WWE Raw 25, le Stunner di Steve Austin, i ritorni di Undertaker e DX

Dal Barclays Center e dal Manhattan Center di New York va in onda la puntata speciale per festeggiare i 25 anni dello storico show: previsti tanti ritorni eccellenti.

Il ritorno della leggenda The Undertaker a WWE Raw 25

122 condivisioni 0 commenti

di

Share

Prepariamoci a qualsiasi cosa. WWE Raw festeggia i suoi 25 anni e per farlo, come sempre, ha scelto di pensare in grande. Tante le leggende che parteciperanno alla serata, da The Undertaker a Stone Cold Steve Austin, da Trish Stratus al Sgt. Slaughter, passando per Triple H, Shawn Michaels (intervistato da FOXSports.it pochi giorni fa), Ted DiBiase, Rick Flair, The Boogey Man e molti altri ancora.

L'idea di Vince McMahon è quella di ripercorrere i momenti più belli di questo quarto di secolo di WWE Raw, ma allo stesso tempo andare in scena con la "normale" puntata che precederà la Royal Rumble e che ad esempio prevede l'incontro con in palio il titolo intercontinentale tra Roman Reigns e The Miz.

Ci saranno anche stelle di SmackDown, come AJ Styles o Carmella (che sia l'occasione giusta per incassare il Money in the Bank?), che renderanno ancora più ricca una serata che si svilupperà parallelamente da due arene, il Barclays Center e il Manhattan Center di New York. Non resta che cominciare, a partire dalle 2 di notte, il racconto in diretta scritta di questa speciale puntata nella rubrica WWE-ek Raw a cura di FOX Sports.

WWE Raw 25, la diretta scritta

Ad aprire la notte di WWE Raw 25 non possono che essere i padroni di casa, cioè la famiglia McMahon al completo composta dal padre Vince e i suoi figli Shane e Stephanie. Il capofamiglia viene omaggiato con una targa dai suoi familiari, ma non gradisce e non ha nessun problema a farlo notare, prendendosela con chiunque.

Lo fa fino a quando non si sente il rumore di vetri rotti. Già, è il momento dell'ingresso di Stone Cold Steve Austin, che arriva con il suo solito passo, sale sul ring, si fa tutti e quattro gli angoli e poi si mette di fronte a Vince McMahon. Il proprietario della WWE vede bene di offrire in sacrificio Shane (spiegando che lui è ormai un signore anziano, mentre il figlio nel pieno delle forze), regalandogli una Stunner.

Poi tenta di sancire una pace storica, abbracciando Austin e brindando con lui con due birre. Quando fa per andarsene, però, arriva puntale anche la Stunner su Vince. Finita? No, perché nel frattempo Shane si è rialzato e si prende anche il bis. Ed è tripudio di birre e applausi per Stone Cold. Che inizio col botto...

Absolution, Alicia Fox e Nia Jax vs Sasha Banks, Bayley, Mickie James, Asuka

Il primo incontro della serata è tutto al femminile, con praticamente tutte le donne di Raw (a eccezione della campionessa Alexa Bliss) sul ring per un quattro contro quattro. Prima ancora dell'inizio della sfida Nia Jax attacca Asuka dando vita a una maxi-rissa (un'idea di quanto si potrà vedere nella prima Royal Rumble femminile della storia) sedata a stento dall'arbitro.

Il match riesce finalmente a partire, ma una nuova rissa scoppiata fuori dal ring fa sì che Sasha Banks rimanga da sola sul quadrato con Alicia Fox e la possa imprigionare nella Bank Statement che vale la vittoria per sottomissione. Le quattro vincitrici si mettono così in posa, ma Asuka le fa fuori una a una mandandole fuori oltre la terza corda. Altro segnale in vista della Royal Rumble.

Backstage

Kurt Angle viene raggiunto da Jonathan Coachman, Teddy Long, Brooklyn Brawler, Brother LoveHarvey Wippleman. Nel clima di euforia generale si aggiunge anche The Boogeyman, che si toglie un po' di vermi dalla bocca e li offre in omaggio a Coachman...

Il ritorno di The Undertaker

Ci trasferiamo nell'arena di Manhattan, perché è proprio lì che risuonano i rintocchi delle campane. Già, The Undertaker torna in WWE a distanza 9 mesi dalla sua sconfitta a WrestleMania contro Roman Reigns. Il becchino più famoso della storia fa il suo ingresso classico e prende il microfono, mentre tutto il pubblico canta il suo nome. The Undertaker dice che nel corso dei 25 anni di Raw ha fatto conoscere l'inferno a Stone Cold Steve Austin, così come a Mick Foley e a suo fratello Kane. E ora per tutti sono caduti che sono ormai alle spalle, è arrivato davvero il monmento di restare in pace... A quanto pare, purtroppo, il ritiro è momentaneamente confermato.

Backstage

Gli APA (JBL e Faarooq) giocano a poker contro Rhyno e Heath Slater, quando vengono interrotti da un bel mazzo di dollari, lanciati sul tavolo da Ted DiBiase, che si unisce così alla partita.

I General Manager John Lautinaiti, William Regal, Eric Bischoff, Daniel Bryan fanno il loro ingresso per prendersi gli applausi del pubblico, ma vengono interrotti da The Miz (scambio di sguardi molto teso con il GM di SmackDown) e il Miztourage, che si prepara quindi per il suo incontro con Roman Reigns, con in palio il titolo intercontinentale.

The Miz (con il Miztourage) vs Roman Reigns (C)

Intercontinental Championship Match

Parte il match e come prevedibile domina Roman Reigns, fino a quando il Miztourage non comincia con le consuete distrazioni. Lo fanno così tanto che l'arbitro è praticamente costretto ad allontanarli dal ring, ma mentre vanno via riescono comunque nel loro intento di distrarre The Big Dog e permettere a The Miz di eseguire la Skull-Crushing Finale. Non è comunque sufficiente per schienare Reigns, che interrompe a due il conteggio.

Riparte la sfida e il membro dello Shield prova a forzare, ma commette un errore madornale, cadendo nella trappola di The Miz, che lo fa terminare addosso all'angolo, su una parte precedentemente privata del cuscinetto. Così la seconda Skull-Crushing Finale diventa letale e permette all'A-Lister di riprendersi il titolo di campione intercontinentale, conquistandolo per l'ottava volta in carriera.

Backstage

Alla partita di poker, intanto, si sono aggiunti intanto Jeff Hardy, MVP e gli Usos.

Peep Show di Christian

Torniamo con le telecamere sul ring, dove ha il microfono Christian (!), che presenta la puntata del suo Peep Show. I suoi ospiti sono i campioni di coppia di WWE Raw, Seth Rollins e Jason Jordan. Quest'ultimo viene preso di mira dal pubblico e quando prova a reagire fa ancora peggio. Per fortuna per lui viene fermato dall'arrivo di Cesaro e Sheamus, che li raggiungono sul quadrato e spiegano che non è Kurt Angle a fare schifo, ma proprio suo figlio: Jason Jordan.

Così fanno partire il coro che viene cantato da tutta l'arena e JJ perde la pazienza attaccandoli. Lo segue ovviamente Seth Rollins, che dopo aver spedito fuori dal ring Sheamus, prova ad aiutare il suo compagno di Tag Team impegnato con Cesaro. Nel farlo però lo colpisce involontariamente, tra le risate del Bar che si allontana dal ring.

Backstage

Parte un'intervista ad Alexa Bliss, ma viene subito interrotta dall'ingresso di Charlotte Flair. Quest'ultima le dice che l'unica ragione per la quale è campionessa di Raw è perché lei è a SmackDown. Le due vengono raggiunte anche da Rick Flair, che pur dicendo ad Alexa di essere molto carina, le spiega brevemente come non sia paragone con sua figlia.

Aggiornamento sulla partita di poker, visto che adesso ci sono anche Titus O'Neil, Apollo Crews, Dana Brooke e Natalya. Quest'ultima si aggiudica la mano, facendo andare su tutte le furie Heath Slater che pensava di aver vinto.

Bray Wyatt vs Woken Matt Hardy

Torniamo a Manhattan, per l'incontro tra Bray Wyatt e Woken Matt Hardy. Il match viene vinto dall'ex leader della Wyatt Family grazie alla sua Sister Abigail.

Le Divas del passato

Fanno il loro ingresso, in questo ordine, "The Bella Twins" Nikki e Brie Bella, la stupenda e prossima a partorire Maryse, Kelly Kelly, Lilian Garcia, Jacqueline, Torrie Wilson, Michelle McCool, Terri Runnels, Maria Kanellis (anche lei col pancione) e, dulcis in fundo, Trish Stratus. Decisamente un gran bel vedere...

Backstage

Elias cammina nel backstage e incrocia... Chris Jericho! Che dopo aver suonato la sua chitarra, lo inserisce nella sua lista...

Elias e John Cena sul ring

Arriva il momento della canzone di Elias, che fresco di inserimento nella lista di Jericho non demorde e comincia a prendersi gioco del pubblico. Se la prende anche con Jimmy Fallon in prima fila, ma si deve fermare perché parte la canzone d'ingresso di John Cena. Il leader della Cenation arriva a suo modo sul ring, come sempre fischiato dalla maggior parte del pubblico. Anche Elias prende coraggio e gli dice di tacere, perché nessuno lo vuole ascoltare, mentre tutti vogliono sentire le sue canzoni. John Cena si toglie la maglia e lo invita ad attaccarlo, porgendo anche il suo volto.

Il chitarrista inizialmente dice di non avere intenzione adesso e fa come per andarsene, poi però prova ad attaccarlo e John Cena prende velocemente il sopravvento. Elias lo ferma con un colpo belle parti basse, poi va a prendere la chitarra e gliela sfracella sulla schiena. Non contento, esegue anche la Drift Away prima di andarsene.

Backstage

Alla partita di poker ora c'è anche tutto il New Day nelle vesti di spettatori. Heath Slater viene accusato di aver barato e nasce così il Tag Team Match tra lui e Rhyno contro il Titus WorldWide.

Le telecamere passano su Mark Henry, che cammina nei corridoi e incrocia The Godfather, in compagnia della moglie.

Titus Worldwide vs Heath Slater e Rhyno

Parte l’incontro, con il Titus Worldwide apparentemente in vantaggio. In ogni caso il match viene fermato dall’ingresso dei Dudley Boyz, che se la prendono con Heath Slater e lo disintegrano. Ecco cosa succede a chi bara a poker...

Backstage

Siparietto tra AJ Styles e The Gene Okerlund, con il campione WWE che ricorda come sarà lui a uscire vittorioso dal suo Handicap Match alla Royal Rumble, contro "Kami", cioè il duo composto da Sami Zayn e Kevin Owens.

Il ritorno della D-Generation X

Ritorniamo a Manhattan, perché è arrivato il momento di un altro grandissimo ritorno, anzi, di una reunion, quella della D-Generation X. I primi ad entrare sono ovviamente Triple H e Shawn Michaels, a seguire arrivano anche gli New Age Outlaws e X-Pac. E il seguito è esattamente lo stesso di 25 anni fa. Successivamente arriva anche Razor Ramon, armato del suo stuzzicadenti.

Con tutti loro sul ring, suona la musica del Balor Club, che fa il suo ingresso e sale sul ring. Sembra esserci un po' di tensione, ma viene subito risolta dal tipico gesto del Club, che unisce tutti e 9 gli atleti sul ring.

A unirli ancora di più ci pensano però i Revival, che come promesso nell'ultima puntata di Raw vogliono dimostrare di essere più "Old School" della vecchia scuola stessa. Parte così il Tag Team Match tra la coppia composta da Dash Wilder e Scott Dawson, contro Luke Gallows e Karl Anderson (e a loro angolo Finn Balor più le sei leggende WWE). Come prevedibile è un massacro sia nell'incontro normale che successivamente, quando viene attaccato per primo Razor Ramon da Scott Dawson. Inutile dire che tutti gli altri ne approfittino per sfogarsi a loro modo e finire i malcapitati Revival...

Braun Strowman, Kane e Brock Lesnar sul ring

La puntata televisiva si conclude infine a Brooklin, con tutti gli atleti di Raw e alcune leggende che scortano il General Manager Kurt Angle sul ring per dare vita a un delicatissimo confronto a tre, quello tra Braun Strowman, Kane e Brock Lesnar, accompagnato ovviamente da Paul Heyman. La situazione degenera non appena fa il suo ingresso The Beast, perché Strowman mette subito fuori gioco The Big Red Machine, poi viene attaccato da Lesnar che subito dopo però prende e lancia contro un tavolo. A urlare per ultimo, anche stavolta, è il Mostro che cammina tra gli uomini.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.