Serie A, l'Inter non vince più. Spalletti: "La colpa è soltanto mia"

Ai nerazzurri mancano i tre punti da più di 2 mesi. Il tecnico: "Sono preoccupato e sto facendo troppi errori: dobbiamo lavorare per uscire dalla crisi".

289 condivisioni 51 commenti

di

Share

La crisi di gioco e risultati dell'Inter non accenna a fermarsi: nell'anticipo serale di ieri giocato a San Siro, la squadra nerazzurra è stata bloccata sull'1-1 dal Crotone, trovando il quinto pareggio consecutivo in campionato.

L'ultima vittoria in Serie A della formazione di Spalletti risale ormai a più di 2 mesi fa, più precisamente il 3 dicembre scorso, data in cui il Chievo fu travolto per 5-0. Da quel giorno sono arrivate 2 sconfitte e 6 pareggi, a cui va aggiunta l'eliminazione dalla Coppa Italia per mano del Milan.

La crisi dell'Inter, più che tecnica e fisica, sembra essere mentale e nelle intervista post-partita di ieri sera il tecnico toscano si è preso la responsabilità del crollo della sua squadra, dicendosi preoccupato specialmente per la tenuta psicologica dei suoi.

Serie A, Spalletti: "Il responsabile della crisi dell'Inter sono io"

L'ex allenatore della Roma ha commentato il pareggio casalingo con il Crotone, in cui la sua squadra ha subito la terza rimonta nelle ultime 4 giornate di Serie A. Spalletti però non ha cercato alibi e ha dichiarato di sentirsi il principale responsabile degli scadenti risultati di questi mesi.

La società si fida di me e devo prendermi le mie responsabilità: la colpa è solo mia, sto facendo troppi errori. La proprietà deve valutare il mio operato, io non devo difendermi perché su alcune cose sono indifendibile.

Analizzando la partita e soprattutto il momento che i nerazzurri stanno attraversando, l'allenatore ha individuato il problema principale nella tenuta mentale dei suoi giocatori, che non sembrano avere la forza di uscire dal periodo negativo.

Ci manca fiducia e abbiamo dimostrato di non avere carattere: ora c'è solamente da lavorare sodo per uscire da questa crisi.

Ad aggiungere nervosismo ad un ambiente già sconfortato dalla mancanza di risultati, che mettono a rischio il quarto posto nella classifica di Serie A, è arrivata anche la brutta reazione di Brozovic al cambio. Spalletti però ha voluto minimizzare l'accaduto.

Non mi concentrerò su questo gesto, è normale: era arrabbiato anche per la prestazione. Vuol dire che ci tiene.

Il prossimo impegno per i nerazzurri sarà la partita di domenica prossima in cui a San Siro arriverà il Bologna di Donadoni. E Spalletti spera di ritrovare dal primo minuto Mauro Icardi, che sarà indispensabile per permettere all'allenatore dell'Inter di uscire dal momento più difficile della sua gestione.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.