Atletica: Alessia Trost 3a a Banska Bystrika, vince Lasitskene con 2.02

Buon terzo posto dell’azzurra nel meeting di salto in alto di Banska Bystrika che ha fatto registrare il 2.02m di Maria Lasitskene e il successo del cinese Yu Wang sul campione del mondo Mutaz Barshim.

Alessia Trost

12 condivisioni 0 commenti

di

Share

Alessia Trost si è classificata terza al prestigioso meeting slovacco di salto in alto di Banska Bystrika con 1.91m. La campionessa mondiale under 18 di Bressanone 2009 e under 20 di Barcellona 2012 ha superato le misure di 1.80m, 1.84m, 1.88m e 1.91m sempre al primo tentativo prima di sfiorare di un nulla la seconda prova a 1.94m.

La saltatrice di Pordenone ha compiuto progressi significativi rispetto alle prime due uscite stagionali e si è migliorata di un centimetro rispetto al personale di quest’anno realizzato a Hustopece.

L’azzurra ha preceduto la campionessa europea under 20 di Grosseto 2017 Michaela Hruba alla stessa misura ma con un numero minore di errori. Trost ha avuto la soddisfazione di battere la vice campionessa olimpica bulgara Mirela Demireva, quinta con 1.91m.

Atletica: Alessia Trost 3a a Banska Bystrika, vince Lasitskene con 2.02

Alessia Trost:

Ovviamente non sono contenta della misura, ma guardo con fiducia all’1.91 fatto e il secondo tentativo a 1.94m mancato di poco. C’è ancora molto da lavorare e da migliorare, ma rimango con un atteggiamento positivo

L’amica-rivale Mariya Lasitskene ha vinto la gara con 2.02m prima di provare senza successo tre prove a 2.06m, un centimetro in più rispetto al record del meeting detenuto dalla croata Blanka Vlasic nel 2006. La due volte campionessa del mondo all’aperto ha dovuto però faticare molto alle misure precedenti superando 1.91m solo al terzo tentativo, 1.94m al secondo e 1.97m ancora al terzo. La fuoriclasse russa ha collezionato il trentatreesimo successo consecutivo e la ventinovesima gara in carriera conclusa con un salto oltre i 2 metri. Al secondo posto si è classificata la portacolori di Santa Lucia Laverne Spencer, che ha confermato il buon momento di forma saltando 1.94m al primo tentativo pochi giorni dopo essersi imposta . a Hustopece.

Maria Lasitskene:

Il pubblico è stato fantastico ma non è stata una buona giornata per me. Ho dovuto cambiare la rincorsa durante la gara

Sulla pedana slovacca il salto in alto italiano conobbe giorni d gloria nel 2011 quando Antonietta Di Martino realizzò l’attuale record italiano indoor con la misura di 2.04m. A livello maschile Gianmarco Tamberi e Marco Fassinotti superarono 2.35m nella stessa serata nell’edizione di due anni fa. 

Vittoria a sorpresa nella gara maschile dove il cinese Yu Wang ha superato quota 2.31m al primo tentativo e ha battuto il grande favorito Mutaz Barshim, secondo con la stessa misura alla prima prova ma con un errore a 2.25m.

Yu Wang:

Non avrei mai pensato di poter battere Barshim. E’ stata una grande sorpresa per me

Mutaz Barshim:

E’ difficile dire qualcosa. Non era la mia giornata. Volevo saltare una grande misura

Marco Fassinotti è stato il primo degli italiani al settimo posto con il personale stagionale di 2.25m a pari merito con l’ex compagno di allenamento Robbie Grabarz. Il ventottenne torinese ha eguagliato la migliore prestazione italiana dell’anno di Gianmarco Tamberi prima di sfiorare di un nulla il terzo tentativo a 2.28m. Da sottolineare anche il terzo posto dell’ex campione del mondo Donald Thomas con 2.31m.

Marco Fassinotti:

Un po’ mi rode. Non sono riuscito a saltare tanto come in allenamento. Sinceramente il 2.15 e il 2.20 superati al primo tentativo mi avevano fatto sperare in meglio. Rispetto al debutto di Colonia penso di aver messo un altro tassello. E’ stata la mia seconda gara con la rincorsa completa. Sono stato in grado di gestire meglio la velocità. Ci vediamo agli Assoluti Indoor di Ancona

Giornata storta per Gianmarco Tamberi, che ha commesso tre errori alla misura di entrata a 2.15m. Come ha affermato il padre e allenatore Marco Tamberi, Gianmarco ha preso una botta al collo del piede di stacco ma la risonanza a cui si è sottoposto non ha evidenziato nulla di preoccupante, anche se il fastidio ha condizionato la prova del campione marchigiano.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.