Champions League, il Manchester City impressiona: farà il grande slam?

La squadra di Guardiola chiude la patica in meno di mezz'ora e si mette già in tasca il biglietto per i quarti. Pep punta al grande slam: è in corsa in quattro competizioni.

718 condivisioni 0 commenti

di

Share

E se fosse l'anno buono? Se fosse l'anno del Manchester City? La squadra di Pep Guardiola sta dominando tutto. In Premier League ha 16 punti di vantaggio sul Manchester United secondo, è in finale nella Coppa di Lega e ancora in corsa nella FA Cup. Sta tritando qualsiasi avversari affronti. E non soltanto in Inghilterra.

Già, perché ieri ha mandato un altro chiaro segnale di forza in Champions League. Dopo aver vinto in scioltezza il girone con Shakhtar, Napoli e Feyenoord, ha passeggiato agli ottavi di finale. Sfida di 180 minuti chiusa già al 23' dell'andata. Il Manchester City era infatti in vantaggio 3-0 e ha poi chiuso la gara sul 4-0. Dominio assoluto.

Curiosità vuole che dieci anni fa, nella prima stagione di Guardiola da allenatore, passò proprio per Basilea con il suo Barcellona, rifilò una manita ai padroni di casa e finì la stagione con il triplete. Che possa essere di buon auspicio? Possibile, ma oltre alla Champions League, Guardiola ha altre tre competizioni da poter vincere. Si punta al poker, non al triplete.

Vota anche tu!

Guardiola riuscirà a vincere tutte e quattro le competizioni nelle quali è in corsa?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Champions League, il Manchester City passeggia a Basilea

Il Basilea a inizio partita ha provato a sorprendere il Manchester City allargando sulle fasce Lang e Riveros, che ha giocato al posto dell’italo-tedesco Petretta. Inoltre è stata rimpolpata la difesa con il capitano Suchy affiancato da Lacroix e da Xhaka, fratello del centrocampista dell'Arsenal. Nei primi minuti sembrava che le ripartenze del Basilea potessero effettivamente far male: Oberlin e Stocker hanno sprecato due buone occasioni. Al 14' però ecco che i Citizens l'hanno sbloccata con un bellissimo colpo di testa di Gundogan su angolo di De Bruyne. Non un caso se a fine partita Guardiola si è detto entusiasta della prestazione del tedesco.

Parliamo di un giocatore eccezionale. Nella passata stagione ha saltato sei mesi per infortunio e la squadra ha sentito la sua assenza.

In tribuna, a vedere la prestazione eccezionale di Gundogan, c'era anche Low, sempre più convinto a puntare su di lui ai Mondiali. Nei Citizens c'è poi anche Sané, anche lui con sempre più possibilità di partecipare al torneo in Russia. Gundogan, che ha scelto il City proprio per poter lavorare con Guardiola, preferendo il club inglese al Bayern Monaco, ha confermato per l'ennesima volta di essersi inserito perfettamente in squadra. Lo ha dimostrato in campo e lo ha ribadito anche fuori:

Sinceramente credo che la Premier League sia avanti rispetto agli altri campionati. Le partite sono più vive e la lotta al titolo è più emozionante, incerta ed equilibrata.

Ed è anche grazie a Gundogan, direttore d'orchestra del centrocampo inglese, se il Manchester City può davvero sognare di chiudere la stagione con ben quattro trofei.

La squadra di Guardiola fa paura. Lo dimostra anche la reazione degli svizzeri dopo l'1-0. Da lì la difesa del Basilea è andata in bambola. Il 2-0 è arrivata su una stoccata di Bernardo Silva, ben innescato da Sterling (18’). Cinque minuti più tardi la rete del tris realizzata da Aguero, già a quota 14 gol nel 2018. Nella ripresa un altro bellissimo gol, ancora di Gundogan. Il Manchester City ha però chiuso la pratica qualificazione in 23 minuti. Ed è la prima squadra certa di giocare i quarti di finale di Champions League. E la sensazione sempre più forte è che possa essere l'anno buono del City. E ovviamente di Guardiola.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.