Porto, tragedia sfiorata: crepe in tribuna, i tifosi invadono il campo

I 2500 tifosi del Porto che hanno seguito la squadra sul campo dell'Estoril hanno dovuto invadere il terreno di gioco: il settore ospiti era a rischio crollo.

31 condivisioni 13 commenti

di

Share

Poteva essere una tragedia, stava per esserlo. Di solito quando si vedono 2500 tifosi in campo è perché si sta festeggiando un trofeo (scudetto o coppa) o comunque un traguardo importante (salvezza o promozione). Questa volta però le immagini sono fuorvianti. I tifosi hanno dovuto invadere il terreno di gioco per salvarsi la vita.

È successo in Portogallo, durante la partita fra l'Estoril ultimo in classifica e il Porto secondo (ma con una partita in meno). Una gara di fondamentale importanza per entrambe le squadre e che i padroni di casa stavano vincendo a sorpresa per 1-0.

Del gol di Eduardo su punizione, arrivato al 16' del primo tempo, però non parlerà nessuno. Perché per quanto sorprendente non è quella la notizia più importante della serata. Dopo l'intervallo, infatti, la partita non è più ripresa. In campo c'erano 2500 tifosi.

Porto, i tifosi invadono il campo: la tribuna era pericolante

Durante l'intervallo i 2500 tifosi del Porto si sono resi conto che il settore ospiti che li conteneva era pericolante. C'erano delle grosse crepe che preoccupavano non poco. Per questo i primi tifosi hanno cominciato a gettarsi in campo. Quando le forze dell'ordine si sono accorte del problema hanno aiutato anche gli altri tifosi del Porto a entrare in campo.

Lo stadio fu costruito nel 1939, ma la tribuna ospite è stata ristrutturata di recente. Il Porto, sul proprio sito, ha postato delle foto agghiaccianti sulla condizione dell'impianto di Estoril, lo stadio 'Antonio Coimbra da Mota Stadium. Secondo le prime informazioni, uno dei pilastri di sostegno della gradinata ha ceduto di almeno due centimetri. Ancora non ci sono notizie invece per quel che riguarda il recupero della partita, ma per il momento non interessa. Perché l'importante è che questa storia sia finita bene. Anche se, è evidente, poteva terminare in tragedia.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.