Inter, Ronaldo: "Vorrei rigiocare quella partita del 5 maggio 2002"

Il Fenomeno torna sulla partita con la Lazio che costò lo Scudetto ai nerazzurri nel 2002: "Meritavamo di vincere più trofei, combattevamo un sistema corrotto".

1k condivisioni 0 commenti

Share

L'Inter ha festeggiato ieri il suo compleanno e alla festa per celebrare i 110 anni dalla sua fondazione non poteva certo mancare uno dei giocatori più forti della sua storia: Luis Nazario de Lima, detto Ronaldo.

Il Fenomeno è stato introdotto nella Hall of Fame della società nerazzurra e una volta salito sul palco ha parlato dei suoi trascorsi con il club di Corso Vittorio Emanuele II, non risparmiando anche qualche frecciata polemica.

Nella memoria del 2 volte Pallone d'Oro infatti sono rimaste impresse le delusioni di quegli anni, in particolare la beffarda sconfitta contro la Lazio che nel 2002 costò all'Inter uno Scudetto che sembrava già vinto.

Inter, Ronaldo: "Vorrei rigiocare la partita contro la Lazio del 5 maggio 2002"

Preso il microfono, Ronaldo si è detto onorato di aver indossato la maglia dell'Inter e ha voluto ringraziare tutte le persone che lo hanno accompagnato e aiutato in quelle 5 stagioni, in particolare il presidente Moratti.

Per me è un onore entrare nella Hall of Fame, devo ringraziare il presidente Moratti per avermi portato all'Inter. È qui che sono diventato il Fenomeno.

A margine del suo discorso dopo l'introduzione nella Hall of Fame insieme ad altre leggende nerazzurre come Walter Zenga, Javier Zanetti e Lothar Matthäus, il brasiliano ha fatto anche qualche dichiarazione polemica sulla Juventus.

Nel periodo in cui ero a Milano combattevamo un sistema corrotto che poi abbiamo scoperto. Meritavamo di vincere molto di più.

Dopo la premiazione, Ronaldo ha parlato anche ai microfoni dei giornalisti ed è tornato su uno dei momenti sportivamente più tristi della sua carriera: quell'ormai famoso Lazio-Inter del 5 maggio 2002.

Vorrei rigiocare quella partita, abbiamo fatto tanti errori: potevamo vincere lo Scudetto.

Dichiarazioni da cui si sente l'amore che Ronaldo prova per i colori dell'Inter e il rimpianto per una delle poche delusioni di una carriera straordinaria come quella del Fenomeno, che da ieri fa ufficialmente parte della Hall of Fame nerazzurra.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.