Lavagna, in 300 marinano la scuola per un torneo di calcio clandestino

Scontri e petardi sugli spalti, interviene la polizia e i dirigenti scolastici assicurano: "Non saranno assenze giustificate".

300 alunni marinano la scuola per un torneo di calcio clandestino: è successo a Lavagna www.ilsecoloxix.it

5k condivisioni 0 commenti

di

Share

La scuola non autorizza più il torneo scolastico di calcio per eccesso di tifo? Gli alunni rispondono organizzandone uno in autonomia. Peccato che l’abbiano fatto durante le ore di lezione, evitando i banchi e indossando scarpini e divise da gioco. Succede a Lavagna, sulla Riviera di Levante. Nella mattinata di lunedì 19 febbraio gli studenti di diversi istituti scolastici si sono dati appuntamento al campo Riboli della cittadina in provincia di Genova: borsoni e non zaini in spalla, sorteggio e via alla sfida 'clandestina'.

Circa 300 tra calciatori improvvisati e pubblico sugli spalti, arrivati dall'istituto nautico San Giorgio di Camogli, dall'alberghiero Marco Polo di Camogli e dagli istituti Liceti e Da Vigo di Rapallo, hanno dato vita a un quadrangolare senza esclusione di colpi. In campo e sugli spalti. Dove sono presto apparsi bidoni della spazzatura, tavolini e bottiglie di alcolici. 

Situazione surriscaldata dall'alcol, qualche spinta di troppo, urla di prima mattina e petardi accesi sugli spalti. Questo lo scenario nel quale si sono imbattuti gli agenti della polizia municipale di Chiavari, allertati dal vicinato. Festa interrotta per gli studenti-calciatori arrivati da quattro istituti del comprensorio mentre sugli spalti sono stati sequestrati anche 50 fumogeni. Non proprio la cornice abituale per una partita di calcio tra scuole.

Calcio, torneo clandestino tra studenti in Liguria: interviene la Polizia

La scelta degli studenti di organizzare questo quadrangolare di calcio in un angolo di Liguria è nata in risposta alla decisione degli istituti di non autorizzare più gli incontri che fino a qualche tempo fa vedevano anche la partecipazione degli insegnanti. Una scelta dettata dagli episodi negativi che si erano susseguiti negli anni in campo e sulle tribune. La bravata costerà cara agli organizzatori, come garantito dalla preside dell’istituto nautico San Giorgio di Camogli, Angela Pastorino.

Questa non è una manifestazione organizzata o autorizzata dalla scuola. Saranno assenze non giustificate.

Il passaparola partito via sms e Whatsapp tra gli studenti di Sestri Levante, Rapallo e Camogli era arrivato anche a più di qualche papà o mamma. Una parte dei ragazzi era stata infatti autorizzata mentre gli altri genitori erano stati allertati telefonicamente dalle segreterie degli istituti. Nelle scuole dove sono state registrate assenze superiori al 50 per cento degli iscritti si attende che i dirigenti scolastici decidano se assumere o meno provvedimenti: nell'attesa, il commissariato di polizia ha emesso una segnalazione indirizzata alla procura di Genova e un'altra all'attenzione della procura presso il tribunale per i minori di Genova. Non dovrebbe invece arrivare nessuna denuncia.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.