Lega Serie A, il punto: ipotesi Tavecchio presidente e Tebas ad?

La Serie A è ad un bivio: con una FIGC ancora priva di un leader, si spinge per l'elezione di Carlo Tavecchio a presidente di Lega, con Javier Tebas ad.

856 condivisioni 247 commenti

di

Share

Se vogliamo che tutto rimanga com'è bisogna che tutto cambi. Questa citazione gattopardiana rappresenta alla perfezione il quadro attuale della situazione politica del calcio italiano. Sì perché chi pensava che le dimissioni di Carlo Tavecchio da leader della FIGC avrebbero potuto segnare una nuova pagina nella storia sportiva nostrana si sbagliava di grosso. Basti pensare a come, nonostante l'addio alla Federazione, Tavecchio sia ancora commissario della Lega Serie A, nonché principale indiziato a ricoprire il ruolo di presidente nella stessa con Javier Tebas, attuale n.1 della Liga, nel ruolo di amministratore delegato.

Tebas, presidente della Liga
Javier Tebas, attuale presidente della Liga, potrebbe ricoprire il ruolo di amministratore delegato nei quadri dirigenziali della Lega Serie A.

Stando a quanto riferito da Repubblica.it, il tutto farebbe parte di un ingegnoso piano architettato dal presidente del Torino Urbano Cairo, che starebbe lavorando al raggiungimento di un maxi-accordo che unirebbe "nemici e amici" sotto un fronte comune. Nella giornata di ieri, infatti, si è praticamente rischiato di eleggere già da subito Tavecchio presidente, il cui mandato da commissario della Lega Serie A scadrà il 29 di gennaio. L'idea strutturata dal patron granata, come chiarito, prevederebbe un accordo con il collega laziale Claudio Lotito - che spinge per un'elezione repentina onde evitare l'arrivo di un nuovo commissario -, con Tebas che in caso di assenso riceverebbe il mandato di ad percependo un milione di euro più benefit all'anno.

Il piano di Cairo rischia di far sgretolare il fronte dei riformisti, con Lotito che rientrerebbe tra le fila del consiglio federale - affiancato dall'amministratore delegato del Milan Marco Fassone - e Marotta, Giulini, Percassi, Romei ed il già citato Lotito consiglieri di Lega. Una mega-coalizione che prevederebbe il redivivo Tavecchio sulla cima della piramide e subito sotto l'avvocato spagnolo Tebas, personaggio sì controverso ma dal grande carisma e dai meriti lavorativi certificati.

Lega Serie A: i contro delle piste Tavecchio e Tebas

L'arrivo di Carlo Tavecchio in sella alla massima poltrona dirigenziale della Lega Serie A rischia di far concludere con un nulla di fatto mesi e mesi di discussioni, riunioni e vertici scaturiti a seguito della mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali di Russia 2018. Nulla da fare dunque per la tanto auspicata rivoluzione spesso richiesta anche dal n.1 del CONI Giovanni Malagò, che nel frattempo incontrerà i tre candidati alla presidenza della FIGC nella giornata di domani.

Vota anche tu!

Lega Serie A: le ipotesi Tavecchio e Tebas possono rappresentare un punto di svolta per il movimento nostrano?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

A destare qualche preoccupazione, tuttavia, non è solo il ritorno in poltrona dell'ex patron della Lega Dilettanti, bensì i rapporti non proprio idilliaci del possibile nuovo ad della Lega Serie A Javier Tebas con il calcio italiano. Bisogna ricordare infatti come l'attuale presidente della Liga si sia opposto con decisione, nel corso delle riunioni tra i vertici delle varie leghe europee, all'ingresso delle quattro squadre italiane in Champions League. Lo stesso avvocato iberico, inoltre, non può certo vantare relazioni tranquille con FIFA e UEFA. Ciò nonostante, il suo possibile ingresso nei quadri dirigenziali del massimo campionato italiano potrebbe portare una ventata di aria fresca, aiutando - magari - a ridurre il gap che separa la nostra Serie A dagli altri tornei d'élite del Vecchio Continente. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.