FA Cup, Rochdale-Tottenham 2-2: Spurs costretti al replay!

Una rimonta pazzesca, una favola incredibile: l'ultima squadra della terza serie inglese costringe gli Spurs al replay per accedere ai quarti di finale

2k condivisioni 1 commento

di

Share

Se la FA Cup è una delle competizioni più belle del calcio europeo un motivo ci sarà. Noi lo abbiamo trovato: Rochdale-Tottenham  Una squadra di terza serie che affronta una squadra di Premier League come se fosse una sua pari, col cuore, con la grinta e uno stadio, quello di casa, che ti sprona e incita a non mollare, mai. Bellissimo come il gol di Henderson che manda i padroni di casa al riposo in vantaggio. Una giocata deliziosa e un gol da vero attaccante per il capitano del Rochdale che nel 2013 voleva chiudere con il calcio per diventare un dentista.

Il Tottenham soffre e fa più fatica del previsto e alla fine non riesce a portare a casa la qualificazione. Pochettino nel secondo tempo si affida agli uomini più talentuosi: Lamela, Alli e soprattutto Harry Kane. A pareggiarla però ci ha pensato uno dei nuovi arrivati: Lucas Moura. L'ex Psg è apparso molto pimpante e a suo agio nel 4-2-3-1 di Pochettino. Il gol dell'1-1 infatti è stata un'invenzione tutta sua. Dopo di lui a ribaltarla tocca alla stella: Harry Kane che non sbaglia il calcio di rigore all'88'.

Sembra il copione di un film romantico: il principe, Harry Kane, arriva a salvare la sua amata, il Tottenham. Ma oggi a trionfare sono gli underdogs. I ragazzi di Keith Hill non vogliono cadere, nemmeno sotto i colpi del campione. Il Rochdale non molla e al 90' trova il gol del pareggio con Davies. Tutti impazziti. L'ultima squadra della terza serie inglese costringe così al replay il Tottenham. Un evento, una storia bellissima che da queste parti verrà ricordato a lungo. 

FA Cup, Rochdale-Tottenham: Spurs compassati, il Rochdale passa in vantaggio con Henderson

Il Tottenham sapeva che non sarebbe stato un pomeriggio di piacere. Ogni squadra va affrontata e rispettata, lo stesso Pochettino aveva detto di aspettarsi una gara 'scomoda' e così infatti è stato. Dal fischio d'inizio dell'arbitro i giocatori dell'allenatore Hill si sono trasformati. Sembravano tarantolati. Per loro è una finale di Champions League. Ultimi in League 1 - per intenderci la nostra Serie C - affrontano gli Spurs che martedì avevano fatto l'impresa fermando la Juventus allo Stadium. Il Tottenham risente subito questo arrembante inizio dei padroni di casa anche perché Pochettino ha mandato in campo undici giocatori su undici diversi rispetto al 2-2 di Torino.

Llorente gioca solo di sponda ed è poco mobile - non una grande novità - ma il problema più grande è che davanti alla porta non è preciso, anzi: al 25' ha la palla dell'1-0 sui suoi piedi, ma non la sfrutta. A porta libera manda la palla fuori, non di molto, ma fuori. Il Tottenham ci prova, ma gioca con troppa sufficienza. Wanyama e Sissoko a centrocampo cincischiano troppo perdendo palloni velenosi e Son e Llorente non vogliono saperne di mirare in porta. L'unico frizzante è Lucas Moura ma sembra predicare nel deserto. Su una palla persa a centrocampo il Rochdale va in vantaggio: Andy Cannon riceve palla sulla destra e la spara in mezzo con un preciso rasoterra per l'accorrente Ian Henderson. Il capitano e capocannoniere in FA Cup del Rochdale trova tutto apparecchiato per il tap in vincente che lascia di sasso Vorm e gli Spurs. A fine primo tempo, il tabellino recita: Rochdale 1 Tottenham 0. Bellissimo e impensabile.

Spurs costretti al replay nei minuti di recupero

Purtroppo la magia finisce dopo 15 minuti dall'inizio del secondo tempo. Il Tottenham torna in campo più convinto e caparbio, non vuole saperne di lasciar passare ai quarti di finale il Rochdale. Lucas crea non pochi pericoli alla retroguardia dei padroni di casa. Infatti è proprio lui a trovare il gol dell'1-1. Il brasiliano sulla sinistra scarica al centro per Llorente che fa la sponda per Sissoko che vede l'inserimento di Lucas in area e decide di premiarlo: il brasiliano ringrazia e segna. Primo gol con la nuova maglia e secondo gol in stagione: l'ultimo l'8 settembre con la maglia del Psg contro il Metz.

Pochettino vuole i quarti di FA Cup e mette dentro l'artiglieria pesante: Lamela, Alli e Harry Kane. La qualità aumenta, la fortuna e la precisione sotto porta no. Alli e Lamela accendono la manovra offensiva degli Spurs, ma il Rochdale si difende con ordine. La palla migliore dopo l'1-1 di Lucas capita sui piedi di Lamela: Son premia l'inserimento di Dele Alli in area, l'inglese di tacco cerca Lamela che calcia a botta sicura e trova una deviazione, la palla sembra potersi infilare fortunosamente in porta, ma la Dea bendata oggi non guarda benevolmente Pochettino e i suoi ragazzi: Done di testa salva sulla linea di porta e mantiene il pari. L'inesperienza però a fine gara sembra punire i padroni di casa: 89' sul cronometro e McGahey abbatte Alli in area. Calcio di rigore per gli Spurs. Sul dischetto va Harry Kane che ragala ai suoi il 2-1. Finita? Nemmeno per sogno. Arrembaggio finale del Rochdale che grazie alla pessima fase difensiva del Tottenham trova il gol del 2-2. Apoteosi. Nessuno ci crede, nemmeno i tifosi del Rochdale. I miracoli calcistici esistono e oggi abbiamo assistito ad uno di questi.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.