Liga, per l'Atletico Madrid tre punti in 39 secondi: 1-0 a Malaga

Griezmann ci mette meno di un minuto a trovare il vantaggio: ai Colchoneros basta per trascorrere almeno una notte a -6 dal Barcellona.

463 condivisioni 0 commenti

di

Share

"Dammi solo 39 secondi": canta l'Atletico Madrid, dirige Antoine Griezmann. Tanto basta al fuoriclasse francese per regalare la vittoria di misura al Cholo Simeone. Non sul palco dell'Ariston, sia chiaro, ma a La Rosaleda di Malaga: contro l'ultima in classifica, i Colchoneros ci mettono giusto quel pizzico di cinismo che serve per tornare a casa con tre punti pesantissimi in tasca.

Almeno per una notte, l'Atleti potrà andare a dormire a -6 dal Barcellona: 52 punti per i madrileni, 58 per i blaugrana. Che domani però ospiteranno il Getafe e avranno la chance per riportarsi alla distanza di sicurezza di 9 lunghezze.

Per l'Atletico Madrid è l'ottavo successo (sui 14 totali in questo campionato) con il risultato di 1-0. E la 15ª partita (in 23 giornate) conclusa senza subire lo straccio di un gol: minimo sforzo, ma massimo rendimento in difesa (la migliore della Liga) si confermano armi micidiali per Simeone. Che proprio a La Rosaleda, il 7 gennaio 2012, aveva esordito sulla panchina del suo grande amore spagnolo. E che oggi festeggia la sua vittoria numero 150 in Primera Division.

Liga, subito Griezmann: Atletico (almeno per una notte) a -6 dal Barça

Pronti, via, gol. A Griezmann bastano 39 secondi per siglare il gol che deciderà la partita. Saul ci prova dalla distanza, l'ex canterano rojiblanco Keko devia et voilà, il Petit Diable festeggia il suo 8° centro in questa Liga (il 12° stagionale). L'attaccante francese alza al cielo una maglia col numero 7: non la sua però, ma quella dedicata a Nacho Barberá.

Tifosissimo dell'Atletico Madrid e soprannominato Cholito, è il capitano 15enne del Cadete A dell'Alzira stroncato in campo la scorsa settimana da un arresto cardiaco. Una sciagura che ha colpito tutto il mondo del calcio spagnolo e in particolare i Colchoneros, che alla famiglia hanno inviato una camiseta autografata dall'intera squadra.

Dopo essersi stretti attorno al loro giovane e sfortunato sostenitore, gli uomini del Cholo si limitano a gestire il minimo scarto. Le occasioni sottoporta si faranno sempre più rare, mentre il Malaga proverà per tutto l'incontro ad acciuffare il pareggio: al 51' servirà il solito grande Oblak per negare a Rosales l'eurogol su punizione. Un punto avrebbe aumentato di poco le chance di salvezza dei Boquerones, ma che avrebbe infuso grande fiducia nei biancazzurri di José Manuel Gonzalez Lopez.

In una giornata in cui Diego Costa non brilla particolarmente, ci pensa insomma Griezmann a regalare la terza vittoria consecutiva a Simeone. Dallo stadio che ha bagnato il suo debutto alla guida dei Colchoneros, il Cholo si diverte a mettere almeno un pizzico di pressione al Barcellona capolista. E presentarsi al meglio alla ripresa dell'Europa League: giovedì, per l'andata dei sedicesimi, si va in scena a Copenaghen.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.