Serie A, probabili formazioni Inter-Benevento: è il momento di Rafinha?

Per gli uomini di Spalletti è fondamentale ritrovare i tre punti: contro il Benevento, in attesa di sapere se tornerà Icardi, il tecnico medita di lanciare il brasiliano da titolare.

Rafinha Alcantara con la maglia dell'Inter

331 condivisioni 2 commenti

di

Share

La Serie A torna in campo sabato 24 febbraio con un turno, il numero 26, che potrebbe rilanciare le ambizioni di Champions dell'Inter di Luciano Spalletti, chiamata ad affrontare tra le mura amiche del Meazza il Benevento ultimo in classifica. Nonostante le apparenze, però, non si tratta di un impegno da prendere sottogamba: i sanniti sono reduci dalla rocambolesca vittoria casalinga contro il Crotone e sognano ancora di mantenere la Serie A nonostante gli appena 10 punti in classifica.

A Benevento si respira entusiasmo, quindi, l'esatto contrario di quanto accade in casa nerazzurra: nelle ultime 10 giornate l'Inter ha totalizzato la miseria di 9 punti, frutto di una vittoria, ben 6 pareggi e 3 sconfitte. Un filotto negativo che ha allontanato la squadra dalla zona-Champions e che Spalletti ha assolutamente intenzione di interrompere prima che la cosa sfoci nello psicodramma.

Per farlo, il tecnico toscano sembra sempre più convinto di lanciare Rafinha titolare dal primo minuto: il brasiliano potrebbe donare alla manovra dell'Inter quella brillantezza in fase di rifinizione che quest'anno spesso è mancata, portando inoltre quell'entusiasmo che tanti giocatori nerazzurri sembrano aver smarrito.

Rafinha con la maglia dell'Inter
Arrivato il 22 gennaio in prestito dal Barcellona, Rafinha ha giocato 4 gare con l'Inter, ma quella contro il Benevento potrebbe essere la prima da titolare.

Serie A, probabili formazioni Inter-Benevento: tocca a Rafinha?

Fiore all'occhiello di un mercato di gennaio a dire la verità piuttosto modesto - discorso che però riguarda tutta la Serie A - Rafinha è arrivato all'Inter dopo un lungo periodo di inattività che di fatto gli aveva precluso le porte della prima squadra al Barcellona, club in cui è cresciuto distinguendosi fin da giovanissimo come una grande promessa. Figlio e fratello d'arte - il padre è l'ex-Lecce e Fiorentina Mazinho, il fratello Thiago gioca nel Bayern Monaco - Rafinha è sbarcato nel nostro campionato dopo aver smaltito un infortunio al menisco.

Questo lungo stop era arrivato dopo un altro grave infortunio, quello ai legamenti crociati del settembre 2015 e che il calciatore sembrava aver superato alla grande, tornando in campo da protagonista e conquistando l'oro olimpico con il Brasile nell'estate del 2016. Per l'Inter un giocatore da recuperare, insomma, ma potenzialmente un campione, impressione confermata anche dal fatto che il Barcellona per privarsene ha fissato il riscatto a fine campionato alla cifra di 35 milioni di euro.

Contro il Benevento, finalmente, potrebbe essere arrivato il momento per lui di una maglia da titolare: con Icardi ancora in forse e Miranda sempre fuori, Spalletti avrà nuovamente a disposizione Perisic (in ballottaggio con Karamoh) e cercherà di capire se questa Inter può ripartire dai piedi raffinati e dalla grande duttilità di Rafinha, che sembrerebbe essere in vantaggio su Borja Valero nel ruolo di trequartista. Al brasilano il compito di riprendersi nuovamente il futuro e prendersi, finalmente, l'Inter.

Benevento, il sogno non deve finire

Contro i nerazzurri, invece, il Benevento farà scendere in campo l'entusiasmo. Quello che, dopo 14 sconfitte nelle prime 14 gare di A, ha permesso ai sanniti di continuare a crederci; quello che ha portato il presidente Vigorito a intervenire prima in panchina, sostituendo Baroni con De Zerbi, e poi pesantemente sul mercato di gennaio con l'acquisto di ben otto giocatori.

Di questi, ben cinque saranno in campo dal primo minuto nella sfida del Meazza: il portiere Puggioni, Sagna in difesa, Sandro e Djuricic a centrocampo e il brasiliano Guilherme in attacco. Gli altri tre andranno in panchina, compreso Diabaté, match-winner nell'ultimo turno contro il Crotone. Una vittoria, quella arrivata contro i calabresi, che ha mantenuto vive le speranze in una salvezza che avrebbe del miracoloso. Centravanti titolare sarà il giovane classe '99 Brignola.

Con 10 punti, il Benevento è distante ancora ben 11 punti dal quart'ultimo posto che garantirebbe la permanenza in Serie A. Un traguardo quasi impossibile, ma in cui tutto l'ambiente vuole ancora continuare a credere. 

Cheick Diabaté con la maglia del Benevento
Autore del gol della vittoria contro il Crotone, Cheick Diabaté partirà ancora dalla panchina nella sfida con l'Inter.

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Cancelo, Skriniar, Ranocchia, D'Ambrosio; Vecino, Gagliardini; Candreva, Rafinha, Perisic; Eder. ALL. Spalletti

BENEVENTO (4-3-3): Puggioni; Sagna, Dijmsiti, A. Costa, Letizia; Memushaj, Sandro, Djuricic; Guilherme, Brignola, Coda. ALL. De Zerbi

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.