Serie B: i tifosi del Frosinone investono 1,5 milioni nel club

Primo in classifica in Serie B, il Frosinone si distingue anche per un'inedita iniziativa che ha portato i tifosi a investire nel club. Un'idea vincente, un'idea da 1,5 milioni.

I giocatori del Frosinone festeggiano sotto la curva.

1k condivisioni 20 commenti

di

Share

Non basta il primo posto - in coabitazione con il Palermo - in Serie B. Non basta aver vissuto, appena due anni fa, la prima storica stagione in Serie A. Il Frosinone non si ferma mai, e oltre a distinguersi positivamente sul campo riesce a farlo anche fuori dal rettangolo verde grazie a un'iniziativa inedita e che si sta rivelando vincente.

Il "Frosinone Bond" è l'ultima idea del club guidato da Maurizio Stirpe, una trovata che unisce crowdfunding e azionariato popolare e che mira a rendere ancora più stretto il già forte legame tra il club, la città e i tifosi. Investendo nel Frosinone, infatti, questi ultimi dimostrano nei fatti l'attaccamento e la fiducia verso la propria squadra, che da parte sua investirà il ricavato in tutta una serie di infrastrutture tese a proiettare il club nel futuro.

La campagna, partita il 4 dicembre sulla piattaforma Tifosy, è stata un successo oltre ogni aspettativa: la quota minima prevista di un milione è stata superata, e anzi appare ormai scontato che sarà raggiunta quella massima fissata a suo tempo a 1,5 milioni di euro. Lo sforzo dei tifosi non è a fondo perduto: garantirà agli investitori un ritorno annuo pari al 5% in utile e al 3% in spese legate al calcio come abbonamenti, biglietti e merchandising.

Il Frosinone guida la Serie B e costruisce per il futuro con i tifosi

La retrocessione in Serie B, arrivata al termine della stagione 2015/2016, è stata dunque digerita più che bene a Frosinone. Il club non si è perso d'animo, allestendo una squadra competitiva che ha sfiorato l'immediato ritorno in massima serie (sfumato ai play-off) e che al momento attuale sta guidando la classifica insieme al Palermo. Il 28 settembre del 2017, inoltre, i ciociari hanno inaugurato lo "Stadio Benito Stirpe", completato con importanti investimenti dopo anni in cui l'impianto era rimasto praticamente in stato di semi-abbandono. Questo ha reso i frusinati il quarto club d'Italia a gestire direttamente il proprio impianto.

Adesso, grazie ai soldi raccolti grazie ai "Frosinone Bond", la società effettuerà nuovi investimenti nelle infrastrutture, proiettando così il Frosinone verso un futuro roseo e stabile: seguendo lo slogan della campagna "Investi nella nostra casa, investi nel nostro futuro", infatti, il club costruirà nelle aree immediatamente adiacenti lo stadio il "Frosinone Village", che comprenderà un fast food, un centro medico, una palestra, un punto di ristoro e lo store ufficiale della società.

Se l'obbiettivo immediato infatti è quello di vincere il campionato di Serie B e riassaporare la gioia della prima, storica, stagione in massima serie, la dirigenza guidata dal presidente Stirpe dimostra di saper guardare anche al futuro. L'iniziativa si è rivelata vincente, adesso non rimane che attenderne i frutti: la palla passa alla società, da oggi ancora più legata alla propria tifoseria.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.