WWE Raw, Kurt Angle licenzia Braun Strowman. Lui non la prende bene...

A inizio puntata il General Manager punisce il Monster among men e scatena una furia mai vista prima: serve l'intervento di Stephanie McMahon per riportare la calma.

112 condivisioni 7 commenti

di

Share

La puntata di WWE Raw di questa sera andrà in onda dall'AT&T Center di Sant'Antonio in Texas e sarà l’ultima prima di quella della prossima settimana, in cui si celebrerà lo storico 25esimo anniversario dello show. Sarà un avvenimento eccezionale, che si svolgerà in due arene diverse e che vedrà la partecipazione straordinaria di leggende come The Undertaker, Stone Cold Steve Austin, la D-Generation X, Rick Flair, Kevin Nash, forse anche The Rock e molti altri ancora.

L’unico incontro già fissato per l’occasione è quello in cui Roman Reigns metterà in palio il suo titolo intercontinentale dall’attacco di The Miz, che appena rientrato ha già scelto di utilizzare la sua opzione di rivincita. Probabile che la modalità scelta per farlo la scorsa settimana, nella puntata di stasera possa portare a una reazione del Big Dog.

C’è attesa, poi, di conoscere il pensiero di Braun Strowman, che parlerà dopo aver fatto cadere una struttura tecnica sopra i corpi di Brock Lesnar e Kane. In sospeso pure la questione tra Asuka e Nia Jax, così come quella tra i compagni di squadra Jason Jordan e Seth Rollins, ancora alla ricerca di una sintonia che servirà certamente alla Royal Rumble, dove dovranno vedersela con Sheamus e Cesaro. Possiamo dunque cominciare con il consueto racconto dello show, come sempre nella rubrica WWE-ek Raw a cura di FOX Sports.

WWE Raw

Il primo a fare il suo ingresso sul ring è Braun Strowman, che vuole raccontare al pubblico una breve storia con un lieto fine, quella che vede protagonisti una “Machine” e una “Beast”, con un “Monster among men” che però sarà l’unico a rimanere in piedi. Viene interrotto (e non è che lo gradisca particolarmente) da Kurt Angle, che sale sul quadrato accompagnato dalla sicurezza.

Il General Manager ricorda quanto successo la settimana scorsa, quando Braun Strowman per poco non uccideva Brock Lesnar e Kane facendo cadere su di loro la struttura di metallo.

I due hanno un teso scambio di opinioni e Kurt Angle dice all’ex membro della Wyatt Family che può ritenersi fortunato per il fatto che Lesnar e Kane siano ancora in grado di partecipare all’Universal Championship alla Royal Rumble, ma sfortunatamente lui non ci sarà, perché è licenziato! Incredibile colpo di scena, con il General Manager che pronuncia le parole “you’re fired” in faccia al Monster among men, andandosene. Ripresosi dallo shock, Braun Strowman si avvia con fare minaccioso e sguardo perplesso dietro Kurt Angle.

Backstage

La sicurezza accompagna Braun Strowman verso l’uscita, ma una volta arrivato davanti la porta il Monster among men si ferma e disintegra tutti e cinque gli uomini della sicurezza, uno addirittura lanciandolo sopra le transenne e distruggendo un tavolo. E come da urlo, “il mostro non ha ancora finito”.

Sheamus e Cesaro vs Titus Worldwide

Il primo incontro della serata di WWE Raw è il Tag Team Match che sancisce la rivincita della scorsa settimana tra Sheamus e Cesaro da una parte, Titus O'Neil e Apollo Crews dall'altra. Sette giorni fa a sorpresa aveva avuto la meglio il Titus Worldwide e la stessa cosa succede anche in questa circostanza.

È sufficiente che risuoni la musica di Jason Jordan per far distrarre Sheamus e consentire ad Apollo Crews di chiudere con un Roll-up. Al termine dell'incontro Seth Rollins raggiunge Jason Jordan e gli chiede spiegazioni per il suo comportamento, che a quanto pare non reputava necessario.

Backstage

Braun Strowman continua la caccia a Kurt Angle, fino a quando si trova di fronte al camerino del GM di Raw. Dopo aver sfondato la porta con un calcio, distrugge qualsiasi cosa si trovi di fronte. Arriva anche dai Cruiserweight, che nonostante l'avvertimento di un Drew Gulak terrorizzato non scappano e finiscono per essere polverizzati dalla furia del Monster among men.

In particolare Curt Hawkins, che subisce una Chokeslam sul tavolo. Poi Strowman si trova di fronte a un cameriere che stava portando la torta ed è rimasto immobile terrorizzato. Braun lo risparmia e si accontenta di una fetta di torta, per poi proseguire la devastazione del backstage.

Cedric Alexander (con Goldust) vs Tony Nese (con Enzo Amore)

Passiamo alla sfida tra Cruiserweight che vede Cedric Alexander (accompagnato da Goldust) contro Tony Nese (ed Enzo Amore al suo angolo). Ad avere la meglio è Alexander, che chiude il discorso con il suo Lumbar Check.

Backstage

Dopo aver visto in che condizioni sia stato ridotto il suo camerino, Kurt Angle decide di chiamare la polizia. Poi gli viene comunicato che Braun Strowman è diretto verso i camion della produzione della WWE. Il mostro si impossessa di uno di questi e, nonostante Kurt Angle (che nel frattempo riceve una telefonata) lo inviti a fermarsi, lo ribalta. Sì, avete letto bene, lo ribalta.

Strowman si presenta ora nell'arena e va verso il tavolo di commento, prendendosela con Michael Cole. Lo ferma il General Manager, che dice di aver ricevuto una telefonata da Stephanie McMahon, che ha annullato il suo licenziamento e lo ha inserito di nuovo nel Triple Threat Match per la Universal Championship alla Royal Rumble. Il pubblico fa partire un'ovazione, Braun si tranquillizza e fa il suo urlo. Ma prima di andarsene riprende Micheal Cole e lo lancia sulla sicurezza che aveva scortato Kurt Angle.

Asuka vs Nia Jax

Passiamo adesso all'incontro femminile tra Asuka e Nia Jax, con quest'ultima che dopo essere rimasta intrappolata tra i gradoni e il bordo del ring subisce un infortunio che le impedisce di proseguire il match, dando così la vittoria per ko ad Asuka.

Backstage

Jason Jordan raggiunge Kurt Angle nel suo ufficio (o comunque in quel che ne resta) e nonostante suo padre gli faccia notare di avere altro a cui pensare, JJ insiste dicendo che lo vuole ringraziare per tutto e che forse dovrebbe dare una nuova chance al suo compagno di squadra, Seth Rollins, contro Finn Balor. Il GM dà il suo consenso.

Alexa Bliss va a controllare che Nia Jax stia bene: anche Enzo Amore raggiunge le due e dopo Nia chiede ad Alexa di lasciarli soli.

The Revival vs local competitors

I Revival si liberano in poco tempo di due competitors locali e subito dopo vengono intervistati da Charly Caruso. Dash Wilder e Scott Dawson si proclamano come la coppia dominante della WWE, ma spiegando che loro sono dei wrestler professionisti e non degli intrattenitori: una qualità che non perderanno mai. E per questo domineranno il ring per i prossimi 25 anni.

Roman Reigns vs The Miztourage

Dopo una canzone di Elias Samson (che se la prende con John Cena e spera di trovarselo di fronte alla Royal Rumble), fa il suo ingresso The Miz accompagnato dal Miztourage. Saranno Bo Dallas e Curtis Axel ad affrontare Roman Reigns stasera in un Handicap Match, che il Big Dog fa suo nonostante le continue interferenze dell'A-Lister, chiudendo con una Spear su Curtis Axel.

Sonya Deville (con Paige e Mandy Rose) vs Sasha Banks (con Mickie James e Bayley)

Paige ovviamente è solo nelle vesti di accompagnatrice, a seguito del suo stop (non ancora ufficiale, ma lo è la sua assenza dalla Royal Rumble) a competere da parte della WWE. L'incontro viene vinto dalla sua compagna, Sonya Deville, che riesce ad avere la meglio dopo aver colpito al costato Sasha Banks che si lanciava dalla seconda corda.

Backstage

Seth Rollins parla con Jason Jordan e gli dice che non deve essere il suo portavoce. JJ spiega quanto le sue fossero delle buone intenzioni, il suo compagno di squadra risponde che è stato sbagliato il modo.

Woken Matt Hardy vs Heath Slater

Altra vittoria di Matt Hardy in versione Woken, che riesce ad avere la meglio su Heath Slater grazie alla sua Twist of Fate.

Goldberg entra nella Hall of Fame 2018

Ci viene mostrato un video che svela il primo a entrare nella Hall of Fame 2018: si tratta di Goldberg! Ecco il comunicato stampa ufficiale diffuso dalla WWE:

Golderg, una delle Superstar con la carriera migliore di sempre nella storia dello sport entertainment, ha debuttato nella WCW nel settembre 1997 ed è rimasto imbattuto con uno score di 173-0. Durante il corso della sua carriera nella WCW, ha stretto tra le mani il WCW Championship, il WCW United States Championship e il WCW Tag Team Championship. Nel 2003, Goldberg ha debuttato in WWE diventando in poco tempo World Heavyweight Champion, prima di allontanarsi dal ring nel 2004. Dodici anni dopo il ritiro dalle competizioni sul ring, Goldberg è tornato in WWE in grande stile alle Survivor Series del 2016 sconfiggendo Brock Lesnar in meno di due minuti, ed ha cavalcato l’entusiasmo fino a Fastlane dove ha sconfitto Kevin Owens per vincere il WWE Universal Championship.

L’incredibile intensità del personaggio e l’atletismo unico di Goldberg hanno catturato l’interesse dei fan dello sport entertainment in tutto il mondo attraverso la sua illustre carriera. Siamo onorati che Goldberg prenda il posto che è già suo di diritto nella WWE Hall of Fame.

Queste le parole di Paul Levesque (Triple H), WWE Executive Vice President, Talent, Live Events & Creative.

Seth Rollins vs Finn Balor

Siamo arrivati al main event della serata, cioè lo scontro tra Seth Rollins e Finn Balor. Il campione di coppia di WWE Raw insieme a Jason Jordan riesce a vincere contro il leader del ricostituito Balor Club. Decisivo un Curb Stomp (una novità, era da tempo che non veniva usata questa finisher da The Architect), che chiude un incontro che aveva subito l'interferenza di Sheamus e Cesaro, determinati a vendicarsi di JJ.

Il figlio di Kurt Angle però è scaltro, perché elude l'attacco del Bar e fa in modo che questo vada scontrarsi con Gallows e Anderson. Solo l'intervento di Finn Balor riesce a spegnere la rissa fuori dal ring, ma questo (e un intervento scorretto di Jordan) mette Seth Rollins nelle condizioni di chiudere il discorso e prendersi la vittoria.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.