Premier League, Luis Enrique troppo esoso: il Chelsea pensa a Sarri

La stampa inglese racconta delle pretese esagerate del tecnico asturiano che potrebbero convincere il Chelsea a guardare altrove. Per esempio, in casa Napoli...

700 condivisioni 0 commenti

di

Share

Comunque vada a finire la stagione - e le previsioni non sono particolarmente ottimistiche - sembra ormai certo che le strade del Chelsea e di Antonio Conte divergeranno a giugno, nonostante un contratto valido fino al 2019 e l'adorazione di Stamford Bridge per il tecnico italiano. Troppe le incomprensioni, soprattutto con la potente manager Marina Granovskaia, per poter immaginare che il matrimonio prosegua ulteriormente.

Ben consapevoli della situazione, i Blues si stanno muovendo con anticipo per trovare un valido sostituto, e da qualche settimana è il nome di Luis Enrique a svettare su tutti gli altri concorrenti. La Premier League sta diventando l'approdo naturale per i grandi allenatori provenienti dalla Liga, e l'asturiano, che peraltro parla un buon inglese, è considerato il profilo giusto, anche dal punto di vista caratteriale, per garantire discontinuità rispetto alle turbolente gestioni di Mourinho e Conte.

Tra il dire e il fare, tuttavia, c'è di mezzo il mare. Un mare di soldi. Secondo il Telegraph, l'annunciata unione tra Luis Enrique e il Chelsea potrebbe naufragare ancor prima di essere celebrata, a causa delle pretese esagerate dell'ex Barcellona in materia di ingaggio.

Premier League, Luis Enrique chiede troppo: Chelsea su Sarri

Sarri NapoliGetty
Maurizio Sarri continua a piacere al Chelsea

Nel suo trienno in Catalogna, Lucho non ha solo contribuito ad arricchire la bacheca del club con due Liga, tre Coppe del Re e la Champions League del 2015, ma anche il suo conto in banca: oltre 18 milioni di euro all'anno, bonus inclusi. Cifra che, a quanto risulta al quotidiano britannico, vorrebbe percepire anche a Londra.

Peccato che il Chelsea, in questo momento, stia pagando Antonio Conte poco più di 10 milioni di euro a stagione, stipendio che comunque fa dell'ex bianconero il tecnico più pagato della storia del club. E la ferma intenzione sembra essere quella di non infrangere questo primato. Anche perché va considerato che Conte non lascerà senza una sostanziosa buonuscita. 

Se Luis Enrique non abbasserà le sue pretese, sostiene il Telegraph, potrebbe sfumare anzitempo la possibilità di sedersi sulla panchina del Chelsea. A questo punto, potrebbero tornare di moda nomi di allenatori più economici (e almeno altrettanto bravi), come quello di Thomas Tuchel e, soprattutto, di Maurizio Sarri. Il tecnico del Napoli, in caso di vittoria dello Scudetto, potrebbe considerare chiuso il suo ciclo azzurro e guarderebbe con grande interesse a un'esperienza all'estero.

Curiosamente, Conte rischierà di trovarsi in una situazione molto simile a quella del suo (ex?) futuro successore. Lui sogna di tornare ad allenare in Serie A, ma anche la nazionale potrebbe costituire una sfida affascinante. Quel che è certo è che nessun club italiano, e tantomeno la FIGC, potrà offrirgli lo stesso stipendio elargitogli da Abramovich. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.