Serie A, Gattuso a Cutrone: "Lavori, si fidanzi e faccia l'amore"

L'allenatore parla prima della sfida alla Sampdoria e lancia un messaggio al giovane attaccante. E sul rinnovo del contratto: "Aspetto la società fino al 31 agosto".

2k condivisioni 0 commenti

di

Share

Un Rino Gattuso vulcanico quello che si è presentato in conferenza stampa prima del posticipo che nella 25esima giornata vedrà il Milan ospitare la Sampdoria. Se sul campo i rossoneri dopo il 3-0 inflitto nell'andata dei sedicesimi di Europa League al Ludogorets puntano alla vittoria e all'aggancio a Quagliarella e compagni, oggi sesti con 41 punti, davanti a microfoni e telecamere l'allenatore si è diviso tra ironia e considerazioni a tutto campo.

Fari puntati, e non potrebbe essere altrimenti, su Patrick Cutrone. In Bulgaria il centravanti classe 1998 ha realizzato la tredicesima rete stagionale e contro la Sampdoria toccherà ancora a lui guidare l'attacco rossonero. Quale miglior consigliere per lui di Gattuso, che di precocità se ne intende? A 19 anni, nel 1997, Ringhio lasciò Perugia per raggiungere Glasgow e indossare la maglia dei Rangers.

Con Cutrone c'è bisogno di essere tranquilli. Non cominciamo a fare paragoni o a parlare di Nazionale, deve crescere. Deve lavorare, lavorare, lavorare e riposare, riposare, riposare. Spero trovi una bella fidanzata, così sta a casa, lavora e fa l’amore.

Lavoro e riposo, mentale soprattutto. Concetti che Gattuso ha cercato di inculcare sin dal suo arrivo sulla panchina del Milan il 28 novembre 2017. La squadra ha risposto riprendendo a macinare punti e gioco: a San Siro sono arrivate 5 vittorie, un pareggio in Coppa Italia contro la Lazio e la sconfitta di dicembre contro l'Atalanta. Guai però a pensare di poter abbassare la guardia:

Noi contro la Sampdoria non possiamo sbagliare, loro sono tre punti sopra. Non voglio sentire parlare di stanchezza, che parte dalla testa.

Serie A, Gattuso sul rinnovo: "Io aspetto fino al 31 agosto"

In fondo, Gattuso sa che i risultati sono l'unica arma valida nel campo. Un concetto in cui credeva da calciatore, con quel numero 8 sulle spalle, e che sta trasmettendo al gruppo a suon di allenamenti più intensi. Tra i modelli a cui si ispira anche il collega che a San Siro ritroverà da avversario, quel Marco Giampaolo che sta offrendo un calcio propositivo e fruttuoso con la Sampdoria:

Mi piace come vede il calcio. Sono molto preoccupato, conosco il suo valore. Lo ritengo un professore. Non nego che tante cose da lui le ho copiate.

Per giocare a calcio si deve fare fatica. Una lezione che il Milan ha appreso proprio nella sfida di andata a Genova, persa per 2-0 nello scorso settembre. Quello che per Gattuso era uno stile di vita da calciatore, per il Diavolo deve diventare un mantra in vista del ciclo terribile che attende Bonaventura e compagni: dopo la Sampdoria, ancora Ludogorets, poi Roma, Lazio e Inter. Appuntamenti di capitale importanza per strappare un pass europeo nella classifica di Serie A e per decifrare il futuro dell'allenatore rossonero. Che sulle proprie intenzioni non ha dubbi:

Non ho avuto nessuna offerta dall'estero, io voglio restare qui il più a lungo possibile. Sono grato a Mirabelli e Fassone che hanno creduto in me. Possono chiamarmi e offrirmi tutto quello che vogliono, aspetto anche fino al 31 agosto. Poi nel mio futuro poi ci possono essere anche i Giovanissimi della Gallaratese.

Gianluigi Donnarumma, portiere classe 1999 del Milan
Gianluigi Donnarumma, portiere del Milan fresco di pace con i tifosi

Tra le carezze riservate da Gattuso in conferenza c'è spazio anche per Gianluigi Donnarumma: nel postpartita di Razgrad il portiere ha messo una pietra tombale su mesi di tensioni legate al rinnovo del contratto regalando la propria maglia alla curva in cui erano posizionati i tifosi ospiti.

Gigio ha grande senso di appartenenza, ha bisogno di fiducia e affetto. Aspettavo da tanto tempo questo gesto. Non va giudicato per quello che guadagna. Il Milan ha bisogno dei suoi tifosi: conta che chi venga allo stadio ci metta passione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.