito ai radar dei migliori scout possa diventare la stella della manifestazione.

La scorsa stagione il “Golden Boy” del torneo è stato Carlo Manicone, attaccante dell'Empoli adesso in forza al Lugano e figlio di Antonio, ex-Inter e attuale vice del CT della Svizzera Vladimir Petkovic.

I nomi caldi sono quelli del portiere del Bologna Ravaglia, del fantasista del Benevento Alessio Donnarumma e del bomber austriaco della Juventus Arnel Jakupovic. La Fiorentina tenterà di rilanciare Diakhaté, già visto in prima squadra, e di scoprire un nuovo Federico Chiesa, un altro figlio d'arte, il talentuoso attaccante esterno Riccardo Sottil. Grande curiosità intorno all'argentino Facundo Colidio, centravanti dell'Inter classe 2000: per prelevarlo dal Boca Juniors i nerazzurri hanno sborsato ben 7 milioni! Alle sue spalle potrebbe mettersi in luce il trequartista Nicolò Zaniolo, che per molti ha un futuro già garantito. Talenti a cui il Milan tenterà di rispondere con il fantasista portoghese Tiago Dias, prelevato dal Benfica su consiglio dell'ex-Rui Costa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.