Argentina, Maradona spara a zero su Icardi: "È una vergogna"

Il Pibe de Oro da Dubai si scaglia contro il capitano dell'Inter: "Non sa niente, Higuain è 10 volte meglio di lui". E ne ha anche per il ct Sampaoli: "Un bugiardo".

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Che si parli di calcio o no, la capacità di occupare le copertine di Diego Armando Maradona è arcinota: così, a dieci giorni dalla polemica a distanza con il governo degli Stati Uniti d'America per la mancata concessione del visto utile per per presentarsi in tribunale a Miami nell’ambito della causa contro l’ex moglie Claudia Villafane, il Pibe de Oro ha rimesso nel suo mirino la nazionale dell'Argentina e in particolare il capitano dell'Inter Mauro Icardi.

Mauro Icardi in campo con l'Argentina
Mauro Icardi in campo con l'Argentina: 4 presenze con l'albiceleste

Il numero 9 nerazzurro non è nelle grazie di Maradona e questo non è certo un mistero: già in passato l'ex stella dell'Argentina non aveva perso occasione per attaccare Icardi e i suoi comportamenti, nei campi di calcio e fuori, complici alcune uscite azzardate sui social. Questa volta a raccogliere le accuse di Diego, intervistato a Dubai, sono state le pagine di Diario Popular.

Nella lista dei convocati manca un bomber, uno che segna, e poi Sampaoli va a chiamare quella vergogna di Icardi, non sa nulla. L'unica cosa che sa è come andare a mangiare a casa degli amici, ci arriva anche senza il Gps. Higuain è 10 volte meglio di lui.

Critiche pungenti, rivolte a un calciatore che con la nazionale maggiore dell'Argentina ha totalizzato appena 4 presenze, senza trovare la via della rete: dopo la prima chiamata del 2013 e quattro anni di attesa, Icardi è tornato tra i convocati in piana stabile nel maggio 2017. Un problema serio, quello del centravanti per l'Argentina, che il commissario tecnico Jorge Sampaoli ha provato a risolvere alternando nel ruolo il centravanti dell'Inter, Dario Benedetto e Gonzalo Higuain, salvo doversi affidare al solito Lionel Messi per staccare il pass che porta a Russia 2018. Maradona ne ha anche per il ct:

Benedetto è superiore a Icardi. Il problema è che Sampaoli è un bugiardo. Nasconde le cose e lui dovrebbe essere il primo a dire la verità.

Argentina, Maradona contro Icardi: "Meno male che c'è Messi"

Per Maradona, però, i problemi dell'Argentina non si limitano alla mancanza di un centravanti di rilievo. Paradossale per una selezione che può contare su nomi di prima fascia come Higuain, Icardi, Aguero e di ispiratori come Di Maria e Pastore. A garantire la qualificazione ai Mondiali 2018 era stato Messi, autore di una decisiva tripletta all’Ecuador già eliminato che aveva fatto tirare un sospiro di sollievo a un tifo sull'orlo di una crisi di nervi dopo la mancata vittoria contro il Perù. Tra numeri 10 ci si intende, e Diego ha avuto per Leo solo parole al miele:

La fortuna di Sampaoli è quella di avere a disposizione Messi: se si accende lui abbiamo il 60% di possibilità di vincere il Mondiale. Messi è l'unico cantante di questa Argentina, gli altri sono buoni per fare il coro. Si è perso il rispetto per la maglia. A Di Maria hanno chiesto quale fosse il suo sogno. Lui ha risposto di voler vincere la Champions League.

Maradona e Lionel Messi all'epoca in cui Diego allenava l'Argentina
Diego Armando Maradona quando era Ct dell'Argentina: qui a colloquio con Lionel Messi

Non ha mai amato i mezzi termini, Maradona. Sul suo taccuino ci sono i nomi dei buoni e cattivi che fanno parte della rosa dell'Argentina, da lui anche allenata tra il 2008 e il 2010. Una nazionale che non fa più paura, parere di uno dei più grandi calciatori di tutti i tempi. A pagare le spese delle sue considerazioni è il centrocampista del Milan Lucas Biglia, fresco di elogi da parte del suo allenatore Gattuso e preso come simbolo del momento tecnico complicato che la Selección sta attraversando:

L’Argentina oggi non incute più timore, ad esempio non abbiamo centrocampo. Senza offendere nessuno, ma chi avrebbe mai immaginato un giorno Biglia con la maglia della nazionale?

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.