Bundesliga, Wolfsburg-Bayern Monaco 1-2: la decide Lewandowski al 91'

L'attaccante polacco entra a 10' dalla fine e completa la rimonta dei bavaresi su calcio di rigore: è la decima vittoria consecutiva in campionato per la squadra di Heynckes.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Quando s’incontrano Wolfsburg e Bayern Monaco lo spettacolo è assicurato. Quasi sempre. Jupp Heynckes torna in panchina dopo l’assenza contro lo Schalke 04 causa influenza. A un girone di distanza è tutta un’altra situazione quella dei bavaresi: il Bayern all'andata era in crisi di risultati, la squadra di Schmidt invece continua a vivere una stagione di alti e bassi e arriva a questa gara da tredicesima in Bundesliga.

Heynckes fa turnover e cambia ben otto giocatori su undici, in vista della sfida di Champions League, rispetto all'ultima sfida contro lo Schalke. Scelta che ad inizio tempo non paga. Soprattutto quella di lasciar fuori Lewandowski si rivela fin da subito non felicissima. In attacco mancava nel primo tempo un punto di riferimento più dinamico, fattore che ha rallentato e non poco la manovra dei bavaresi. Il Wolfsburg dal canto suo ha dovuto iniziare la gara dovendo fare i conti con la rabbia dei tifosi, in protesta per la stagione fallimentare che li vede lontanissimi dalla zona Europa: hanno dimostrato il loro disappunto disertando la gara fino al minuto 19:45 (1945 è la data di fondazione del club).

Il Bayern Monaco alla fine è riuscito a spuntarla con le unghie e con i denti, ma soprattutto con la pigrizia di chi sa di essere più forte e di poter cambiare il suo destino quando e come vuole. Croce e delizia Robben: sbaglia un rigore, confeziona l'assist del pareggio e si procura il tiro dal dischetto che regala la vittoria alla sua squadra. Il Wolfsburg può recriminare solo sulla poca attenzione: partita ben preparata e attenta, volta a far male soprattutto sulle ripartenze. L'inesperienza ha causato il gol al 90' che regala al Bayern di Heynckes la decima vittoria di fila in campionato.

Bundesliga, Wolfsburg-Bayern Monaco 1-2: la sblocca Didavi

Primo tempo noioso e avaro di emozioni con ritmi compassati. Poca luce e tante ombre, soprattutto da parte del Bayern Monaco. Chi si aspettava un match già scritto si è dovuto ricredere. Non sempre la Bundesliga è avara di sorprese. Dopo 8' il Bayern è sotto. Calcio d'angolo regalato da Javi Martinez, battuta corta per cercare un secondo cross, in area spunta Didavi che di testa sblocca la partita portando in vantaggio i suoi. Tiepida accoglienza del pubblico di casa al gol. 

I ragazzi di Schmidt ci credono, la mettono sul fisico e provano a giocarla con le ripartenze impensieriendo più di una volta la porta bavarese difesa da Ulreich. Il Bayern regge e si affida ai suoi uomini di punta: il capitano Ribery e Robben. Ma senza grande apprensione per la difesa della squadra della Bassa Sassonia. Le occasioni migliori per gli ospiti arrivano dai piedi di Robben: prima una punizione sulla destra calciata bene dall'olandese, che cercava la deviazione di un compagno, ma il pallone vaga pericolosamente in area e per poco non finisce in porta deviato dall'estremo difensore del Wolfsburg. Poi in chiusura di primo tempo una bella azione del Bayern viene chiusa, male, dal numero 10 che fa impattare il pallone contro l'incrocio dei pali. Poco male, sarebbe comunque stato fuorigioco.

Entra l'artiglieria pesante, cambia tutto

Nel secondo tempo Heynckes capisce che così non si può andare avanti. Il Bayern torna in campo col piglio della prima della classe in Bundesliga e attacca. Robben dimostra di essere la croce e la delizia del Bayern di oggi al 55'. Steffen atterra in area Tolisso che si ara avventato sul pallone dopo la respinta corta del portiere del Wolfsburg. L'arbitro non ci pensa su e fischia: calcio di rigore. Dal dischetto va l'ex Real Madrid e si fa ipnotizzare. Il Wolfsburg resta in vantaggio e allora l'allenatore dei bavaresi corre ai ripari: dentro Thomas Muller e fuori Alcantara. E il tedesco si rivela subito la carta giusta pescata dal mazzo.

Al 64' il numero 25 del Bayern Monaco, uno dei più critici con l'ex allenatore Ancelotti, mette in moto Arjen Robben sulla destra. L'olandese mette in mezzo per l'accorrente Wagner che insacca di testa per l'1-1. Bastava solo lui: Thomas Muller. La squadra di Jupp Heynckes ci crede e attacca a testa bassa: i padroni di casa si difendono al massimo delle loro forze e resistono anche quando entrano Alaba e Lewandowski. La specialità della casa, però, in Bavaria, non è solo la birra, ma anche la vittoria al 90' che arriva grazie ad un altro calcio di rigore. Questa volta più generoso. Itter strattona un po' Robben che si lascia cadere, il Var e l'arbitro non ravvisano la 'simulazione': calcio di rigore. Questa volta va il numero 9, il Sentenziatore del Wolfsburg: Robert Lewandowski. Col brivido sigla il 2-1. Ora è a 16 centri in carriera contro il Wolfsburg. Gigante. Il Bayern a fatica porta a casa il bottino pieno: Besiktas avvisato.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.