Figc commissariata, cosa può succedere adesso? I possibili scenari

Ecco quali saranno le prossime tappe che dovrà seguire la Federcalcio dopo il nulla di fatto nelle elezioni del nuovo presidente: tutto ora nelle mani del Coni.

L'assemblea elettiva della Figc, un nulla di fatto

47 condivisioni 2 commenti

di

Share

Dopo aver assistito all'elezione dell'esimia d.ssa Bianca Scheda, meglio nota con il nome di "scheda bianca", il calcio italiano resta ancora in sospeso, senza una guida e nel pieno caos. Come noto Gravina, Sibilia e Tommasi non sono riusciti a trovare un accordo tra loro per arrivare a una maggioranza tale che potesse decretare il nome del nuovo numero uno della Figc, un esito che è stato accolto in modo negativo, ovviamente, dal mondo del calcio.

Il vulcanico presidente della Sampdoria Ferrero come suo solito non ha usato mezzi termini, definendo il tutto una buffonata, nonché una "gran figuraccia" (diciamo così).

Più pacato, ma comunque sulla stessa lunghezza d'onda, l'ex presidente federale Giancarlo Abete, che ha spiegato perché per gli amanti dello sport quella creata sia una situazione "da piangere": dopo l'eliminazione dell'Italia dalla fase finale dei Mondiali per mano della Svezia si sarebbe dovuti arrivare tutti insieme a una decisione presa per unità d'intenti, mentre "è cominciato un balletto in cui tutti volevano candidarsi".

Un Commissario Straordinario per la Figc
Figc, niente presidente: servirà un Commissario Straordinario

Commissariamento Figc, gli scenari

Non stati sufficienti quattro scrutini, infatti, per raggiungere la maggioranza assoluta di uno dei tre candidati Figc. Così si procederà alla soluzione del commissariamento straordinario della Federcalcio da parte del Coni, così come accaduto già sei volte nel corso della storia del nostro calcio. La prima nel 1958 con Bruno Zauli, poi Franco Carraro nel 1986, Raffaele Pagnozzi nel 1996, Giovanni Petrucci nel 2000, Luca Pancalli e Guido Rossi nel 2006.

Il numero uno del Coni, Giovanni Malagò, ha convocato una riunione d'urgenza fissata per giovedì 1 febbraio in modo da stabilire il nome del nuovo Commissario Straordinario che dovrà guidare la Figc per almeno i prossimi 90 giorni.

Non si tratterà di un ruolo semplice, perché nel corso della sua gestione dovrà per forza di cose selezionare anche il nome del nuovo commissario tecnico (con Ventura ancora sotto contratto). I papabili in questo momento sono lo stesso Giovanni Malagò, il suo vice Franco Chimenti, il presidente del Comitato Paralimpico Luca Pancalli (per lui si tratterebbe di un bis) e il segretario del Coni Roberto Fabbricini. Proprio per via delle questioni tecniche che dovranno essere affrontate è probabile che chiunque vinca venga affiancato un uomo con esperienza nel mondo del calcio da calciatore o allenatore. Il nome più gettonato è quello di Alessandro Costacurta.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.