Ecco la nuova risposta di Conte a Mourinho: "È un piccolo uomo"

Non si fa attendere la replica del manager del Chelsea subito dopo la partita di FA Cup con il Norwich. L'ex ct azzurro ci va ancora giù pesante contro il portoghese.

72 condivisioni 67 commenti

di

Share

Più che alla partita di FA Cup pareggiata 0-0 in casa del Norwich, le attenzioni di oggi per quel che riguarda il Chelsea erano tutte concentrate sul nuovo capitolo della saga messa in scena dal suo allenatore, Antonio Conte, e colui che a Stamford Bridge ha allenato in passato, José Mourinho.

Negli ultimi giorni è successo di tutto: prima l'allusione del lusitano, che ha spiegato l'inutilità di comportarsi da clown ai lati del campo (senza fare riferimenti diretti), poi la replica fuori luogo dell'ex allenatore della nazionale azzurra, che ha accusato il tecnico del Manchester United di soffire di demenza senile.

A quel punto la palla era passata di nuovo allo Special One. E a quel punto anche lui è andato sopra le righe, esagerando e sottolineando come, nonostante i tanti errori commessi nella sua carriera, almeno non era mai stato coinvolto in situazioni di calcioscommesse. Ecco perché la conferenza stampa di Conte post FA Cup era attesissima.

Conte a Mourinho: "Un piccolo uomo"

E le attese non sono state tradite, perché logicamente dopo tutto quello che è accaduto negli ultimi giorni, subito dopo l'incontro è stato chiesto all'ex ct quale fosse la sua risposta al portoghese. Conte, ovviamente, non si è fatto pregare:

Penso che sia difficile rispondere a questo tipo di commento, perché quando una persona ha l'obiettivo di offendere e insultare un'altra, allora significa che quella stessa persona in realtà è un piccolo uomo. Ma non si tratta di una sorpresa. Lui è sempre lo stesso e sarà sempre tale.

Lui non è un mio problema: lo considero un uomo con un profilo molto basso. Quando si invecchia c’è il rischio di qualche amnesia. Può succedere a me, così come a te (riferito al giornalista, ndr). Bisogna prestare attenzione a questi rischi. José si è dimostrato un piccolo uomo più volte: commentò l’inglese di Ranieri, poi quando è stato licenziato si è messo la sua maglietta. Chiarire? Non ho nulla da chiarire con lui. Nel caso ci sarà la possibilità di farlo faccia a faccia quando giocheremo all’Old Trafford contro il Manchester United. Io sono pronto, non so quanto lo sia lui.

Per Conte, insomma, più che Special One, Mourinho è un Little One. Difficile pensare che il portoghese lasci correre e questo momentaneo 2-2 sia il risultato finale della battaglia verbale tra i due allenatori.

C'è sicuramente da aspettarsi l'inserimento di nuovi capitoli a questa saga, fino ad arrivare alla data cerchiata in rossa sul calendario: 25 febbraio 2018, quando all'Old Trafford si giocherà Manchester United contro Chelsea. O forse sarebbe meglio dire Josè Mourinho contro Antonio Conte.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.