Borussia Dortmund, le plusvalenze sono da record: ma quando compri?

Da Dembelé ad Aubameyang fino a Barrios e Hummels, al Borussia Dortmund riescono sempre plusvalenze da record, poi però non investe mai tanto in un unico giocatore.

981 condivisioni 5 commenti

di

Share

Premessa: fare i conti in tasca alle persone non è mai bello, forse non è nemmeno giusto, ma il Borussia Dortmund ha una filosofia di calciomercato davvero particolare. Fra Aubameyang, appena passato all'Arsenal e Dembelé, trasferitosi al Barcellona in estate, i gialloneri hanno incassato circa 170 milioni di euro (più bonus che possono far lievitare la cifra fino a 220 milioni).

In estate nessuna squadra al mondo ha incassato più del Borussia Dortmund. Ben 240 milioni (ai quali andranno aggiunti i bonus), e nessuna ha chiuso con un saldo migliore. Ben 131 milioni di euro. L'analisi è presto fatta: i gialloneri intascano tantissimo ma poi non spendono. Non quanto potrebbero.

Gli anni nei quali (a bassi costi) mettevano in difficoltà il Bayern Monaco vincendo per due anni di fila la Bundesliga arrivando nell'anno successivo anche in finale di Champions League sono lontani. Il calcio in questi anni è cambiato molto: le cifre del calciomercato sono lievitate, così come gli incassi del Borussia Dortmund. Le sue spese però sono sempre le stesse, e i risultati si vedono.

Vota anche tu!

Batshuayi basterà per sostituire Aubameyang?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Borussia Dortmund, plusvalenze da record: ma quando spendi?

Il Borussia Dortmund è bravissimo a scovare talenti e lo è anche sul mercato in uscita. Questo è dimostrato dalle plusvalenze dei gialloneri. Tutto è cominciato nel 2009 quando prese Lucas Barrios (attaccante titolare del primo dei due campionati vinti con Klopp) per 4,5 milioni, rivendendolo, una volta panchinaro, a 8,5. Poi Hummels, arrivato per 4,2 milioni e rivenduto a 35 milioni. Kagawa arrivò per 300mila euro e venne rivenduto a 16 milioni al Manchester United, prima di tornare in Germania per 8 milioni. Sven Bender arrivò per 1,5 milioni, dopo 8 anni se ne è andato per 12,5. Gotze è un prodotto del vivaio, è andato al Bayern per 37 milioni ed è tornato per 22. Mkhitaryan arrivò per 27,2 milioni, andò via per 42. Gundogan arrivò per 5,5 è andato via per 27. Solo con questi giocatori il Dortmund ha fatto 94 milioni di plusvalenza.

Vota anche tu!

Il Borussia Dortmund dovrebbe spendere di più sul mercato?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

C'è poi Dembelé, pagato 15 milioni e rivenduto a 105 (più bonus si può arrivare a 150). La plusvalenza è di almeno 90 milioni. Siamo quindi a minimo 184 milioni di plusvalenza. Infine c'è Aubameyang, preso a 13 milioni e rivenduto a 62,5. Sono altri 50 milioni di plusvalenza che fanno lievitare la cifra a 234 milioni totali. La società lavora benissimo, ma non ha il coraggio di prendere un top player. Le possibilità economiche le avrebbe pure, ma probabilmente il problema è il monte ingaggi. Proprio perché molti dei giocatori arrivano che sono sconosciuti (o poco più) e guadagnano molto meno di quanto prenderebbero nei top club. Basti vedere Aubameyang che ha raddoppiato il proprio stipendio passando all'Arsenal. E l'acquisto più costoso della storia del BVB resta Schurrle, pagato 32 milioni. Poco per competere con il Bayern Monaco, poco per chi con 9 giocatori fa 234 milioni di plusvalenza. E perdonateci se facciamo i conti in tasca al club, ma un Dortmund più forte farebbe bene anche alla Bundesliga.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.