Super Bowl LII, l'inno nazionale Usa sarà cantato da Pink

Svelato il nome della cantante protagonista del momento clou nel Super Bowl LII, in calendario al Bank Stadium di Minneapolis.

Super Bowl 2018, sarà Pink a cantare l'inno nazionale a Minneapolis

21 condivisioni 4 commenti

di

Share

I nomi delle due rivali che si affronteranno domenica 4 febbraio per la finale della National Football League al Bank Stadium di Minneapolis, in Minnesota, per uno degli eventi più attesi dello sport statunitense, non sono ancora noti. Per il Super Bowl 2018, 52^ edizione dell'evento in grado di unire come pochi tecnica e spettacolo, sugli spalti e in campo, si prospetta però una qualità canora molto elevata.

Il momento in cui tutto lo stadio intona l'inno nazionale statunitense è uno dei più attesi dell'intera serata, un pilastro nella tradizione del mondo sportivo USA. A nobilitare le note di "The Star-Spangled Banner" nell'edizione 2018 del Super Bowl ci sarà la splendida voce di Pink: sarà la cantautrice e attrice statunitense, che in carriera ha venduto oltre 40 milioni di copie di album e 70 milioni di singoli in tutto il mondo, ad anticipare l'incontro.

Pink segue nel blasonato elenco nomi che occupano posizioni di rilievo nel panorama musicale mondiale come Lady Gaga, Billy Joel, Alicia Keys, Beyonce, Christina Aguilera, Whitney Houston e Mariah Carey. Nella scorsa edizione il delicato compito era toccato al cantante country Luke Bryan, mentre per molti resta indimenticabile l'edizione 2004: durante lo spettacolo eseguito in coppia con Justin Timberlake cantando “Rock Your Body”, la cantante Janet Jackson restò con un seno scoperto a causa di un inatteso incidente di scena. Timberlake avrebbe dovuto rimuovere solo il body e non il reggiseno: la Jackson fu bannata a vita della NFL e subì una multa salata dalla CBS, l’emittente che aveva trasmesso in diretta l'esibizione.

Super Bowl 2018, Pink canterà l'inno nazionale: torna anche Justin Timberlake

Sarà quindi Pink, nome d'arte di Alecia Beth Moore, a cantare l'inno nazionale statunitense nel prossimo Super Bowl, che si disputerà quando in Italia la mezzanotte tra sabato 3 e domenica 4 febbraio sarà passata da 30 minuti. Un premio roboante per la cantante classe 1979, tornata in scena dopo quasi cinque anni di assenza con l'album "Beautiful Trama", una collezione di inediti. Sul palco di uno degli eventi sportivi più importanti al mondo si rivede dunque un volto femminile, due anni dopo l'esibizione di Lady Gaga.

Che per Pink sarebbe stato un 2018 ricco di sorprese, lo aveva anticipato la stessa cantante originaria di Doylestown, Pennsylvania, con un tweet nel quale si diceva entusiasta del Grammy's Tour e menzionava tante novità "segrete". Una è stata svelata. E che novità. Il Super Bowl.

Pink non sarà l'unica star sul palco. Il Super Bowl 2018 sarà anche caratterizzato dal ritorno dopo 14 anni di Justin Timberlake, atteso nel corso dell'Halftime Show, all'intervallo, con alcuni brani del suo nuovo album Man of the Woods, si esibirà durante l'Halftime Show. Spazio anche all'attrice e regista Alexandria Wailes, che si  esibirà nella lingua dei segni americana per l'inno nazionale e il brano "America the Beautiful". Uno spettacolo (diretta tv su FOX Sports, canale 204 della piattaforma Sky) per una platea media di circa 110 milioni di telespettatori in tutto il mondo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.