MMA, UFC FN 125: il ritorno alla vittoria del Dragone Lyoto Machida

Il drago dormiente si è destato. Nella sua Belem ieri notte Lyoto Machida è tornato alla vittoria dopo molto tempo, contro Eryk Anders.

MMA, UFC, Machida colpisce Anders

64 condivisioni 0 commenti

di

Share

Le grandi MMA tornano in Brasile. Un bellissimo ritorno in scena anche per il beniamino di casa, il Dragone Lyoto Machida (23-8), che ieri notte nel corso di UFC Belem, è riuscito ad imporsi sull'americano Eryk Anders (10-1). Il brasiliano ha imbastito un ottimo gameplan colpendo le gambe di Anders e girando lateralmente, evitando gli assalti frontali dell'americano e riuscendo così a portare il match a casa per decisione non unanime.

Apre la card un match nella categoria dei pesi medi. Il forte Thiago "Marreta" Santos (17-5) si impone in maniera decisa al secondo round sul duro Anthony "Lionheart" Smith (28-13). Smith ha provato a scambiare con Santos, ma si è dovuto arrendere alla superiorità del suo avversario, che ha mostrato più durezza e precisione nei colpi.

Dopo averlo indebolito nel corso della prima ripresa con ottimi calci circolari, l'ennesimo, dritto al fegato, ha paralizzato Smith che, incapace di reagire e di mettere a segno alcun atterramento, ha dovuto cedere il passo al beniamino di casa. Santos va a quota 4 vittorie consecutive tramite finalizzazione e chiede un avversario da top 10.

MMA, UFC FN 125: match divertenti nella card brasiliana

Nel secondo match della main card avvenuto nella categoria dei pesi gallo, Douglas Silva de Andrade (25-2, 1 NC) si è imposto in maniera netta contro Marlon Vera (10-5-1). Vera non è mai stato finalizzato in carriera, ma trova ancora una volta un avversario capace di portarlo a spasso e punirlo per tre riprese. A parte un atterramento ottenuto nel corso del primo round, Andrade ha gestito il ritmo del match, imponendo il proprio striking fatto di colpi girati, leg kick e buoni diretti al viso che anticipavano l'azione dell'ecuadoriano. I colpi al corpo portati dal brasiliano poi, gli hanno garantito la vittoria per decisione unanime.

Nel terzo match, categoria dei pesi massimi, un intelligente Tim Johnson (12-4) ha dato il benvenuto in UFC a Marcelo Golm (6-1), presentatosi imbattuto. I colpi dalla distanza di Golm erano pericolosi, l'americano però ha saputo contenere benissimo il suo avversario, sfruttando anche il vantaggio di quasi venti libbre nel peso, portandolo spesso spalle alla gabbia e imponendo il proprio clinch e il proprio wrestling. Il due volte NCAA All-American ha schiacciato il piede sull'acceleratore nel corso del terzo round, imponendo la propria fisicità e accompagnando i colpi - non troppo esplosivi - all'indirizzo di uno stanco Golm. I giudici hanno optato per la vittoria per decisione unanime in favore dell'americano.

Match molto divertente nella categoria dei pesi leggeri. Michel "Trator" Prazeres (24-2) si è imposto per decisione unanime sul rapido Desmond Green (20-7), al terzo match in UFC. Green ha provato a far valere il proprio wrestling contro il forte brasiliano, che - alla veneranda età di 36 anni - sembra ancora atleticamente freschissimo. Un paio di full mount ottenute, belle transizioni, quasi tutte a favore di Prazeres dalla fase a terra, "Trator" è riuscito non senza difficoltà a vincere. Green ha subito i calci circolari del beniamino di casa, che ha anche tentato più volte delle sottomissioni, invano. Il brasiliano ha mancato il peso e pertanto dovrà versare il 20% della propria borsa al suo avversario, che si è dimostrato molto duro, uno dei pochi a poter competere col brasiliano sul piano del grappling. Ex campione Titan FC, il ventottenne Green ha comunque un futuro roseo: è un atleta completo e affamato e sicuramente sentiremo parlare di lui. In molti si sono lamentati del mancato peso di Prazeres, che è entrato in gabbia praticamente da peso welter.

MMA, UFC, Prazeres all'assalto di Green
Michel Prazeres va a segno su Desmond Green

Co-main event della serata a senso unico nella categoria femminile dei pesi mosca, un match che lascia poco o nulla al commento tecnico. Valentina Shevchenko (15-3) ha dimostrato di essere su un altro livello rispetto alla sua avversaria Priscila Cachoeira (8-1). Un match che, col senno di poi, non sarebbe dovuto probabilmente nemmeno avvenire. La conta finale è stata di 230 colpi per la kirghizistana contro i 3 della brasiliana. Takedown immediato, pioggia di gomitate e pugni durata per un intero round. Secondo round, stessa storia: atterramento, ancora carica di colpi dalla full guard. Yamasaki tardivo nello stop, la Shevchenko deve mettere a segno una rear-naked choke per far sì che il match finisca. Nell'intervista post-incontro, sfida la campionessa di categoria Nicco Montano. 

Grande ritorno per Lyoto Machida, che si impone per decisione non unanime su Eryk Anders, in un match al limite delle 185 libbre. Dopo tre sconfitte consecutive, finalmente il Drago dormiente s'è destato. Grande prova d'orgoglio di Machida che riesce a contenere bene Anders, portandolo a passeggio per la gabbia e punendolo più volte mixando leg kick e middle kick. Qualche uscita anche con i colpi di braccia per non rimanere spalle a parete, la gestione delle distanze di Lyoto è stata perfetta: ha concesso pochi colpi pericolosi al suo potente avversario; da segnalare un ottimo diretto di Anders a contrastare un leg kick, e una ginocchiata che apre un taglio sul sopracciglio del nippo-brasiliano. Leg kick in apertura, Machida ha controllato l'intero primo round con un Anders incapace di tornare in piedi nelle prime battute, entrando nella sua guardia aperta e colpendolo da terra. Anders ha tentato qualche uscita furiosa, prontamente controllata da un resiliente Machida. Nel finale, l'ennesima carica di Anders si è trovata contro il ginocchio di Machida, a segno con un gran colpo d'incontro. Rimessosi in piedi a seguito di ogni takedown subito, Lyoto è riuscito a vincere e togliere l'imbattibilità ad Anders. E adesso, porge il guanto di sfida all'ex campione dei medi UFC Michael Bisping.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.