Champions League, i 5 fotogrammi che descrivono Tottenham-Juventus

Dal testa a testa tra Buffon e Chiellini all'abbraccio della dirigenza, ecco cinque immagini che raccontano il match di Wembley.

Champions League, i 5 fotogrammi del trionfo bianconero

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Un secondo tempo ad altissimo livello, da fotografare e fotografare e fotografare ancora: la Juventus batte il Tottenham a Wembley e passa ai quarti di finali di Champions League. È il trionfo dell'Allegria, dei cambi azzeccati e di una rimonta da grande squadra. La mentalità vincente che emerge nonostante un primo tempo da 4 in pagella. Eppure...

Eppure nella ripresa la Juventus cambia il volto della partita. Chissà cosa avrà detto Allegri in quel quarto d'ora di intervallo. Sicuramente è stato convincente: ai bianconeri è bastato prendere coraggio, è bastata la zampata di un campione come Higuain, che ha anche servito l'assist per il raddoppio di Dybala. Ma non solo.

Gli ingredienti di una ricetta vincente sono anche altri: 40 grammi/anni di Buffon, che continua a guidare una difesa che sembra non invecchiare mai; un etto di Chiellini, che fa una chiusura da capogiro in un momento delicato; una spolverata di Barzagli, che interviene sulla linea e spara nello spazio un pallone pericolosissimo. Fotogrammi di una partita di Champions League a due facce, che alla fine ha sorriso alla Juventus. Ecco le 5 immagini più significative del match.

Champions League, 5 fotogrammi che descrivono Tottenham-Juventus

1) Il gesto atletico/di stizza di Agnelli

Perché ci vuole equilibrio anche nelle arrabbiature; perché se subisci un gol che può compromettere la qualificazione non puoi non prenderla male: un tiro sbucciato che passa vicino a Chiellini e supera un Buffon già a terra. La reazione è giustificata. E parecchio atletica.

2) Esultanza testa a testa Buffon-Chiellini

Esultanze rabbiose e dove trovarle. Il segreto della Juventus è anche questo. Una coesione assoluta tra alcuni giocatori chiave nel reparto più delicato: Chiellini fa un intervento miracoloso e salva una baracca che stava per crollare. Buffon lo scuote, lo abbraccia, sembra quasi volergli dare la più forte delle testate, perché tanto il Gorilla non sente nulla. Poi, ovviamente, arriva anche Barzagli.

3) Barzagli: combo salvataggio/rivendicazione/esultanza

Kane stacca di testa, Buffon è battuto, tutto sembra ormai perso, il pallone sbatte sul palo, si avvicina alla riga e... Spunta lui. Gigantesco. Convinto. Puntuale. Barzagli colpisce il pallone con tutta la forza che ha in corpo, e una frazione di secondo dopo dice che ha salvato, e un'altra frazione di secondo dopo esulta. What else?

4) Abbraccio finale Buffon-Dybala-Higuain...

Da bravo capitano, Buffon non esulta solo con le sue due colonne portanti, Chiellini e Barzagli; no, il numero 1 stringe forte anche i due argentini, decisivi per il passaggio ai quarti di Champions League. E li abbraccia forte: la Juve fa l'unione, l'unione fa la forza. 

5) ... identico all'abbraccio Agnelli-Nedved-Marotta

Questo fa capire lo spirito bianconero, che è lo stesso in campo e a livello dirigenziale. Una coesione totale, un abbraccio che va dal rettangolo di gioco alla tribuna. C'è una strana attrazione magnetica che spinge Agnelli, Nedved e Marotta nello stesso punto. Una calamita bianconera.

Fotogramma bonus

Un minuto di silenzio assoluto: il saluto di Wembley a Davide Astori.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.