WWE Raw, John Cena sfida The Undertaker. E Ronda Rousey pretende scuse

Incredibile annuncio del 16 volte campione: chiamato di nuovo sul ring il Becchino, ritiratosi proprio a WrestleMania 33 dopo la sconfitta con Roman Reigns.

801 condivisioni 0 commenti

di

Share

Appena 24 ore fa si è conclusa l’ottava edizione del PPV della WWE Elimination Chamber, che ha visto trionfare Roman Reigns nel main event, consentendogli di staccare il ticket per l’Universal Championship Match con Brock Lesnar a WrestleMania 34. Il roster di Raw però è già pronto per tornare all’azione, direttamente da Anaheim, in California, dove è previsto un faccia a faccia proprio tra i due futuri sfidanti nello Showcase of Immortals.

Ma allo stesso tempo bisognerà vedere come reagirà Ronda Rousey allo schiaffo ricevuto da Stephanie McMahon poco prima della sua firma sul contratto che l’ha legata alla WWE, così come sarà interessante capire quali siano i piani di John Cena, dopo essere uscito a mani vuote anche da Elimination Chamber. 

E poi gli sviluppi tra Sasha Banks e Bayley, quelli futuri per l’Intercontinental Championship di The Miz e per i titoli di coppia di Sheamus e Cesaro. Infine, dopo la vittoria su Nia Jax, Asuka stasera annuncerà chi intenda sfidare per il titolo a WrestleMania 34. La campionessa Alexa Bliss, ovviamente, sarà una spettatrice molto interessata. Dopo queste premesse, possiamo cominciare il racconto, come di consueto nella rubrica WWE-ek Raw a cura di FOX Sports.

WWE Raw post Elimination Chamber

La prima a salire sul ring è la campionessa WWE di Raw, Alexa Bliss. Insieme a lei anche Mickie James, segno che la loro alleanza prosegue anche oltre il primo storico Elimination Chamber Match femminile. La vincitrice prende il microfono e si autoproclama futura hall of famer, iniziando a deridere tutte le altre partecipanti, dalla triste Bayley all’egocentrica Sasha Banks, per poi arrivare alla sua possibile prossima sfidante, Asuka.

La giapponese viene derisa per le condizioni in cui l’ha ridotta Nia Jax e la Bliss assicura che a WrestleMania finirà quello che ha iniziato Nia. Suona la musica di Asuka, che la raggiunge sul ring. Alexa insiste nella derisione dell’imperatrice del domani, scandendo le parole e dicendole di togliersi il sorriso dalla faccia, perché altrimenti lo farà un’altra persona.

Il riferimento è a Nia Jax, che si avvia con passo rapido verso il ring. Asuka allora attacca Alexa Bliss e Mickie James, prova a fare lo stesso con Nia ma si deve arrendere di fronte al 3 contro uno. In suo soccorso arrivano però Sasha Banks e Bayley, che ristabiliscono la parità numerica momentaneamente, prima che il trio capitanato dalla campionessa riesca però a prendere di nuovo il sopravvento. E questo inizio movimentato porta al primo incontro in programma, un 6-Woman Tag Team Match.

Alexa Bliss, Nia Jas e Mickie James vs Asuka, Sasha Banks e Bayley

La sfida viene vinta dal team capitanato dalla giapponese, dopo una sua violenta sottomissione nei confronti di Mickie James, facilitato dall’ingresso di Bayley che neutralizza il tentativo di intromissione di Alexa eseguendo su di lei un Bayley-to-Belly Suplex.

Poco prima, la stessa Bayley, si è rifiutata di dare il cambio a Sasha, prendendo così una posizione netta dopo il comportamento della Banks a Elimination Chamber.

John Cena sfida The Undertaker

Subito dopo la conclusione di Elimination Chamber, un John Cena affranto aveva parlato a Raw Talk, lasciando intendere di avere ancora un asso nella manica per approdare a WrestleMania 34. Salendo sul ring stasera, il 16 volte campione ha spiegato quale sia:

Il fallimento ti mette di fronte a due scelte: rimanere a terra o rialzarti e combattere. Ed è questo ciò che farò. Quindi lancio la mia sfida per WrestleMania. A The Undertaker.

Il pubblico è ovviamente in visibilio per la possibilità di rivedere sul ring il Becchino più famoso della storia, ma subito John Cena sottolinea come sia un’impresa impossibile, perché non è lui che stipula i match. Per questo domani sarà presente a SmackDown (in quanto free agent) per tentare di guadagnarsi combattendo la possibilità di andare a WrestleMania.

Bray Wyatt vs Rhyno ed Heat Slater

In realtà l’incontro non comincia nemmeno, perché Bray Wyatt mette ko entrambi prima del suono della campanella. Aveva fretta evidentemente l’ex leader della Wyatt Family, che prende il microfono e avverte Woken Matt Hardy: la loro guerra non è ancora finita.

The Miz (con il Miztourage) vs Seth Rollins

Dopo aver fatto il suo ingresso armato di microfono, The Miz dice che meriterebbe più rispetto colui che si avvia a diventare l’Intercontinental Champion più longevo della storia. Invece Kurt Angle non gli ha saputo rispondere su quali siano i piani futuri in vista di WrestleMania, dicendo solo che il nome del suo avversario potrebbe scoprirlo stasera. Così lo chiama, chiunque esso sia.

E dal backstage esce Seth Rollins. Il match tra i due parte e viene vinto da The Architect, grazie a un sensazionale Frog Splah da distanza siderale, dopo aver messo ko anche il Miztourage. Mentre esulta, però, fa il suo ingresso Finn Balor… E a quanto pare anche lui dovrà affrontare The Miz.

The Miz (con il Miztourage) vs Finn Balor

Parte così l’incontro, ma viene interrotto immediatamente da Bo Dallas e Curtis Axel, che attaccano Finn Balor e ne decretano la vittoria per squalifica. Accorrono anche Karl Anderson e Luke Gallows, che interrompono il pestaggio 3 contro uno e spingono Kurt Angle a intervenire dal Titantron. Il match ripartirà, senza nessuno agli angoli dei due contendenti. E se The Miz dovesse perdere, non farà parte di WrestleMania…

The Miz vs Finn Balor

Parte così il terzo incontro della serata del campione intercontinentale, che prova a sfruttare le condizioni precarie di Finn Balor ma non riesce a trovare il conteggio di tre e confermare la sua presenza a WrestleMania 34. Anzi, Finn Balor riesce a riprendersi e dopo il suo Coup de Grace riesce a conquistare la vittoria su The Miz. Che a quanto pare, non farà parte dello Showcase of Immortals.

Backstage

Subito dopo viene intervistato Seth Rollins nel backstage e nonostante si dichiari impressionato per la vittoria di Finn Balor, sottolinea come lui sia diventato Monday Night Rawllins. E per questo vuole il titolo di The Miz. E lo vuole a WrestleMania.

Roman Reigns lancia la sfida a Brock Lesnar

Sale sul ring Roman Reigns, che spiega come lui sia uno di parola. Aveva detto che avrebbe vinto l’Elimination Chamber Match e lo ha fatto. E lo stesso farà a WrestleMania, battendo Brock Lesnar. Il pubblico come al solito lo fischia, ma lui fa notare che a differenza di The Beast lui è lì, dando il 100% per la WWE sempre, senza attaccarsi a contratti a presenze da part timer.

Poi definisce Brock Lesnar una “puttanella” e se ne va, con il pubblico che stavolta sembra molto più tollerante nei confronti del Big Dog.

Sheamus e Cesaro (C) vs Titus O’Neil e Apollo

2 out of 3 falls Raw Tag Team Championship Match

Il prossimo incontro in programma mette in palio i titoli di coppia di Raw, in un 2 out of 3 falls match tra i campioni Sheamus e Cesaro, di fronte a Titus O’Neil e Apollo. Sono i detentori delle cinture a dominare, prendendosi una secca vittoria per 2-0 che non lascia spazio a repliche.

Al termine dell’incontro vengono intervistati sul ring e fanno l’elenco di tutti i tag team che hanno sconfitto: New Day, Hardys, Seth Rollins e Dean Ambrose, Seth Rollins e Jason Jordan… Nessuno è riuscito a togliergli le cinture, quindi si domandano chi possa provare a mettere in dubbio la loro leadership a WrestleMania.

Elias vs Braun Strowman

Dopo il consueto mini concerto di Elias, fa il suo ingresso Braun Strowman che dà avvio al match. Il Monster among men comincia subito a dominare e non concede al chitarrista nemmeno il tempo di togliersi la maglia. Elias prova a trovare una soluzione e cerca di nascondersi sotto il ring, quando Strowman lo tira fuori però lui esce con un estintore, che aziona contro lo stesso Braun decretandone la vittoria per squalifica.

Poi continua ad attaccarlo dopo averlo stordito, colpendolo fisicamente con l’estintore e mettendolo in ginocchio. Non è sufficiente, perché pur molto confuso Braun Strowman riesce a reagire e a mettere in fuga Elias, inseguendolo fin dentro il backstage, dove vediamo arrivare una limousine…

Ronda Rousey pretende scuse

La limousine è quella dell’Authority, perché sul ring si presentano Triple H e Stephanie McMahon. I due tornano a parlare di quanto accaduto a Elimination Chamber con Ronda Rousey, spiegando che tutto sia nato da un malinteso dovuto a Kurt Angle. La commissioner di Raw spiega di non avercela con l’ex campionessa UFC, ma con il suo General Manager da cui pretende scuse immediate. Invece di Kurt Angle, però, fa il suo ingresso proprio Ronda Rousey, che si avvia a passo veloce verso il ring.

Stephanie e Triple H scendono dal quadrato e arriva il GM a fermare l’ultimo acquisto della WWE. Lei risponde che non accetta le mancanze di rispetto e che nessuno prima d’ora l’aveva schiaffeggiata. Kurt le spiega che la capisce, ma che è tutta colpa sua perché ha mentito (anche se fa intendere che è obbligato a dire così).

Triple H e Stephanie McMahon ringraziano e fanno come per abbandonare il ring, ma Ronda dice di non aver ancora ricevuto le scuse per quanto accaduto. La figlia di mister McMahon le si avvicina faccia a faccia in modo minaccioso, ma poi chiede scusa. Più volte, tra l’altro. Kurt Angle tira un sospiro di sollievo, ma Triple H lo colpisce con un pugno prima di andarsene.

Ed è così che si conclude la puntata di WWE Raw. Ma non certo la diatriba tra questi quattro...

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.