Messi e la clausola anti-Catalogna, il padre: “Ecco la verità”

Il padre di Leo rettifica l'informazione diffusa da El Mundo del Siglo XXI

12 condivisioni 2 commenti

di

Share

Ha destato non poco scalpore (ovviamente) l'indiscrezione riguardo il contratto di Leo Messi pubblicata nella mattina di venerdì da El Mundo del Siglo XXI, ripresa da tutti i principali mezzi di comunicazione spagnoli e non.

Secondo il quotidiano, infatti, nell'ultimo rinnovo dell'argentino con il Barcellona sarebbe stata inserita una clausola che permetterebbe all'argentino di liberarsi in automatico dal club blaugrana in caso di indipendenza della Catalogna, annullando di fatto la clausola rescissoria di 700 milioni di euro.

I fan catalani hanno accolto la notizia con grande preoccupazione: da una parte il sogno di ottenere la tanto agognata autonomia politica, dall'altro il desiderio di vedere ancora a lungo Messi con la maglia del Barcellona.

Clausola anti-Catalogna per Messi, ecco la verità

A distanza di qualche ora dalla vera e propria bomba di calciomercato, ci ha pensato però il padre della Pulce, nonché suo agente, a fare chiarezza sulla situazione e i vincoli presenti all'interno del nuovo contratto di suo figlio. Jorge Messi ha parlato ai microfoni di Radio La Red, proprio per spiegare quale sia la realtà nascosta dietro l'indiscrezione lanciata da El Mundo del Siglo XXI:

C'è un accordo di Lionel con il club per restare sempre nel momento in cui si giochi in un campionato di alto livello. Se la Catalogna ottenesse l'indipendenza, Leo resterebbe se il Barcellona continuasse a giocare in un torneo competitivo.

Pur smentendo in parte la bomba di calciomercato, il padre di Messi conferma indirettamente la presenza di qualcosa di molto simile, che però non si attiverebbe in automatico in caso di proclamazione dell'indipendenza catalana.

Se il Barcellona continuasse a far parte della RFEF e, di conseguenza, a partecipare alla Liga, allora il problema non si porrebbe, perché ciò comporterebbe anche il riconoscimento UEFA e FIFA. Se la Catalogna ottenesse l'autonomia, insomma, per la Pulce non ci sarebbe nessun problema: a patto che la società di Bartomeu prenda parte a un campionato di primo livello.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.