Chiellini: "Il Mondiale non lo guardo. Guardiola? Ci ha rovinati"

Le parole del centrale bianconero rilasciate al Daily Mail.

1k condivisioni 0 commenti

Share

Il difensore della Juventus, Giorgio Chiellini, si racconta al Daily Mail e affrontari molti temi. Dal Mondiale dolorosamente sfumato nel playoff contro la Svezia fino a Pep Guardiola e Antonio Conte. Sul manager dei Blues, in bilico dopo aver incassato due pesanti sconfitte in Premier League contro Bournemouth (0-3) e Watford (4-1), ha detto: 

Non posso dimenticarmi cosa voglia dire allenarsi con lui. L'ho avuto tre anni alla Juventus e in Nazionale, a fine seduta eravamo morti, stanchi è riduttivo. Antonio è un sergente, riesce a farti concentrare al massimo e crea un ambiente incredibile. 

Sul Mondiale di Russia 2018: 

Quando inizieranno sarà come ricevere una pugnalata. Guarderò i risultati ma non mi metterò sul divano a vedere ogni partita in TV, mi farebbe troppo male. 

Chiellini e il fallimento Italia: "I motivi sono tanti"

Poi spiega il motivi di questo fallimento: 

Non c'è solo un motivo, ce ne sono tanti. Uno è ad esempio l'assenza di grandi difensori centrali. Oggi non nascono più Maldini, Baresi e Cannavaro, la colpa è di allenatori che hanno provato a imitare Guardiola senza esserne in grado. Pep in un certo senso ha rovinato i difensori italiani, lui è un tecnico super ma qui hanno provato a imitarlo e abbiamo perso la nostra identità. 

Sugli ottavi di Champions League da giocare contro il Tottenham:

Hanno Harry Kane che è un giocatore incredibile, segna come e più di Messi. Sarà una partita difficile. 

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.