Premier League, lazzaretto Manchester United: Ibrahimovic e Lukaku ko

Il ginocchio di Zlatan torna a fare scherzi, il belga è uscito in barella contro il Southampton: Mourinho perde i due big per l'inizio del 2018.

Premier League, Manchester United: Ibrahimovic e Lukaku infortunati

19 condivisioni 1 commento 4 stelle

di

Share

Partiamo dalla notizia positiva per il Manchester United: il 2017 se ne va in soffitta. Non tanto per l'anno in sé (è pur sempre entrata in bacheca l'Europa League), quanto per il mese di dicembre: dal derby perso contro Guardiola all'eliminazione dall'EFL Cup per mano del Bristol City, passando per i tre pareggi in successione contro Leicester, Burnley e Southampton.

Come se già non bastasse lo 0-0 contro i Saints, nella 21ª giornata di Premier League, il povero José Mourinho sarà costretto a rinunciare per i prossimi impegni ai due pezzi da novanta dell'attacco: Zlatan Ibrahimovic e Romelu Lukaku.

Lo svedese non è neanche stato convocato per l'ultima partita dell'anno, mentre il centravanti belga è uscito dopo neanche un quarto d'ora: lo scontro d'alta quota con l'ex laziale Hoedt lo terrà fermo a box in questo inizio 2018. Insomma, in casa Red Devils piove sul bagnato: alla distanza siderale dal City capolista si è aggiunto anche il sorpasso al secondo posto del Chelsea.

Premier League, Ibrahimovic e Lukaku entrambi out

Testa (di Hoedt) contro nuca (di Lukaku): nel duello aereo tra i due avversari, chi ha avuto la peggio è stato il numero 9 dello United. Romelu è caduto a terra, lo scontro ha richiesto anche l'utilizzo della barella e della maschera d'ossigeno da parte dei medici. Come riportato dal club tramite un comunicato ufficiale, però, nessuna conseguenza di grave entità.

Il che non vuol dire che l'ariete 24enne sarà subito disponibile per i primi appuntamenti del 2018: la sfida di Premier League contro la sua ex squadra, l'Everton, nel giorno di Capodanno e la gara di FA Cup del 5 gennaio contro il Derby County. Lo stesso Mou ha confermato questo scenario:

Purtroppo questo è il calcio, è stato solo sfortunato. Non è stato nulla di volontario e, per fortuna, nulla di serio. Credo che il problema riguarderà le prossima due partite.

"Zlatan ha 36 anni, è un leone, ma..."

Chi all'Old Trafford non era seduto neanche in panchina, come anticipato, è Ibrahimovic: lo svedese è rimasto a casa per un nuovo problema al ginocchio, lo stesso operato in primavera dopo la rottura del crociato. Anche in questo caso, è lo Special One a offrire il quadro della situazione:

Sì, è lo stesso. Zlatan ha 36 anni, è un leone - come ama definirsi - ma non è facile affrontare questo tipo di problemi. Adesso ha avuto questo piccola ricaduta e starà fuori un mese.

Niente Ibra, niente Lukaku insomma. Vederli di nuovo insieme dal primo minuto, dopo il pareggio con il Burnley, sarebbe stato comunque difficile. Prima della gara con il Southampton, Mourinho aveva spiegato quanto fosse poco propenso a ripresentarli in tandem:

Per far sì che ciò accada, devono stare entrambi al top. E in questo momento non è così. Zlatan ha subito un infortunio incredibile, che metterebbe a dura prova anche un 20enne, figuriamoci un uomo di 36 anni...

Mou comincerà così il nuovo anno senza i due big dell'attacco, che a dire la verità non stanno offrendo - per motivazioni diverse - un grande apporto al Manchester United: appena due gare da titolare (e un gol contro il Bristol) per Ibrahimovic, solamente tre reti nelle ultime 13 giornate di Premier League per Lukaku.

Un rendimento, soprattutto quello dell'attaccante pagato quasi 85 milioni di euro, che funge da cartina da tornasole per la stagione - meno esaltante rispetto alle aspettative - dei Red Devils. A Capodanno si ricomincia dall'Everton: Mou può solo augurare a se stesso e al suo United che il 2018 sia più generoso dell'anno che si sta chiudendo.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.