Olimpiadi invernali, parco fallico della fertilità: è boom di visite

L'Haesindang Park, famoso per le sue sculture falliche, si trova a pochi chilometri dalla città PyeongChang ed è stato letteralmente preso d'assalto dai tifosi delle olimpiadi.

372 condivisioni 1 commento

di

Share

Violente raffiche oltre i 100 km/h. Parco Olimpico chiuso e tante gare rinviate. A cominciare dalla gara individuale femminile di biathlon, cancellata e posticipata di un giorno. A Gangneung, città che ospita le gare del ghiaccio (dal pattinaggio al curling), il vento è aumentato di intensità, rendendo inagibili anche diverse piste da sci. D'altronde, la sicurezza di atleti e addetti ai lavori viene prima di tutto.

Non solo vento e neve. Alle Olimpiadi invernali c'è anche spazio per qualche gita turistica. Dove? Haesindang Park. Famoso, ma non famosissimo. A meno che non siate già stati in Corea del Sud. Ecco, lì è una vera e propria attrazione. In cosa consiste? Un enorme parco contenente centinaia di sculture falliche. Niente a che fare col porno, anzi. È un inno alla fertilità.

Ci troviamo vicino a PyeongChang, precisamente nel piccolo villaggio di Sinnam, a meno di tre ore dalla sede delle Olimpiadi invernali. Qui si respira un mix di sessualità e spiritualità. L'idea è nata da una leggenda popolare coreana e gli artisti del paese hanno contribuito ad arricchire il parco fallico della fertilità con nuove statue. Una vera e propria calamita turistica per i turisti.

Olimpiadi invernali, la leggenda del parco della fertilità

Grazie alla vicinanza con la sede delle Olimpiadi invernali, il parco fallico della fertilità sta avendo un successo incredibile: boom di visitatori nella prima settimana dall'inizio dei Giochi. Ma da dove nasce l'idea alla base dell'Haesindang Park? Da una leggenda che - come anticipato - affonda le sue origini nella cultura coreana. È la storia di una vergine morta nel corso di una tempesta, mentre il suo fidanzato raccoglieva alghe marine sulle rocce.

Da quel momento gli abitanti del villaggio non riuscirono più a pescare un pesce. Fino a quando, un giorno, uno di loro non fece pipì nel mare. E per rendere omaggio all'anima della donna morta, il pescatore decise di erigere un fallo di pietra. Da qui nacque il parco della fertilità. Ma come molte storie tramandate negli anni, nasconde un paradosso: la Corea del Sud infatti è tra i Paesi con il più basso tasso di fertilità nel mondo. Ogni anno nascono appena 1,17 bambini per donna, colpa dell'elevato costo della vita. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.