Champions League, Luis Enrique per Conte: scelta prima degli ottavi

Il tecnico del Chelsea in bilico, Abramovich pensa all'esonero in vista della super sfida col Barcellona. Ma Antonio non molla e scarta la Nazionale: "Continuo fino al 2019".

242 condivisioni 12 commenti

di

Share

Parliamo del Groundhog Day, 2 febbraio, il giorno della marmotta. Il roditore, in base al suo comportamento fuori dalla tana, farà capire quanto sia lungo ancora l’inverno. Riuscirà anche a pronosticare il futuro di Antonio Conte sulla panchina del Chelsea? Perché in Inghilterra ora danno quasi per certo l’addio del tecnico italiano prima della sfida di Champions League con il Barcellona. Il sostituto? Luis Enrique.

La voce gira ormai da tempo. E l’addio dell’ex ct dell’Italia potrebbe arrivare prima di giugno. Patron Roman Abramovich valuta attentamente il da farsi. Sono ore di silenzio e riflessione a Londra. I risultati poi, non aiutano. I Blues, dopo l’inaspettato ko di Premier League contro il modesto Bournemouth (3-0), sono scivolati in quarta posizione. Il Tottenham, due punti sotto, è pronto al sorpasso.

In vista della sfida degli ottavi di Champions League contro i blaugrana, il Chelsea prenderà la sua decisione. Continuare con Conte, oppure affidarsi già da ora a Luis Enrique? Dubbio amletico a nord della capitale inglese.

Champions League, Luis Enrique al Chelsea al posto di Conte?
Champions League, Chelsea pronto a salutare Conte prima del match con il Barcellona

Champions League, il Chelsea cambia allenatore?

Il Daily Mail lancia la bomba: Luis Enrique al posto di Antonio Conte sulla panchina del Chelsea prima della sfida di Champions League contro il Barcellona. Il presidente Abramovich ci pensa davvero. Il manager non è felice, il club lo stesso, Luis Enrique è libero: cosa si sta aspettando?

Ma soprattutto, qual è l’uomo che conosce meglio i blaugrana visto che li ha allenati fino a maggio scorso? Esatto, proprio l’asturiano. Che però, dopo aver lasciato il Camp Nou, ha ammesso più volte di volersi prendere un anno sabbatico. Una soluzione va trovata, 'Lucho' è in pole, difficile pensare che non accetti una panchina così importante.

Disastro Blues

Il momento è critico in casa Chelsea. Ad inizio 2018 la squadra era seconda in classifica a 14 punti dal Manchester City, ma avanti di sette dalla quinta e in semifinale della Coppa di Lega. In un mese situazione ribaltata: quarta posizione in classifica, 18 punti dal City di Guardiola, appena due sul quinto posto occupato dal Tottenham ed eliminazione dalla Coppa di Lega per mano dell’Arsenal. Nove match giocati nel primo mese dell’anno, vinti appena 2. La sconfitta contro il Bournemouth di mercoledì scorso per 3-0 rappresenta un ko pesantissimo: i Blues non perdevano con un passivo così ampio dal 16 aprile del 2016, contro il Manchester City. In conferenza stampa il tecnico ha dribblato le domande sul futuro e allontanato l’ipotesi Nazionale:

Costacurta è un amico, abbiamo giocato insieme il Mondiale del 1994. Ma dimentica che ho un contratto di 18 mesi qui e il mio desiderio è di voler rispettare questo accordo.

L’aria è pesante intorno a Stamford Bridge. Conte ha tutti contro, a partire dal braccio destro di Abramovich, Marina Granovskaia, che gestisce le finanze di mercato del Chelsea. Ora c’è la paura che si possa perdere un posto per la Champions League del prossimo anno e la Champions League stessa, con il difficile doppio confronto con il Barcellona. I prossimi impegni, Watford e West Bromwich, sembrano alla portata. Ma anche con il Bournemouth in casa doveva essere una passeggiata…

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.