La domenica dei fratelli Messi: Leo segna, il fratello si fa arrestare

Il numero 10 del Barcellona decisivo contro l'Atletico Madrid al Camp Nou, in Argentina il fratello arrestato per minacce con arma da fuoco.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Quella di casa Messi è stata una domenica agrodolce. Mentre Leo metteva la sua firma sulla vittoria del Barcellona al Camp Nou nello scontro diretto contro l'Atletico Madrid e su un buon pezzo della Liga 2017/2018 per i blaugrana, ora a +8 sulla seconda forza del campionato, a migliaia di chilometri di distanza suo fratello Matias finiva nei guai. Colpa di un alterco al volante.

I fatti riportati dai media argentini vedono protagonista il 35enne Matias Messi, fratello maggiore della stella del Barcellona già noto alle forze dell'ordine, e sono accaduti a Villa Gesell, cittadina a pochi chilometri da Buenos Aires. Tutto è accaduto alle 20.30 di sabato 3 marzo, ora locale: all’altezza dell’incrocio tra Avenida Buenos Aires e Paseo de los Pioneros, la Land Rover guidata da Matias Messi è stata protagonista di un lieve incidente con una Wolkswagen Vento.

L'impatto avrebbe fatto andare su tutte le furie Matias Messi: stando a quanto raccontato da alcuni testimoni il fratello del campione argentino sarebbe sceso dall'auto e avrebbe iniziato a inveire nei confronti di Javier Rivera, l'uomo al volante dell'altra vettura. Insulti restituiti dall'uomo innalzando i toni della discussione fino all'esasperazione.

Lionel Messi con il fratello maggiore Matias
Lionel Messi con il fratello maggiore Matias, 32 anni

La domenica dei Messi: Leo segna all'Atletico, il fratello Matias arrestato

Alle offese, secondo i testimoni, Matias Messi avrebbe replicato con le maniere forti, estraendo anche una pistola per minacciare il conducente dell'altra auto: fatti smentiti dal diretto protagonista che ha spiegato nella deposizione rilasciata a Pinamar di aver estratto dall'auto una chiave a croce. Rivera ha invece confermato le circostanze chiamando in causa due persone presenti al momento dei fatti. L'intervento della polizia locale ha aggravato la posizione di Matias: nella sua Land Rover sarebbe infatti stata trovata della marijuana, ma non l'arma. Risultato? Una notte in commissariato a Villa Gesell e l'accusa di lesioni e minacce con arma da fuoco.

Una notizia che ha preceduto di poche ore la disputa di Barcellona-Atletico Madrid 1-0, partita d'altissima quota della Liga decisa dal mancino fatato di Lionel Messi. Che al momento dell'ingresso in campo era sicuramente consapevole della notte in commissariato trascorsa da suo fratello Matias in Argentina. Per il 35enne non si tratta della prima querelle con le forze dell'ordine: nel novembre 2017 era stato arrestato nella città di Rosario per il porto illegale di un'arma da fuoco da guerra nella clinica dove era ricoverato per gli effetti di un incidente nautico. Per Leo una domenica di festa solo a metà.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.