Cristiano Ronaldo: "Io, benedetto dal talento. 2017 incredibile..."

Il portoghese, in un'intervista ad AS, torna a Funchal (dove è nato) e tira le somme dell'anno appena trascorso: "Ringrazio chi ha creduto in me e tutti i miei fans"

17 condivisioni 5 commenti

di

Share

Se ne sta su una collina di Funchal, la capitale dell’arcipelago di Madeira, e guarda tutti dall’alto verso il basso. Prima, però, sistema in bella vista i trofei personali ottenuti nel corso della sua gloriosa carriera. Tra i quali, senza dubbio, spiccano centralmente i cinque Palloni d’Oro, l’ultimo ottenuto proprio nel 2017. 

Cristiano Ronaldo tira le somme: dodici mesi sensazionali in cui, oltre al riconoscimento come calciatore più forte del mondo, ha conquistato cinque titoli con il Real Madrid.

Cinquantatre gol totali, la vittoria in Liga, un’altra Champions League, un altro Mondiale per Club, i premi della Fifa, il record di gol nella fase a gironi della Champions 2017-2018 (9 in 6 partite). Il portoghese, in un’intervista rilasciata al quotidiano AS, analizza l’anno appena trascorso e si proietta nel 2018 con la stessa voglia di sempre di continuare a migliorare. 

Cristiano Ronaldo: "Io, benedetto dal talento. 2017 incredibile..."

Cristiano Ronaldo è tornato dove è nato, dove tutto è partito. E ora da lì, da quella collina, ci tiene a ricordare i primi calci e a ringraziare coloro che gli hanno permesso di realizzare i propri sogni:

Il 2017 appena terminato per me è stato veramente un anno incredibile. Mi guardo indietro e provo qualcosa di emozionante nel vedere tutto ciò che sono riuscito a conquistare da quando ho iniziato a giocare a calcio, in queste strade di Madeira.

I ringraziamenti si sprecano. CR7 ha un pensiero per tutti: famiglia, amici, ex compagni, ex tecnici e soprattutto i tifosi. L'affetto intorno a lui continua a crescere: ha quasi raggiunto i 300 milioni di followers tra Twitter, Facebook e Instagram. Cristiano Ronaldo è l'atleta con più seguaci totali sui social network:

È vero, sono stato benedetto dal talento, però per ottenere il massimo da questo dono ho dovuto lavorare tanto e l’ho fatto. Voglio ringraziare le persone che mi hanno aiutato nel lavoro, perché senza di loro non avrei mai ottenuto tutti questi successi. A chi dedico le vittorie? Sicuramente alla mia famiglia, mi è stata sempre vicina, anche nei momenti meno belli. E poi ai miei amici, che non hanno mai smesso di credere nei miei mezzi, ai miei ex compagni e ai miei ex allenatori delle squadre di club e della Nazionale portoghese. Infine voglio ringraziare pubblicamente tutti i miei fans, il loro sostegno è tutto ciò che mi spinge a continuare a dare il massimo in qualsiasi sfida che affronto.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.