Psg, Cavani è diventato il miglior marcatore della storia del club

L'attaccante uruguaiano con il gol che sblocca la partita con il Montpellier stacca Ibrahimovic e diventa il capocannoniere della storia del Paris Saint-Germain.

908 condivisioni 7 commenti

di

Share

Se non ci fosse stata qualche discussione di troppo con Neymar in occasione degli ultimi calci di rigore del Paris Saint-Germain, certamente il discorso sarebbe già stato chiuso tempo addietro. In ogni caso era prevedibile che fosse solo questione di tempo e che Edinson Cavani si consacrasse presto come miglior marcatore della storia del club parigino.

Lo scorso 17 gennaio per Cavani era arrivato l'aggancio a Zlatan Ibrahimovic in vetta a questa speciale graduatoria a quota 156, oggi contro il Montpellier è arrivato anche il sorpasso, dopo appena 11 minuti di gioco.

Un sinistro da pochi passi su assist delizioso di Rabiot, poi si è tolto la maglia per esultare, accompagnato dall'immagine celebrativa del suo volto, con un 157 scritto a caratteri cubitali sullo sfondo, prontamente trasmessa sui tabelloni del Parc des Princes. Fanno 157 reti in 229 partite con la maglia del Paris Saint-Germain, per una media impressionante di uno ogni 1,4 partite (il precedente primatista Ibrahimovic, però, le sue 156 le ha segnate in 180 gare).

Psg, Cavani miglior marcatore della storia club

Poco importa, Cavani ha potuto comunque festeggiare arrivando puntuale al suo appuntamento con la storia del Paris Saint-Germain, dove è arrivato nel luglio del 2013 dal Napoli per 64,5 milioni di euro.

Soldi ben spesi, insomma, considerando i suoi numeri con il Psg, che lo hanno visto mettersi davanti non solo a Ibrahimovic, ma anche a Pauleta, Rai, Hoarau e così via.

E poi, anche se in estate dovesse partire e concludere il suo ciclo a Parigi come indicato da alcuni rumors, siamo solo a metà stagione: l'uruguaiano ha ancora tutto il tempo per allungare ulteriormente e fissare a una cifra ancora più alta il tetto per chiunque voglia provare a eguagliarlo. Visto l'andamento della squadra di Emery, il numero può decisamente crescere ancora moltissimo. Anche se con qualche discussione di troppo con Neymar in occasione dei calci di rigore.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.