Premier League, Mou libera Ibrahimovic: "Libero di andare ai Galaxy"

Il tecnico portoghese commenta così le voci provenienti dagli States che vorrebbero Zlatan vicino all'accordo coi Galaxy.

582 condivisioni 6 commenti

di

Share

L'esperienza di Zlatan Ibrahimovic in Premier League potrebbe essere davvero giunta ai titoli di coda, ora che anche José Mourinho ha spalancato il portone di uscita dal Manchester United. 

Questa mattina ESPN aveva rivelato che il lungo inseguimento dei Los Angeles Galaxy all'asso svedese poteva ormai dirsi vicino alla felice conclusione. Sollecitato sull'argomento, il portoghese ha dato la sua benedizione alla partenza di Ibra prima dell'inizio della nuova stagione dell'MLS, previsto per marzo:

Zlatan è nel suo ultimo anno di contratto. Premesso che lui a me non ha detto nulla, se - e sottolineo il "se" - è vero quello che si dice, se è vero che vuole proseguire in un altro club di un altro campionato, noi siamo qui per aiutarlo e creare le condizioni perché questo si realizzi. Non gli renderemo la vita difficile

Premier League, Mourinho non tratterrà a forza Ibrahimovic

Le parole di Mourinho vanno presumibilmente interpretate non come un tentativo di scaricare lo svedese, ma come una forma di rispetto nei confronti di un giocatore verso il quale esiste un legame molto forte. Non un invito a togliere il disturbo, ma una mano tesa. 

L'ultima cosa che Zlatan mi ha detto è che vuole recuperare completamente per aiutare la squadra. Sta lavorando duramente per trovare la miglior condizione. Non dico che è infortunato perché non lo è, ma sta cercando di essere pronto per un campionato difficile come la Premier League

Le prime voci di un possibile addio anticipato di Ibrahimovic al Manchester United risalgono a tre settimane fa, motivate dalla volontà del gigante svedese di non essere relegato al ruolo di riserva di Lukaku. L'acquisto di Alexis Sanchez non ha certo migliorato la situazione, così come il riferimento di Mourinho al "tempo che passa" inesorabile per tutti, Ibra incluso. 

I Galaxy avevano provato ad assicurarsi la firma di Zlatan già nel 2016, dopo la separazione dal PSG, ma avevano dovuto arrendersi all'irresistibile fascino della Premier League e del Manchester United. Ibra, d'altra parte, era ancora uno dei giocatori più decisivi d'Europa (51 presenze e 50 gol con i francesi) e il dorato prepensionamento poteva attendere.

Ora il tempo e gli infortuni hanno drasticamente mutato il quadro, come non manca di sottolineare il suo amico Mou. E vivere da milionario in California non sembra essere più la prospettiva angosciante (?!) di 18 mesi fa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.