Liga, Sergio Busquets: "La morte di Astori è una notizia terribile"

Il centrocampista del Barcellona parla dopo la vittoria contro l'Atletico Madrid: "Era una partita importante. Mando un pensiero alla famiglia di Davide".

5k condivisioni 0 commenti

Share

Dopo la vittoria contro l’Atletico Madrid, il centrocampista del Barcellona Sergio Busquets ha parlato in esclusiva ai microfoni di Fox Sports (canale 204 di Sky).

Il giocatore spagnolo ha commentato i 3 punti arrivati nel big match della 27esima giornata della Liga, che hanno permesso ai catalani di aumentare il vantaggio sui Colchoneros.

Infine Busquets ha voluto dedicare un pensiero a Davide Astori, scomparso nella notte e a cui è stato dedicato anche un minuto di silenzio prima della partita.

Sergio Busquets
Busquets ha parlato ai microfoni di Fox Sports

Liga, Busquets: "La morte di Astori è una notizia terribile"

Si è parlato di questa partita come la finale della Liga. Dopo la vostra vittoria la Liga è chiusa?

Era una partita molto importante tra le prime due squadre della Liga ma il campionato non è ancora chiuso, mancano molte giornate. Avevamo 9 punti di vantaggio ma poi ci hanno rimontato. È sempre difficile perché le partite sono complicate e vincerà la squadra che sarà più regolare da qui alla fine. Adesso noi siamo in vantaggio e dobbiamo essere bravi pensando partita dopo partita.

Un altro gol di Messi su punizione. Ci racconti come si allena o se c’è qualche trucco?

In partita è sempre diverso da quello che succede in allenamento. Il modo che Leo Messi ha di colpire la palla è unico, ha allenato il piede fin da quando era piccolo e adesso è uno dei suoi colpi di classe. Sorprende anche noi ogni partita: una volta sotto la barriera, l’altra sul palo del portiere. Ha questa potenza e precisione che è impossibile da fermare.

Il capitano della Fiorentina Davide Astori purtroppo è mancato questa mattina. Come avete avuto la notizia e cos’è successo prima della partita?

È una notizia terribile per tutto il mondo del calcio, mandiamo un pensiero alla famiglia. Anche qui in Spagna anni fa era successo qualcosa di simile. Prima di essere calciatori siamo persone e questa notizia ci lascia un malessere molto grande.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.