Calciomercato: Napoli, ecco perché non è arrivato Klaassen

Davy Klaassen sembrava vicino a un accordo con il Napoli che invece è sfumato. Il suo manager all'Everton, Sam Allardyce, spiega perché.

238 condivisioni 5 commenti

di

Share

Nonostante il Napoli sia primo in classifica ed esprima quello che per molti è il calcio migliore d'Italia, la tifoseria azzurra è in fermento. Ha destato infatti una certa preoccupazione la sessione di calciomercato invernale che si è chiusa ieri sera alle 23 e che ha visto i partenopei incapaci di assicurare a Maurizio Sarri l'attaccante esterno richiesto.

Non è stato un mese positivo, questo gennaio, per il Napoli. Il ds Giuntoli ha visto arenarsi tutta una serie di trattative imbastite per dare al tecnico quello che serviva, e cioè un giocatore che potesse rappresentare un'alternativa valida, in attesa del ritorno di Milik, nel tridente Insigne-Mertens-Callejon. Il primo rifiuto è stato quello di Simone Verdi: il Bologna aveva accettato di cederlo, ma il ragazzo ha preferito non interrompere un percorso di crescita che temeva avrebbe avuto qualche rallentamento in azzurro, senza la garanzia di giocare.

L'ultimo affare, sfumato proprio sulla sirena del calciomercato, è stato quello legato a Matteo Politano, per cui si è presentata una situazione opposta a quella di Verdi: il giocatore era convinto del trasferimento, il club nero-verde no, e non sono bastati 28 milioni per cambiare le cose. In mezzo a questi due nomi molte altre alternative sono apparse e poi tramontate, ma un nome è stato davvero vicino a trasferirsi sotto al Vesuvio: Davy Klaassen, olandese dell'Everton. Perché non se ne sia fatto niente lo ha rivelato il manager dei Toffees alla BBC.

Calciomercato: Napoli-Klaassen, ecco i motivi della rottura
Il manager dell'Everton Sam Allardyce

Calciomercato: Klaassen-Napoli saltata per cavilli contrattuali

Mentre si è pensato inizialmente che il motivo per cui l'olandese non si è trasferito alla corte di Sarri fosse per la sua impossibilità a giocare in Europa League, competizione in cui è già apparso con l'Everton, è lo stesso manager Sam Allardyce, che lo ha alle sue dipendenze ma che evidentemente ne avrebbe fatto a meno più che volentieri, a raccontare ai media inglesi il motivo del mancato trasferimento in Italia.

Si tratta dei diritti d'immagine, che il Napoli intende gestire personalmente per tutti i suoi tesserati. Un presupposto essenziale, su cui De Laurentiis non transige, e che sarebbe stato alla base della rottura tra le parti. Un epilogo che ha deluso Allardyce, che si aspettava un finale diverso.

Klaassen si è trasferito in Inghilterra soltanto la scorsa estate, voluto in prestito con riscatto obbligato (fissato a 27 milioni di euro) dall'allora manager Ronald Koeman. Ma quando questi è saltato, ecco che lo spazio in prima squadra, per lui, si è ridotto al punto che pochi giorni fa lo stesso Allardyce aveva consigliato al centrocampista ex-Ajax di trovarsi una nuova squadra.

Siamo delusi, ma lui dovrebbe esserlo molto più di noi

In effetti per Klaassen la Serie A e Napoli avrebbero rappresentato un'ottima opportunità per rilanciare una carriera che rischia di diventare quella di tante stelline esplose ad Amsterdam e che poi non hanno saputo confermarsi altrove. Giocatore dalle qualità diverse rispetto a quelle cercate dal Napoli in questo calciomercato invernale, l'olandese è un centrocampista centrale che può fungere anche da trequartista e da "falso nueve". Si sarebbe trattato di un'alternativa a Hamsik, dunque, con Zielinski che avrebbe continuato a studiare da vice-Callejon.

Si sarebbe trattato comunque di un rinforzo, un arrivo che avrebbe calmato una piazza preoccupata: il primo posto in classifica è esaltante, ma il campionato è ancora lungo e il Napoli non sembra avere una rosa sufficientemente lunga. Ecco perché la società era andata in cerca di rinforzi, ed ecco perché, avendola vista mancare tutti gli obbiettivi, la piazza mugugna. A Sarri il compito di mantenere alto l'entusiasmo, mentre Klaassen dovrà cercare di lottare per guadagnarsi il posto in una squadra che evidentemente lo ha già scaricato. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.