Champions League, PSG furioso contro Rocchi: "Perso per colpa sua!"

Emery e Al-Khelaifi schiumano di rabbia per la direzione dell'arbitro italiano: "Lo scorso anno il Barcellona, ora il Real Madrid. Adesso basta!".

3k condivisioni 0 commenti

di

Share

La sconfitta per 3-1, quando ormai il pareggio sembrava in tasca. Per il Paris Saint-Germain, la qualificazione ai quarti di Champions League assumerebbe i contorni dell'impresa. Due gol da recuperare il 6 marzo, nel ritorno del Parco dei Principi, ma soprattutto rabbia da sfogare. Tanta rabbia, che unisce in un solo coro Unai Emery, il presidente Nasser Al-Khelaifi e i giocatori parigini. Il destinatario delle loro proteste è Gianluca Rocchi, l'arbitro italiano che avrebbe condizionato - secondo il PSG - il match del Santiago Bernabeu.

Di episodi dubbi, se ne sono visti molti: dal rigore concesso a Kroos nel primo tempo - sul risultato di 1-0 per il PSG - al tocco di mano di Sergio Ramos in area di rigore, non sanzionato dal direttore di gara toscano. E poi tante altre situazioni minori, che hanno scatenato le lamentele dei francesi.

Il più inviperito è apparso proprio Emery, che si è ritrovato sotto di due reti dopo aver accarezzato l'idea di uscire imbattuto dal Bernabeu. Il numero uno Al-Khelaifi, dal canto suo, ha legato addirittura gli errori subiti contro il Real a quelli che aprirono la strada dell'epica rimonta del Barcellona, nella Champions League dello scorso anno. Lo stato maggiore del PSG, insomma, ha espresso tutta la proprio insofferenza nei confronti di un atteggiamento che penalizzerebbe sistematicamente il club di Parigi.

Champions League, PSG furioso contro Rocchi

Entriamo allora nel dettaglio delle dichiarazioni post partita dei protagonisti del Paris Saint-Germain. Partiamo dallo sfogo di Unai Emery:

Credo che la squadra meritasse di più, abbiamo giocato una grande gara. Il motivo della sconfitta è l'arbitro, che dovrebbe essere equilibrato durante una partita. Ma stasera non è stato così.

Il tecnico basco ha lasciato da parte i mezzi termini ed è andato giù durissimo:

Rocchi ha commesso una serie di piccoli errori, che insieme ci hanno creato un grande torto. Non ha visto il tocco di mano di Ramos e il fallo di Ronaldo su Kimpembe in occasione del 2-1. Anche il rigore dell'1-1 ha dato molta forza al Real, ma era molto dubbio. Al ritorno possiamo ribaltare il risultato, ma solo se l'arbitraggio non andrà ancora una volta contro di noi.

"Prima il Barcellona, ora il Real..."

È proprio sulla presunta ciclità degli errori, che spinge con veemenza Nasser Al-Khelaifi:

Non vogliono ripetere le stesse cose, lo scorso anno il Barcellona e ora il Real. Ora basta, noi non siamo il Real Madrid ma ora basta. Due ammonizioni che non c'erano, fuorigioco inesistenti. Non dico che abbiamo perso per l'arbitro, ma piccoli dettagli hanno aiutato il Real. Sentono che l'arbitro è con loro, i nostri giocatori sono spaventati temendo ammonizioni. Stava aspettando di ammonire o espellere, questo è quel che voleva. Non va bene per il calcio europeo, la Uefa deve fare qualcosa.

Al coro di proteste si è unito anche Marquinhos, capitano nella serata di Champions League al Bernabeu:

Ci sono stati episodi che, secondo il mio punto di vista, hanno condizionato la gara. Ma sono sicuro che al ritorno possiamo ribaltare il risultato.

Vota anche tu!

Al Parco dei Principi, il PSG riuscirà a ribaltare il risultato dell'andata?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.