WRC, Rally di Montecalro: les jeux sont faits

Prende il via il Campionato del Mondo di rally: si parte da Montecarlo.

3 condivisioni 1 commento

di

Share

Da Place du Casino il via all’86° Rally di Monte-Carlo. Il primo evento della stagione WRC 2018. Sarà entusiasmante scoprire i nuovi team dopo il mercato piloti. A scortare il campione in carica Sébastien Ogier, al via sulla Ford Fiesta numero 1, la M-Sport ha iscritto Elfyn Evans e lo specialista della corsa monegasca Bryan Bouffier. In WRC2 la Ford ha tre autentici rincalzi d’oro: Eric Camilli, Kevin Abbring (ex tester Hyundai) e quel velocissimo Teemu Suninen al quale sarà concesso di salire sul una Ford Fiesta WRC del team M-Sport in otto gare del mondiale. Tre vetture anche per la coreana Hyundai, desiderosa di vivere una stagione di riscatto dopo aver praticamente gettato via le potenzialità enormi di centrare il titolo mondiale un anno fa.

Sulle tre i20 saranno presenti Thierry Neuville, Andreas Mikkelsen e Dani Sordo (che nel resto della stagione si alternerà con Hayden Paddon: sette uscite a testa più un evento aperto a quattro vetture in Portogallo). L’ex M-Sport Ott Tanak farà il suo esordio sulla giapponese Toyota Gazoo Racing. Un debutto molto atteso, considerando la grande crescita dimostrata lo scorso anno. Sulle altre Yaris il giovane rampante Esapekka Lappi e il veterano Jari-Matti Latvala che sa di giocarsi una delle ultime chances della carriera di riuscire a conquistare un titolo iridato. Sono solo due le Citroen C3 assegnate: una a Kris Meeke, l’altra a Craig Brain. Della pattuglia francese fa parte di rincalzo anche Khalid Al-Qassimi. In tre appuntamenti del mondiale (Messico, Germania e Catalunya) tornerà il nove volte campione iridato Sébastien Loeb, che non sarà in gara a Monte-Carlo nonostante le voci che si erano diffuse già nell’autunno dello scorso anno.

Assai incerto il futuro di Stéphane Lefebvre, per il quale si è parlato di un ruolo importante da ambasciatore della nuova C3 R5. Avvicendamento tecnico nel team francese, nel quale Yves Matton ha lasciato il ruolo di direttore tecnico per andare a sedersi accanto a Peter Bayer in seno alla Federazione Internazionale, al posto di Jarmo Mahonen. In Citroen Racing arriva al suo posto Pierre Budar, già ingegnere del reparto corse rally e supervisore dei progetti CR R5 e Peugeot 308 TCR. Una novità anche nel calendario del mondiale, dove la Turchia subentra alla Polonia.

WRC, importante innovazione nel regolamento WRC

Da quest’anno team privati e singoli piloti non sotto contratto con team di Case costruttrici presenti, potranno schierare vetture Plus, dunque con specifiche tecniche introdotte nel 2017: nel corso della stagione appena terminata era vietato, anche se la norma è stata aggirata facilmente iscrivendo vetture per team privati (ad esempio il JipoCar OneBet di Prokop) con le squadre ufficiali. Tuttavia la FIA potrà però mantenere il diritto di approvare o meno l'iscrizione di questi team privati o piloti, così come le restrizioni sui test concessi a quest'ultimi. Intanto da quest’anno anche i team privati potranno utilizzare vetture Plus, nell’ambito delle diverse categorie saranno ancora tre i gommisti : Michelin D-Mack (che non avrà più un team dedicato) e Pirelli. Ora la parola passa al Monte, per i primi verdetti e le prime impressioni sul campionato che sta per arrivare.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.