Manchester United, chi è McTominay: se lo chiedete a Mou, vi abbraccerà

Al giornalista che gli ha domandato del 21enne, lo Special One ha regalato un caloroso abbraccio. Perché? Pensate al fatto che, contro il Siviglia, l'ha preferito a Pogba...

973 condivisioni 0 commenti

di

Share

Siete un giornalista, avete appena seguito l'andata degli ottavi di Champions League tra Siviglia e Manchester United. Di fronte a voi c'è José Mourinho e avete due possibilità: farlo annoiare terribilmente oppure strappargli un caloroso abbraccio. Che fate? Nel primo caso, vi basterà sottoporgli l'ennesima domanda su Pogba: perché non è più titolare indiscusso, perché in Spagna è partito dalla panchina eccetera eccetera. Se invece volete suscitargli uno slancio d'affetto, chiedetegli di Scott McTominay. Chi?! Se l'è chiesto anche lo speaker del Siviglia: "Mc Tominigh", è la storpiatura uscita dagli altoparlanti del Ramon Sanchez-Pizjuan all'annuncio delle formazioni titolari.

Già, perché nell'undici scelto dallo Special One per affrontare la formazione di Montella c'era anche questo giovane centrocampista di belle speranze. Accanto a Herrera e Matic, Mou ha scelto lui e non Pogba: che poi l'ex Juventus sia entrato già al 17', per l'infortunio di Herrera, cambia poco la sostanza. Per il tecnico portoghese, la stella da 105 milioni di euro non ha in questo momento la maglia assicurata.

Che sia per il momento di forma del francese o per una momentanea bizza di Mourinho, in Inghilterra se lo stanno chiedendo ormai da un paio di settimane. L'unica certezza è che, zitto zitto, McTominay si sta ritagliando uno spazio impensabile anche solo fino a un paio di mesi fa. Quella di ieri è stata la sua quarta apparizione consecutiva, tra Champions League, Premier e FA Cup: di queste, tre le ha giocate dal primo all'ultimo minuto. Ma perché José lo sta preferendo a un top player di fama mondiale come Pogba?

Manchester United, chi è McTominay? Il nuovo pupillo di Mou... con buona pace di Pogba

Scott McTominay, centrocampista classe 1996 del Manchester United
Scott McTominay veste la maglia del Manchester United fin dall'età di... cinque anni!

Mou ha fornito due spiegazioni. Una prima della sfida con il Siviglia, l'altra nel post partita. Dopo aver, appunto, abbracciato l'inviato dell'emittente BT Sport. Partiamo dalla prima:

McTominay sta lavorando duramente ogni giorno, è in forma e ha giocato l'ultimo match per intero (in FA Cup contro l'Huddersfield, ndr).

Veniamo quindi alla domanda che ha sciolto il cuore di José. "Scott ha giocato molto bene, no?", ha chiesto il giornalista inglese. Risposta:

Posso abbracciarti? Grazie, questa sì che è una domanda. In conferenza, poco fa, tutte le domande sono state su Pogba. Ma è su questo ragazzo che avrebbero dovuto farle. Credo sia stata fantastico, ha fatto tutto alla perfezione. Ha portato molta pressione su Banega, è apparso sempre a suo agio. È stato eccezionale.

Anche il 21enne, nato in Inghilterra ma propenso a vestire i colori della madrepatria Scozia, avrà sicuramente ricevuto la sua dose extra di abbraccia mourinhani. Oltre a quelli virtuali, davvero tanti, ricevuti sui social da parte dei tifosi del Manchester United. I quali, facendo 2+2 tra ruolo in campo e origini scottish, l'hanno subito paragonato a due vecchietti niente male: Michael Carrick, capitano emerito dei Red Devils, e Darren Fletcher, oggi allo Stoke City e capitano proprio della Tartan Army.

Un mix di Carrick e Fletcher: molto Red Devils, insomma

Bè, potrebbe pensare qualcuno di voi, non è stato paragonato a Gerrard, Lampard o allo stesso Pogba. Vero, ma in quanto a carriera di primissimo livello e trofei vinti, per il giovane Scott è più di un complimento. E, per capire meglio di che tipo di giocatore stiamo parlando, cominciano dalla descrizione che ne ha fatto Warren Joyce, il suo ex allenatore nelle giovanili del Manchester United

Ha le caratteristiche per essere un centrocampista box-to-box, dobbiamo sempre tenerlo a mente. È davvero un ottimo calciatore, dotato tecnicamente ed eccellente in fase di possesso palla.

Mettiamola così: McTominay ha tutto per diventare il classico giocatore che tutti gli allenatori vorrebbero avere in rosa. E non pensate a lui solo come a un frangiflutti, dedito solamente a distruggere il gioco avversario: adesso porta sulla maglia un anonimo numero 39, ok, ma nelle giovanili - è cresciuto nei Red Devils fin dall'età di 5 anni - era lui il number 10. Non dà del tu al gol - appena 3 con la formazione Riserve - però sa come inserirsi in area partendo dalle retrovie.

All'Indipendent non è che faccia proprio impazzire...

Il rendimento offerto contro il Siviglia - 90 minuti come già avvenuto in Champions League a ottobre con il Benfica - non ha però entusiasmato proprio tutti tutti. È il caso dell'Indipendent, che ne ha parlato in termini tutt'altro che trionfalistici:

È stata una prestazione seducente nel suo essere anonima. Non ha lasciato la minima traccia, il suo unico compito è stato quello di controllare i movimenti di Banega e N'Zonzi. Non ha mai toccato il pallone: l'unica volta che ci ha provato, con un passaggio all'indietro per Mata, l'ha regalato agli avversari. Viene il sospetto che, di McTominay, a Mourinho piaccia proprio il suo essere agli antipodi di Pogba.

Non proprio un'investitura incoraggiante, vero? Eppure, tra i tifosi dei Red Devils, sono in molti a pensare che il buon Scott possa diventare un asso importante nella manica di Mourinho. Soprattutto perché, a crederci, è lo stesso Special One. Con buona pace di Pogba, costretto a rimboccarsi le maniche per scalzare dal campo un giovanotto appena uscito dalle giovanili.

Champions League 2017/2018: chi va in semifinale?

Vota

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.