Serie B, Palermo: club al lavoro per smontare la tesi della Procura

Il Palermo di Maurizio Zamparini è ad un bivio cruciale: i legali del club sono impegnati a risolvere i contenziosi debitori, scongiurando l'ipotesi fallimento.

Maurizio Zamparini, proprietario del Palermo

47 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il Palermo è pronto a giocarsi il suo futuro a stretto giro di posta. Se dal lato prettamente sportivo e legato al campo bisogna registrare l'improvvisa frenata della compagine guidata da Bruno Tedino, fermata al Castellani di Empoli per 4-0 nello scorso turno di Serie B - e che è costata ai siciliani la vetta della classifica -, sul tanto discusso destino societario continuano a venir fuori tutta una serie di notizie che potrebbero far ben sperare i tifosi in vista dell'istanza di fallimento avanzata dalla Procura del capoluogo siciliano e pendente sul capo della società di proprietà del patron Maurizio Zamparini.

Dopo aver chiuso i conti con l'Agenzia delle Entrate attraverso il pagamento in un'unica soluzione dell'IVA dovuta - 1,2 milioni di euro a fronte di 800 mila già saldati - e aver abbandonato la via del contenzioso estinguendo altri 3 milioni di euro di debito divisi tra IRPEF, contributi previdenziali e imposte varie, il team di legali guidati dal presidente rosanero Giovanni Giammarva sta continuando a lavorare nel tentativo di smontare la tesi sottoposta dai periti incaricati dalla Procura. Nello specifico, la situazione debitoria prospettata dal team rosanero sarebbe notevolmente più sgonfia rispetto a quella paventata dall'accusa, con il Palermo che adesso è al lavoro per smontare il prospetto legato al valore del parco giocatori avanzato dal Tribunale.

Ora, lasciando per un attimo da parte la stima assolutamente fuori mercato di Zamparini - che ha parlato di un valore della rosa pari ad 86 milioni di euro, in relazione a delle presunte offerte ricevute -, vi è da un lato la valutazione fatta dallo staff economico-legale del Palermo - e che annovera, come riporta il Giornale di Sicilia, anche professionisti e advisor esterni -  e dall'altro quella della della Procura, corrispondenti rispettivamente a 42,3 milioni e 19,8 milioni di euro. Chiaramente, la stima presentata dal club oggi militante in Serie B basterebbe di per sé a rappresentare un'adeguata difesa atta a ribaltare in toto l'istanza, presentata per una situazione debitoria di 18,3 milioni di euro a giugno 2017. 

Ciò nonostante ancora nulla è scritto, con il Palermo che avrà modo di ricevere risposte definitive soltanto a partire dall'8 marzo, data in cui il Tribunale dovrà prendere una decisione sul caso - nonostante, come riferito da Repubblica, vi saranno altri venti giorni utili allo sviluppo di eventuali deduzioni e controdeduzioni -.

Vota anche tu!

Serie B: il Palermo riuscirà a scongiurare l'ipotesi fallimento?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Serie B: addio Palermo, Baccaglini ci prova per il Vicenza?

La vicenda giudiziaria che ha visto coinvolto il Palermo e la retrocessione in Serie B della passata stagione hanno complicato non poco le contrattazioni legate alla cessione del pacchetto di maggioranza delle quote azionarie del club, con il patron Maurizio Zamparini che, dopo il naufragio della trattativa con l'ex Iena Paul Baccaglini, ha infruttuosamente provato ad imbastire un discorso simile con lo statunitense di origini palermitane Frank Cascio, ex manager del Re del Pop Michael Jackson. Nel frattempo, dopo il fallimento del passaggio di proprietà - sfumato nel giugno scorso -, il già citato Baccaglini sembrerebbe aver mollato definitivamente la pista rosanero, concentrando le sue attenzioni sul Vicenza.

La storica compagine biancorossa, attualmente alle prese con una difficilissima situazione economica che ha portato all'amministrazione controllata, avrebbe registrato una pavida richiesta d'informazioni da parte dell'ex presidente del Palermo, che secondo Il Corriere del Veneto potrebbe essere interessato all'acquisto del club oggi in Serie C.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.