Barcellona, preoccupazione per Dembélé: "Non fa vita da atleta"

Arrivato in Catalogna per la cifra-record di 105 milioni più svariati bonus, Dembélé finora non è stato capace di ripagare l'investimento. Colpa di un infortunio e di una vita sregolata.

2k condivisioni 0 commenti

di

Share

La prima stagione di Ousmane Dembélé al Barcellona non può certo essere definita fortunata. Per prelevarlo dal Borussia Dortmund i catalani hanno speso la bellezza di 105 milioni più una serie di svariati bonus che hanno portato il giovanissimo attaccante classe 1997, appena due stagioni da professionista alle spalle, a entrare nella storia del calciomercato sia come calciatore francese più pagato di sempre, alla pari di Paul Pogba, sia come acquisto più costoso nella storia del Barcellona, record poi infranto a gennaio con l'arrivo di Coutinho dal Liverpool.

Proprio l'arrivo di quest'ultimo, talento che in campo può ricoprire diversi ruoli ma principalmente un giocatore offensivo, può essere visto come un tentativo del Barça di rimpiazzare Neymar meglio di come sia riuscito a fare Dembélé, che nelle intenzioni della dirigenza avrebbe dovuto essere l'erede proprio di O Ney, passato al Paris Saint-Germain. Un'eredità che il giovane attaccante francese non ha potuto raccogliere per via di un infortunio che lo ha bloccato proprio all'esordio in maglia blaugrana.

Alla prima da titolare, infatti, Dembélé si è fermato dopo neanche mezz'ora di gioco per via di una lesione ai flessori della coscia sinistra, inconveniente che lo ha tenuto lontano dai campi per quattro mesi. Incidenti che possono capitare, solo che quando il francese è tornato, il 4 gennaio 2018, un nuovo problema fisico lo ha messo nuovamente fuori dai giochi. A quel punto il Barcellona ha voluto vederci chiaro, scoprendo così che Dembélé non conduce affatto "vita da atleta", e che questa potrebbe essere una causa dei suoi frequenti stop.

Ousmane Dembélé applaude
Ousmane Dembélé è alla sua terza stagione da professionista e ha giocato in tre campionati differenti: Ligue 1 (Rennes), Bundesliga (Borussia Dortmund) e Liga (Barcellona) dall'estate 2017.

Barcellona, attenzione sulle abitudini di Dembélé

Alcuni giorni fa il quotidiano tedesco "Bild" aveva rivelato che già nella stagione 2016/2017 trascorsa al Borussia Dortmund, Dembélé aveva mostrato di apprezzare in modo eccessivo il cosiddetto junk food, abitudine che potrebbe renderlo molto più incline della media agli infortuni, soprattutto quelli legati ai muscoli patiti in Spagna. Pare inoltre che il ragazzo sia un vero amante della vita notturna, e che non siano infrequenti le sere in cui fa tardi la notte:ovvie le ricadute sulla sua capacità di allenarsi e recuperare.

Nell'ultima partita contro l'Atletico Madrid il tecnico Valverde ha ordinato a Dembélé di scaldarsi, ma ha poi rinunciato a farlo entrare in campo nonostante l'andamento della gara sembrasse adatto alle caratteristiche del giocatore: i Colchoneros cercavano il pareggio e lasciavano ampi spazi in difesa, ideali per i rapidi contropiedi di cui Dembélé è capace. Il francese è parso poco motivato, assente: gli infortuni hanno sicuramente pesato, così come una vita che dovrà essere regolata. A questo si deve aggiungere il fatto che i suoi genitori si stanno separando e che l'inserimento nello spogliatoio blaugrana non è stato facile: ad oggi l'ex-Borussia Dortmund avrebbe legato solo con i connazionali Umtiti e Digne. 

In casa Barcellona c'è attenzione ma anche ottimismo: il giocatore andrà tenuto sotto controllo e aiutato, e lui stesso dovrà cambiare certe abitudini per ripagare il pesante investimento operato la scorsa estate dal club. Ma la convinzione è che superato questo "annus horribilis", le qualità di Dembélé verranno fuori e il francese diventerà un valore aggiunto per il Barça del futuro. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.