MMA, UFC FN 126: Cerrone eguaglia il record di St-Pierre e Bisping

UFC torna in Texas e mette su un bello spettacolo. In una grande serata di MMA, Donald Cerrone ha raggiunto St-Pierre e Bisping nel maggior numero di vittorie ottenute in UFC.

206 condivisioni 0 commenti

di

Share

Ritorno in grande stile di UFC in Texas che, seppur senza grandissimi nomi o titoli in palio, riesce ad offrire una card davvero divertente. Donald "Cowboy" Cerrone (33-10) si rende protagonista di un match terminato in appena un round contro il durissimo Yancy Medeiros (15-5, 1 NC). Nonostante Cerrone abbia sofferto molto in passato l'aggressività dei suoi avversari, è riuscito stavolta ad usarla a proprio vantaggio.

La main card si è aperta con un match al limite delle 155 libbre, categoria dei pesi leggeri ed ha segnato il ritorno in gabbia del pirotecnico "Super" Sage Northcutt (10-2), in costante evoluzione. Il giovanissimo americano, in forza al Team Alpha Male, ha offerto una buona prestazione in crescendo opposto al francese Thibault Gouti (12-4), adesso in caduta libera con un record di 1 vittoria e 4 sconfitte in UFC.

Northcutt ha subito parecchi takedown nel corso dei tre round, ma girando lateralmente e lavorando di rimessa contro Gouti ha ottenuto il massimo risultato. Da segnalare anche un buon atterramento messo a segno nel corso del primo round. L'ultimo round ha visto prevalere Northcutt, in palese stance laterale, che ha offerto ottimi side kick che hanno fermato l'avanzata del francese, e buoni jab veloci, che ne hanno scoraggiato l'iniziativa. Esce col braccio alzato Northcutt, per decisione unanime dei giudici.

UFC FN 126, ottimi incontri in Texas

Nel secondo match, nella categoria dei pesi piuma, Brandon Davis (9-3) ha rovinato l'esordio in UFC a Steve Peterson (16-7). Peterson ha provato a inseguire e colpire Davis, che però ha saggiamente girato lateralmente, portando il suo avversario a spasso. Le continue schivate con busto e testa, à la Dominick Cruz, gli hanno permesso di alleggerire il carico di colpi portato da Peterson che spesso è andato a vuoto. Ottimi leg kick e calci in generale per Davis, ben utilizzati per dettare il ritmo e non sfociare nella brawl col suo avversario. Agli sgoccioli del terzo, Davis affonda un'ottima ginocchiata che lo ha portato vicinissimo alla vittoria, ma la durezza di Peterson ha permesso al fighter di arrivare in fondo. Alla fine Davis vince per decisione unanime

Segue un incontro al limite delle 170 libbre, categoria dei pesi welter, fra il veterano Thiago "Pitbull" Alves (27-12) e il prospetto ex CSW Curtis Millender (15-3). La differenza di stazza fra i due atleti è impressionante: Millender col suo metro e novanta d'altezza sovrasta Alves, più basso di 12 cm. Millender insegue il brasiliano, lo pressa, tenta colpi in spin e mette ottimi colpi di braccia. Dopo un diretto a segno, Millender già festeggia per un knockdown sul suo avversario che però, in maniera coriacea, si rimette in piedi e torna a combattere. Nel corso del secondo round il match, che è ora una partita a scacchi sul colpo singolo, viene stoppato dall'arbitro a seguito di una perfetta ginocchiata che diagonalmente si infrange sul volto di Alves. Millender si presenta in UFC con un KO mostruoso su un veterano affermato.

Altro incontro interessantissimo nella categoria dei pesi leggeri. L'ottimo prospetto James Vick (13-1) ha battuto sulla distanza delle tre riprese il forte veterano Francisco Trinaldo (22-6). Trinaldo ha 39 anni, 9 in più del suo avversario ed è molto più piccolo fisicamente. La determinazione e l'esperienza del brasiliano dal temperamento tenace hanno colmato il gap fisico. Vick ha combattuto in maniera intelligente, girando e colpendo in counterstriking ed evitando il pericoloso overhand sinistro del brasiliano, che comunque è andato a segno in diverse occasioni. Saggiata anche l'abilità di Trinaldo in clinch e nel ground game, Vick ha preferito combattere dalla lunga distanza, utilizzando i calci obliqui e i side kick per tenere lontano il brasiliano. Gameplan che ha avuto effetto e che ha consegnato al "Texecutioner" la vittoria per decisione unanime, nonostante un infortunio al mignolo.

Co-main event esplosivo fra pesi massimi. Derrick "The Black Beast" Lewis (19-5) torna alla vittoria contro Marcin Tybura (16-4). La Bestia Nera è riuscita ad avere la meglio sull'ex campione M-1, dopo un rocambolesco cambio di fronte. Tybura infatti ha avuto i suoi momenti, specie in fase di grappling e mettendo a segno diversi takedown, facendo leva sulla precaria difesa degli atterramenti di Lewis. Lewis che è risorto nel corso del terzo round, com'è solito fare. Dopo un primo round combattuto e un secondo dominato in lungo e in largo dal polacco, l'ex campione Legacy FC è tornato alla carica nel terzo, affondando una serie di ganci corti al volto di Tybura, che si è attaccato alla gamba del suo avversario, subendo gli ultimi fatali colpi in ground and pound. Ottima dimostrazione di forza di Derrick Lewis, che torna alla vittoria con un KO nel terzo round.

Main event nella categoria dei pesi welter, fra due durissimi contendenti. Donald Cerrone è tornato alla vittoria grazie a un KO nel corso della prima ripresa contro Yancy Medeiros. L'hawaiano, che era partito da subito ferocemente, ha subito i precisi colpi d'incontro del Cowboy, esperto nei cambi di livello in fase di striking. Stranamente Cerrone non ha subito l'offensiva aggressiva di Medeiros. Il Cowboy ha avuto in passato dei problemi contro avversari precisi e dal ritmo alto. Stavolta però il gameplan del Cowboy è stato perfetto: ha permesso a Medeiros di attaccare, lo ha sorpreso più volte con precisi colpi al volto e lo ha terminato con un perfetto diretto che ha incrociato la mandibola. Una magistrale prova di Cerrone, che spende anche parole di rispetto verso Medeiros. I due sono stati protagonisti di una dimostrazione di rispetto e valori marziali nel corso della cerimonia del peso, nella quale Medeiros ha regalato un cappello da cowboy tipico delle isole Hawaii al suo avversario. Il successo di Cerrone ha segnato l'ennesimo record in UFC: il Cowboy ha raggiunto Georges St-Pierre e Michael Bisping nel record totale di vittorie in UFC (20).

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.