"Cristiano Ronaldo restituisce il Pallone d'Oro": ma è uno scherzo

Tempo di scherzi e notizie false in Spagna: CR7 restituisce il Pallone d'Oro, mentre Neymar firma per il Merida. Ma sono bufale nel Giorno dei Santi Innocenti.

112 condivisioni 8 commenti

di

Share

Il 28 dicembre, nel calendario spagnolo, è per eccellenza la data consacrata sul calendario agli scherzi. Lo chiamano il giorno dei Santi Innocenti, l’equivalente di un pesce d’aprile all’italiana. Anche il calcio non è stato esente dalla pubblicazione di fake news: tra notizie pubblicate in prima pagina e l’eco fornita dai social, l’effetto è stato comico.

Protagonista dello scoop creato ad arte più cliccato del giorno è stato Cristiano Ronaldo: a portare in prima pagina l'asso portoghese è stato il Mundo Deportivo. Il quotidiano sportivo più antico di Spagna, sempre molto vicino alle sorti del Barcellona, ha dato notizia della restituzione del quinto Pallone d'Oro, conquistato un mese fa da parte di CR7. Un titolo accompagnato da una foto che ritrae il numero 7 del Real Madrid e Lionel Messi durante la cerimonia di premiazione. Curiose le motivazioni legate alla falsa scelta:

Cristiano Ronaldo ha chiamato Messi per restituirgli il Pallone d'Oro dopo la delusione del Clasico. Già dopo il ko del Bernabeu, Cristiano Ronaldo aveva avvisato i suoi compagni di squadra dell’intenzione. Inutili sono stati i tentativi degli altri calciatori del Real di farlo tornare sui propri passi ma senza dissuaderlo.

Una soluzione estrema, dettata dunque dall'amarezza per lo 0-3 prenatalizio del Bernabeu, che ha di fatto cancellato i sogni di vetta in Liga per le Merengues, oggi lontane 14 punti dal Barcellona. Ad attestare la bontà della bufala, anche la firma dell'articolo: è di Narciso de Madeira, nome legato all'isola dove è nato Cristiano Ronaldo.

Giorno dei Santi Innocenti, in Spagna Cristiano Ronaldo e Neymar tra le fake news

Nella tradizione spagnola, il Giorno dei Santi Innocenti è quello in cui è comune l’idea di fare e accettare scherzi. Una tradizione cattolica, nata per ricordare l’uccisione dei bambini sotto i due anni nati a Betlemme per volontà del Re Erode al fine di ammazzare Gesù di Nazareth, combinata con la festa dei folli, celebrata tra il giorno di Natale e Capodanno con partecipanti eccentrici. Di qui la moda di scrivere in questa data notizie dal sapore comico, come quella che ha riguardato Cristiano Ronaldo.

Cristiano Ronaldo e Lionel Messi alla cerimonia di premiazione del Pallone d’Oro 2017
Cristiano Ronaldo e Lionel Messi, premiazione del Pallone d’Oro 2017: ha ispirato la fake news nel Giorno dei Santi Innocenti

Queste notizie sono chiamate in Spagna con un termine studiato per l’occasione: inocentada. Dall’ondata di fake news è stato travolto anche Neymar: il Merida, club di Segunda Division B, ha annunciato sul proprio profilo Twitter l’ingaggio della stella brasiliana oggi al Paris Saint-Germain. Un’ufficialità, ovviamente solo sulla carta.

Un'altra istituzione del calcio spagnolo come Xavi Hernandez è stata tra le vittime illustri del Giorno dei Santi Innocenti. Oggi calciatore dell’Al-Saad, in Qatar, l’ex capitano del Barcellona è stato annunciato dal CE Vila Olimpica, società di calcio giovanile catalana, come un nuovo dirigente. Anche in questo caso, fermi tutti: è una notizia inventata ad hoc.

Dal pallone ai motori, il Giorno dei Santi Innocenti coinvolge stelle di ogni sport. Tra questi, il pilota di Formula 1 Fernando Alonso: la Toyota ha diffuso sui propri canali social la notizia dell’accordo con il 36enne di Oviedo, oggi in scuderia Renault, per correre la 24 Ore di Le Mans nel giugno 2018. Nessun tradimento, è solo uno scherzo. Come d'abitudine, ogni 28 dicembre in Spagna.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.