Calciomercato, no dei tifosi del Lecce a Strambelli: colpa del trenino

Il calciatore del Matera paga un'esultanza al "Via del Mare" ai tempi della Fidelis Andria: i tifosi non lo vogliono, la società fa dietrofront.

Lo striscione dei tifosi del Lecce contro Nicola Strambelli, possibile acquisto dal Matera

20 condivisioni 8 commenti

di

Share

Una pista di calciomercato tanto calda da apparire alla curva finale, quella della firma, frenata per colpa di un "trenino". Come quello che Nicola Strambelli, centrocampista offensivo classe 1988 oggi in forza al Matera, aveva imitato con alcuni suoi compagni della Fidelis Andria per festeggiare una vittoria della formazione biancoazzurra sul terreno del "Via del Mare" di Lecce nel settembre 2015: 1-3 alla prima giornata del campionato di Lega Pro 2015/2016 e celebrazioni che avevano lasciato in eredità più di qualche polemica. Un film ripetuto dal diretto interessato il 4 dicembre 2016, quando era andato a segno nel 3-0 con cui il Matera aveva sbancato Lecce. 

In quella sfida del 7 settembre 2015, Strambelli aveva chiuso i giochi realizzando un calcio di rigore con un cucchiaio in pieno recupero e festeggiando poi con il tanto contestato "trenino", eco dell'esultanza ideata nel Bari 1994/1995 dal colombiano Miguel Angel Guerrero.  Polemiche che più di qualcuno a Lecce non ha dimenticato: così, quando Strambelli è stato trattato dalla dirigenza giallorossa e la sua firma si è avvicinata, ecco che nei pressi della villa comunale, a pochi passi dalla sede del Lecce, nella notte di martedì 9 gennaio è apparso uno striscione eloquente.

Calciomercato, i tifosi del Lecce non vogliono Nicola Strambelli
Calciomercato, i tifosi del Lecce non vogliono Strambelli: il no in uno striscione

Quello dei tifosi del Lecce, o di una loro parte, è un messaggio che non ha bisogno di interpretazioni in sede di calciomercato. Il nome di Nicola Strambelli, autore di 9 reti in 49 presenze nell'ultimo anno e mezzo a Matera, non è gradito. Nonostante un curriculum che lo attesti come un lusso per la categoria. Troppo influenti la rivalità con Bari, acuita dallo scandalo calcioscommesse del 2011, e quel trenino che per più di qualcuno ha saputo di provocazione.

Calciomercato Lecce, i tifosi bloccano l'acquisto di Strambelli: colpa del trenino

Dalle due società preferiscono non commentare l'episodio, ma la sensazione è che la trattativa si sia arenata a un passo dalla firma, con il Lecce che ora sonda un altro numero 10 come Lucas Chiaretti del Cittadella. Bocca cucita anche da parte del diretto interessato, apostrofato come "infame barese". Radici geografiche e tecniche (è cresciuto nel settore giovanile del Bari) che hanno dato vita a un percorso professionale passato per Sorrento, Andria, Noicattaro, Taranto e Monopoli, estremizzate con quei festeggiamenti che a Lecce non hanno dimenticato.

Il caso di Strambelli ricorda la vicenda di calciomercato nel 2008 coinvolse il serbo Dejan Stankovic, in partenza dall'Inter in direzione Juventus. Mentre le parti stavano definendo il trasferimento, nel ritiro bianconero comparve uno striscione dai toni minacciosi e l'affare non andò in porto. Un film che potrebbe rivedersi, con Lecce e Matera protagoniste. Le due squadre hanno congelato la trattativa fino a domenica 14 gennaio, quando saranno avversarie in Coppa Italia Lega Pro sul terreno del "Via del Mare", ma la strada per portare Strambelli in Salento si è fatta decisamente ripida.

Nicola Strambelli, il suo trasferimento dal Matera al Lecce è stato bloccato dai tifosihttp://www.gazzamercato.it
Nicola Strambelli, il suo trasferimento dal Matera al Lecce bloccato dai tifosi

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.