Real Madrid, Zidane fa autocritica. Decisiva la Champions League

L'allenatore si prende le colpe per l'eliminazione contro il Leganes, ma la sua posizione è in bilico. Decisivo l'incrocio di Champions League contro il Paris Saint-Germain.

230 condivisioni 10 commenti

di

Share

Per comprendere la portata della clamorosa eliminazione dalla Coppa del Re incassata dal Real Madrid per mano del Leganes, formazione oggi tredicesima nella Liga, basterebbe aprire le prime pagine di quotidiani e portali spagnoli. Disastro, umiliazione e vergogna sono gli hashtag più ricorrenti tra quelli utilizzati per raccontare l'amarezza negli ambienti vicini alla Casa Blanca.

La rete di Gabriel Appelt Pires, quella dell'1-2 del Bernabeu che ha vanificato il successo esterno per 1-0 ottenuto all'andata da Modric e compagni, porta la firma di un ex Juventus. Quasi un nefasto segno del destino per Zinedine Zidane, che in Serie A proprio con i colori bianconeri cuciti sul petto ha incantato tifosi e appassionati. Da allenatore, invece, proprio contro la Vecchia Signora Zizou aveva festeggiato l'ultima Champions League nella notte di Cardiff. Momenti vincenti, che ora appaiono ricordi sbiaditi.

Quel selfie di gruppo del Leganes sul prato del Santiago Bernabeu suona come uno schiaffo al recente passato del Real Madrid. La stagione 2017/2018 è sin qui stata amara: per i risultati, che vedono oggi le Merengues distanti 19 punti dalla vetta della Liga, occupata dai rivali del Barcellona, per i rumors di spogliatoio, con la BBC in tumulto, e per l'ambiente, che non ha affatto gradito questa inattesa inversione a U nell'atteggiamento e nei punteggi. Zinedine Zidane è chiamato a una metamorfosi. Lo sa lui per primo.

Da quando sono qui, è il mio peggior momento, sono io il responsabile di tutto. Sono il massimo responsabile e sono arrabbiato con me stesso, la squadra non c'entra. Ora bisogna analizzare la situazione: per me è un fallimento.

Real Madrid, la caduta degli dei: Zidane alla prova Champions League

Nel momento storico più difficile dal suo insediamento sulla panchina del Real Madrid, con la promozione dal Castilla datata 4 gennaio 2016, Zinedine Zidane è chiamato quindi a un deciso cambio di rotta: non più gestore, di forze e di equilibri interni, ma allenatore a tutti gli effetti. Ai Blancos servono nuovi stimoli, che in attesa del calciomercato estivo solo modifiche tattiche e tecniche possono concedere. 

Real Madrid ko contro il Leganes: la panchina di Zidane in bilico
Real Madrid ko contro il Leganes: la panchina di Zidane in bilico?

I numeri raccolti da Cristiano Ronaldo, Benzema e Bale sono l'estrema sintesi di una stagione in preda ai marosi: a fronte dei 70 centri complessivi della scorsa stagione (42 per il portoghese, 19 per il francese e 9 per il gallese, funestato dagli infortuni), oggi il tridente magico è a quota 31. Un calo non solo quantitativo, ma anche qualitativo: il Real Madrid vince molto meno, appena 10 vittorie in 19 incontri di Liga. Il Zinedine Zidane in grado di sollevare una Coppa ogni 13 partite ufficiali, trionfatore in 7 competizioni sulle 9 disputate fino ad agosto 2017 (due Champions League, una Liga, due Supercoppe europee, una Supercoppa di Spagna, un Mondiale per Club) oggi sembra una lontana realtà. A Madrid, sponda Real, le emozioni hanno bisogno di continue iniezioni di fiducia: per un pubblico così esigente non c'è altra ricetta che tenga.

Nel destino di Zizou, ora, c'è la Francia. Il calciomercato degli allenatori, però, questa volta non c'entra. Già, perché il suo futuro passa per la doppia sfida agli ottavi di Champions League contro il Paris Saint-Germain. Il 14 febbraio e il 6 marzo, date delle sfide di andata e ritorno, sono cerchiate in rosso sul calendario di Zizou. Che sulla sfida contro i parigini non ha dubbi:

Psg? Mi sembra chiarissimo che mi giocherò in quelle due partite il futuro. Sono io il responsabile di tutta questa situazione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.