PSG, Di Maria: "I meme mi hanno mandato dallo psicologo"

L'ala del PSG ha raccontato che ha dovuto rivolgersi ad uno psicologo per sopportare la pressione 'social' di alcuni tifosi dell'albiceleste che temevano di non andare al Mondiale.

857 condivisioni 0 commenti

di

Share

In tempi 'social' succede anche questo. Si può finire dallo psicologo perché i meme ti distruggono psicologicamente? Sì. È successo ad Angel Di Maria. L'ala del PSG e della nazionale argentina, molto attivo sui social, durante il periodo di difficoltà della selezione argentina, quando rischiava di non qualificarsi al Mondiale, ha patito molto lo stress anche per via dell'attacco social dei tifosi.

Ha dovuto addirittura parlare dei suoi problemi con uno psicologo. Lo ha raccontato lui stesso in un'intervista concessa a Tyc Sport nella quale ha anche aggiunto che se non avessero raggiunto il Mondiale probabilmente avrebbe anche lasciato la nazionale, tanta era la pressione.

Ultimo in ordine di tempo ad essere provato dalla cattiveria che alcuni diffondono sui social era stato Davide Santon che a differenza di Di Maria ha chiuso il suo account Instagram per non dover più leggere le cattiverie gratuite che gli venivano protratte dai suoi haters giorno dopo giorno. Un problema che per i calciatori di oggi, e non solo, sta diventando una piaga.

PSG, Di Maria: "I meme mi hanno mandato dallo psicologo"

Angel Di Maria ha dovuto andare da uno psicologo per colpa di alcuni meme troppo cattivi

L'attaccante del PSG parla per la prima volta di questo accaduto. Il fatto che la cattiveria di certi meme possa colpire i giocatori della nazionale del paese che rappresenti (che dovrebbe unire, non dividere) fa pensare, molto e negativamente. Una situazione dunque delicata e difficile da gestire nonostante tu sia un campione affermato. Più che per sé stessi, secondo Di Maria, i meme ricchi di insulti fanno male alla famiglia che soffre perché indirettamente si sente minacciata.

Parlarne con uno psicologo mi ha aiutato molto. Ho ridimensionato la cosa e ho alleggerito il mio stato d'animo. È stato davvero molto utile.

Giorni duri e di pressione psicologica. C'è sicuramente da credere a Di Maria quando dice che non solo lui, ma tutti i compagni giocavano con tanta pressione addosso e leggere certi commenti sui social non aiutava affatto. Ma grazie all'aiuto dello psicologo, il giocatore del PSG ha capito che è facile ridere dietro un computer o uno smartphone perché ti senti in qualche modo protetto e libero di dire la tua senza pensare alle conseguenze. Fortunatamente ora è tutto a posto, lo psicologo lo ha aiutato e anche i commenti negativi sui social li vive con più serenità.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.