Liga, favola Pazzini: dalle panchine nel Verona al gol al Real Madrid

L'ex attaccante del Verona entra al 77' e segna 12 minuti dopo il suo debutto nel campionato spagnolo con il Levante, contro il club campione del Mondo.

12k condivisioni 184 commenti

di

Share

Solo due settimane fa, Giampaolo Pazzini partiva dalla panchina nella sfida salvezza al Bentegodi tra il suo Verona e il Crotone. Il tecnico Fabio Pecchia gli aveva preferito Petkovic e Matos, salvo poi inserirlo nella ripresa per tentare di recuperare lo svantaggio con il quale aveva chiuso il primo tempo. Adesso, quello stesso giocatore che nel Verona non era considerato evidentemente all'altezza della situazione, ha tutta la Spagna ai suoi piedi.

Una vera e propria favola, una di quelle che solo il calcio riesce a regalare. Già, perché in queste due settimane Pazzini ha vissuto un momento importante della sua carriera, decidendo a 33 anni suonati di provare un'esperienza all'estero, precisamente in Liga, con la maglia del Levante. E per via delle coincidenze del calendario, la sua nuova squadra si è ritrovata a dover giocare subito contro uno dei club più importanti al mondo, il Real Madrid.

L'ex attaccante di Atalanta, Fiorentina, Sampdoria, Inter e Milan si è messo a disposizione del tecnico Juan Muniz, che ovviamente, dopo due soli allenamenti in gruppo, non lo ha lanciato subito titolare, per dargli prima modo di adattarsi a un altro calcio, un'altra lingua, un'altra cultura. Gli ha riservato gli ultimi 13 minuti, facendolo entrare sul risultato di 1-1. Quando ne sono trascorsi 6, quel debutto si è già trasformato in un incubo, con la rete di Isco che ha portato le Merengues avanti a 7 dal termine. Poi, però, ecco la magia degna di una favola. Ecco che Pazzini, nuovo attaccante del Levante, si è fatto trovare pronto per l'appuntamento con il destino, realizzando all'89' il gol del 2-2, che ha permesso alla sua squadra di strappare un ormai insperato pareggio contro i campioni d'Europa in carica.

Liga, la favola di Pazzini: gol all'esordio al Real Madrid

E a 33 anni, l'attaccante è riuscito a emozionarsi ancora, come gli capitava dieci anni fa, nascondendo a stento gli occhi lucidi nell'intervista a caldo post-partita:

Una notte incredibile, nemmeno nei sogni potevo immaginare una notte così. Esordio nella Liga, esordio nel Levante e un gol decisivo al Real Madrid. Incredibile. Io devo guardare al Levante, siamo contenti di aver fatto un punto contro la squadra campione del mondo. Non me l'aspettavo. Voglio ringraziare i tifosi per l'accoglienza e i compagni per avermi fatto sentire a mio agio: per me è stato più facile. Sono contento di aver ripagato la loro fiducia.

La sua prima rete in Liga è stata in un certo senso anche storica, visto che Pazzini adesso è il secondo attaccante "più anziano" ad aver segnato contro il Real Madrid in questa stagione calcistica, dietro solo Jorge Molina (35 anni e 9 mesi). Poco dopo la fine della partita, anche sua moglie, Silvia Slitti, ha voluto mandargli un messaggio attraverso i social network:

C’era una volta un bravo ragazzo… Un “troppo” buono ragazzo, che ha lasciato l’Italia con le lacrime di dispiacere e ha iniziato la sua avventura in Spagna con le lacrime di gioia… Bisogna sempre credere nei propri sogni, nelle proprie possibilità, nelle proprie qualità… E se gli altri vogliono farti smettere di sognare, tu sorridi e vai avanti… C’è sempre un posto nel mondo dove i sogni si realizzano… Basta trovarlo.

L'ha trovato nel Levante. E se ne sono accorti anche i campioni d'Europa in carica del Real Madrid in questa partita di Liga.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.