Calciomercato Juventus, Razzi: "Kim Jong-Un vuole Han in bianconero"

I Campioni d'Italia spingono per il talento del Cagliari. Il senatore rivela: "Il Leader nordcoreano è un appassionato di calcio: Han sarebbe un testimonial di pace".

334 condivisioni 1 commento

di

Share

La Juventus non molla la presa per Han Kwang-Song. Il giovane talento nordcoreano è da tempo un obiettivo di calciomercato della società bianconera e dopo qualche settimana di stallo, la trattativa col Cagliari sembra pronta a ripartire.

L'attaccante classe '98 ha una valutazione molto alta che si aggira attorno ai 18 milioni di euro, ma i Campioni d'Italia sembrano puntare molto su di lui e potrebbero accontentare le richieste della società sarda.

Per chiudere definitivamente questa operazione di calciomercato serve l'ok del presidente del Cagliari Tommaso Giulini, ma intanto pare essere arrivato il placet alla trattativa da una figura inaspettata: il Leader supremo della Corea del Nord Kim Jong-Un.

Han Kwang-Song
La Juventus vuole Han

Calciomercato, Razzi: "Kim Jong-Un vuole Han alla Juventus"

A rivelarlo è Antonio Razzi, noto per i suoi rapporti con le autorità nordcoreane allacciati durante le numerose visite nel paese orientale ai tempi in cui era parlamentare. Il senatore uscente ha parlato al Corriere dello Sport.

Kim è un appassionato di calcio e Han diventerebbe un testimonial di pace passando in una società famosa come la Juventus.

Secondo il politico abruzzese, la militanza di Han fra le fila di Perugia prima e Cagliari poi avrebbe reso molto popolari le due società italiane in Corea del Nord. Per questo motivo si augura che il talento del club sardo possa passare alla Juventus, squadra di cui è tifoso.

Tempo fa scrissi a Marotta di tenerlo d'occhio e lui mi rispose che lo stavano valutando. Credo lo porteranno a Torino.

Uno sponsor decisamente ingombrante per Han, che ha collezionato i suoi primi 11 minuti in Serie A solamente sabato scorso nella partita contro il Chievo. Ma il suo eventuale passaggio alla Juventus potrebbe passare alla storia come il primo trasferimento di calciomercato approvato da un Leader politico.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.