Champions League, è tempo di Real Madrid-PSG: due giganti a confronto

Due attacchi stellari, una partita dal tasso tecnico elevatissimo: Emery lancia la sfida a Zidane, Neymar e compagni sono pronti per il grande salto.

362 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il rovesciamento dell'ordine costituito, il nuovo che avanza, il popolo contro la monarchia. Peccato che il popolo, in questo caso, venga dal Parco dei Principi, altrimenti la similitudine sarebbe stata azzeccata. Tempo di ottavi di Champions League, tempo di Real Madrid-PSG al Santiago Bernabeu: una sfida dalle tante facce, sicuramente la più avvincente di questa fase eliminatoria insieme a Chelsea-Barcellona.

Basti pensare che quando il PSG nasceva, nel 1970, i bianchi di Madrid avevano già vinto sei Coppe dei Campioni. Il peso della storia da una parte, il peso di una montagna di denaro proveniente dal Qatar: da quando Nasser Al-Khelaïfi è alla presidenza del club, i francesi sono diventati una delle più grandi potenze calcistiche a livello mondiale. Impero contro impero: il Real per colpire ancora, il PSG per soffiare il trono al Re d'Europa. 

Difficile però togliere il posto a chi lo occupa da due anni: il Real Madrid ha trionfato nel 2016 e nel 2017, e ancora prima aveva messo le mani sulla decima nel 2014, sotto la sapiente guida di Carlo Ancelotti (e con Zidane allenatore in seconda). Dall'altra parte, il PSG in Europa è alle prime armi: nessuna Coppa Uefa, niente Europa League, né Coppa dei campioni. La Champions League resta l'obiettivo principe, il modo per alzare l'asticella dopo anni di dominio in Francia. E se hai un attacco composto da Neymar, Cavani e Mbappé non puoi porti limiti.

Champions League, l'attacco dei francesi
Attacchi atomici e dove trovarli.

Champions League, Real Madrid-PSG: tridenti a confronto

Guardando i numeri, non c'è paragone: 70 reti (!) messe a segno fino a questo momento dal tris di fenomeni parigini, mentre la BBC madrilena è ferma a quota 38. I tre bianchi sono stati praticamente doppiati dall'attacco del Paris Saint Germain, che dalla sua parte vanta anche una freschezza diversa: 25 anni di media (Mbappé 19, Neymar 26, Cavani 30) contro i 30 del reparto avanzato del Real (Bale 28, Benzema 30, Cristiano Ronaldo 33).

In Europa, però, gli anni in più non sono necessariamente un male: il fattore esperienza diventa fondamentale, il trio di Zidane ha alle spalle più di una finale di Champions League. Il Real Madrid sa come affrontare certe partite, e dalla sua parte ha l'attuale Pallone d'Oro. Eccola, la sfida nella sfida: Neymar vorrebbe soffiare anche quello a Cristiano, oltre al trono europeo. Ma il portoghese non sembra avere nessuna intenzione di mollare la presa.

Champions League, ecco re CR7
Cristiano Ronaldo in tutta la sua voglia di abdicare.

Valore assoluto e lato social

Real-PSG è anche una sfida milionaria, di sacchi pieni di soldi portati in spalla da alcuni dei giocatori più costosi al mondo. Basti pensare ai 222 milioni spesi per Neymar, o ai 180 per Mbappé. Portando a un qualsiasi Compro Oro le due squadre, quanti soldi se ne potrebbero ricavare? Il pacchetto all-inclusive del PSG, secondo Transfermarkt, ha un valore di circa 750 milioni di euro. La rosa dei blancos, invece, tocca vette più alte: 850 milioni per portarsi a casa Cristiano Ronaldo e compagni. 

Il Real Madrid trionfa anche sui social: 55.5 milioni di seguaci su Instagram, 106.7 milioni di mi piace su Facebook e 29 milioni di follower su Twitter. Un esercito interattivo pronto a sostenere la squadra da dietro uno schermo illuminato, a difenderla tra i commenti di un post, a criticarla quando le cose vanno male. Il PSG, invece, vanta "solamente" 11.5 milioni di fan su Instagram, 33.3 su Facebook e 6.1 su Twitter. Gioco, partita, incontro (social) al Real Madrid.

⛄️ The Bernabéu in White. #HalaMadrid

A post shared by Real Madrid C.F. 🏆 (@realmadrid) on

Le parole di Emery

Dopo i trionfi a Siviglia, ad Emery è stato affidato il compito di portare il PSG sul tetto più alto d'Europa. Per farlo, questa volta, dovrà superare per primo l'ostacolo più alto: battere i campioni. In vista della battaglia di Madrid, l'allenatore spagnolo ha parlato da vero comandante:

Vivo ogni momento, ogni giorno, ogni partita, come una grande opportunità: vogliamo sfruttarla, e affronteremeo la sfida con fiducia. Siamo consapevoli di tutte le difficoltà che possiamo trovarci davanti, ma sono motivato e spero di vedere un grande PSG.

Infine, una carezza a Neymar: chi sceglierebbe tra lui e Cristiano Ronaldo? 

Sono contento di avere Neymar.

Champions League. Emery si gode Neymar
Il patto.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.