Nasri, ricorso al TAS respinto: rischia 4 anni di squalifica per doping

Il centrocampista francese, attualmente in forza all'Antalyaspor, rischia una squalifica di 4 anni per doping.

24 condivisioni 12 commenti

Share

Si mette male per Samir Nasri. Il centrocampista attualmente in forza ai turchi dell'Antalyaspor (2 gol e 1 assist in 8 presenza nel campionato in corso) si è visto respingere il ricorso presentato al TAS (Tribunale arbitrale dello Sport) nei confronti della UEFA e ora - secondo AS - rischia una squalifica di 4 anni per doping. Ma facciamo un passo indietro. 

Nasri è finito nel mirino del massimo organo calcistico europeo per alcune trasfusioni di sangue a cui si è sottoposto negli Stati Uniti nel corso della stagione 2015/2016, quando vestiva la maglia del Siviglia. Per proteggersi da una possibile sanzione, l'ex Manchester City ha presentato un certificato terapeutico a cui però la UEFA non ha attribuito validità retroattiva. E adesso le indagini dirette all'Organo UEFA Controllo, Etica e Disciplina, interrotte in attesa del responso del TAS, potranno riprendere.

Intanto la clinica Drip Doctors, struttura alla quale si era rivolto il classe '87, ha dichiarato di aver somministrato una "flebo IV per favorirne l'idratazione" nel corso dell'annata disputata con il Siviglia. Ma l'agenzia antidoping spagnola ha raccomandato alla Disciplinare Uefa di proseguire nelle indagini perché il trattamento supera le dosi (50 millilitri) e la durata (6 ore) consentiti. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.